COOP. “SERVIRE” TREVISO                                         COOPERATIVA “ATLANTE”

 AREA INTERCULTURA                                                              VICENZA

 

CENTRO DI ACCOGLIENZA IMMIGRATI

GIAVERA DEL MONTELLO - TV

 

 

 

A COLORO CHE OPERANO NELL’AMBITO DELL’EDUCAZIONE,  DELL’INTERCULTURA E PER MENTI… NOMADI

 

PROPONGONO:

 

Trovare un racconto... 
... scoprire un incontro
 

 

 


Laboratorio attivo di narrazione interculturale

 

 

Lubenice, un paesino piccolo piccolo abbarbicato su uno spuntone di roccia dell’isola di Cres (Istria), ci accoglierą regalandoci immagini suggestive di un luogo che sa ancora stupire. Olivi, querce e uno splendido mare

faranno da cornice ad un racconto della grande narrazione delle “Mille e una notte”.

Le vicende di Shaharazad accompagneranno educatori stranieri e viaggiatori a passare dall’unica storia che conosciamo bene (la nostra) ad ascoltare ed incontrare

altre storie e altri volti.

 

 

 

 

 

Entreremo nel racconto ‘giocando’ con la luce, i suoni, movimenti creativi e la parola narrata…

… sapendo che la soglia si varca in punta di piedi,

ed Ź la notte il tempo magico per raccontare…

 

 

Indicazioni operative

 

Partenza venerdď 17 settembre 2004 ore 20.00

con pernottamento in Istria

 

Sabato 18 settembre : trasferimento all’isola di Cres (Croazia)

 

Domenica 19 settembre : rientro in serata

 

Contributo spese: 110 euro

(iscrizione, viaggio, traghetto,

pernottamenti e parte del vitto)

 

Necessaria carta d’identitą o passaporto.

Iscrizioni telefonando al 328 0975970

Chi aderisce verrą ricontattato per definire i dettagli della partenza.

 

 

“Noi raccontiamo storie perché ci accade di prendere la strada sbagliata, altrimenti non avremmo cose da raccontare. ť lo sbagliare strada, il cambiamento di rotta che ci dą la possibilitą di stupirci di qualche cosa: sulla strada sbagliata c’Ź sempre qualcuno che sta aspettando… sarą grazie a questo spostamento che, se poi riusciamo a tornare,

ci troveremo piĚ ricchi.

Se andremo dritti non ci arricchiremo mai.” (M. Baliani)

 

 

Per non lasciare a casa possibili partecipanti

chi da’ l’adesione si impegna  a non lasciare vuoto il suo posto.