Homepage
31 dicembre 2007
Accordo Italia Libia sui migranti

Estrema preoccupazione per l’annunciato accordo italo-libico espressa dall'Associaizone Studi Giuridici sull'Immigrazione.

L’ASGI esprime estrema preoccupazione per l’ accordo raggiunto, dopo trattative coperte dal piĚ stretto riserbo, tra il Governo italiano ed il Governo libico in materia di contrasto all’immigrazione irregolare, accordo di cui il Ministero dell’Interno ha dato notizia con un laconico comunicato emanato il 29 dicembre 2007. La condizione dei migranti irregolari, arrestati o detenuti in Libia, denunciata da diverse agenzie umanitarie, e testimoniata da coloro che, giunti in Italia, hanno avuto accesso alla procedura di asilo, rimane ben lontana dall’effettivo rispetto dei diritti fondamentali della persona. I futuri tentativi di respingimento in mare, attuato con il pattugliamento congiunto italo libico delle acque prospicienti quel paese, potranno essere causa di ulteriori tragedie, aumentando il numero gią impressionante delle vittime.

L’ASGI ricorda che gli accordi bilaterali di riammissione dei migranti irregolari non possono limitarsi ad intese operative a livello di forze di polizia o di rappresentanze diplomatiche, sottratte come tali alla verifica del Parlamento, né possono risultare in contrasto con il diritto internazionale del mare universalmente riconosciuto o con le norme di diritto interno ed internazionale relative alla protezione dei rifugiati. In particolare nel caso di interventi di pattugliamento in alto mare o nelle acque territoriali dei paesi di transito dei migranti occorre sempre dare scrupolosa attuazione alle norme che garantiscano l’accesso effettivo dei potenziali richiedenti asilo al territorio dei paesi che aderiscono alla Convenzione di Ginevra.

La Convenzione Internazionale per la sicurezza della vita in mare del 1974 (Convenzione SOLAS) impone un preciso obbligo di soccorso e assistenza delle persone in mare “senza distinguere a seconda della nazionalitą o dello stato giuridico”, stabilendo altresď, oltre l’obbligo della prima assistenza anche il dovere di sbarcare i naufraghi in un “luogo sicuro”. In base al diritto internazionale marittimo un luogo sicuro Ź non solo una localitą dove la sicurezza dei sopravvissuti e le necessitą umane primarie (come cibo, alloggio e cure mediche) possano essere soddisfatte, ma Ź anche un luogo nel quale i richiedenti asilo presenti tra i migranti irregolari possano godere di un accesso pieno alla procedura di asilo prevista dalla Convenzione di Ginevra del 1951, nel rispetto rigoroso del principio di non refoulement sancito all’art. 33 della stessa Convenzione.

L’ASGI ricorda che la Libia Ź un paese che non ha neppure ratificato la Convenzione di Ginevra sui rifugiati e che pertanto l’esercizio del diritto d’asilo in Libia Ź impossibile. Parimenti la Libia Ź ancora caratterizzata da un regime dittatoriale, responsabile tanto in passato che ancora oggi, di gravissime violazioni dei diritti fondamentali della persona. Centinaia di potenziali richiedenti asilo, tra i quali molti eritrei, e soggetti vulnerabili come donne e minori, sono ancora rinchiusi nel carcere di Misurata ed in altri centri di detenzione in Libia, dove subiscono quotidianamente gravissimi abusi.

L’accordo italo-libico, per quanto Ź dato desumere dalle notizie ufficiali diramate dal governo, mancherebbe di ogni effettivo elemento di controllo e di garanzia sulla sorte dei migranti che verranno intercettati e rinviati in Libia. In tal modo, al di lą delle dichiarazioni espresse dal Governo italiano relative alle finalitą meritorie del contrasto del tragico traffico degli esseri umani, l’accordo pone oggettivamente l’Italia in un pericolosissimo vortice di gravi responsabilitą dirette per le violazioni dei diritti fondamentali della persona che in territorio libico potranno essere commesse a danno dei migranti che saranno respinti o arrestati in quel paese.

Di fronte ad una situazione di tale gravitą, l’ASGI chiede al Governo italiano di rendere pubblico il testo dell’accordo, ivi comprese le modalitą operative e l’impegno di spesa a carico dell’Erario, e comunque di rinviare con immediatezza la intera tematica al Parlamento, come sarebbe peraltro richiesto dall’art. 80 della Costituzione per i trattati internazionali “che sono di natura politica” o che importano “oneri alle finanze”, al fine di potere individuare nelle opportune sedi, e con la dovuta trasparenza, le iniziative da attuare sul piano internazionale rivolte al contrasto del traffico degli esseri umani nel pieno rispetto dell’insieme delle norme internazionali sui diritti dell’uomo e del diritto d’asilo in particolare.
31 dicembre 2007
Accordo Italia Libia sui migranti
Estrema preoccupazione per l’annunciato accordo italo-libico espressa dall'Associaizone Studi Giuridici sull'Immigrazione.

14 dicembre 2007
Ordinanze degli enti locali : parere dell'ASGI in FVG
Richiesta di annullamento dell’ordinanza del Comune di Azzano Decimo (n. 41/2007) avente come oggetto l’attuazione delle disposizioni legislative in materia di iscrizione anagrafica.

14 dicembre 2007
Matrimoni di cittadini stranieri irregolari: parere dell'ASGI
Richiesta di annullamento delle circolari del Sindaco del comune di Caravaggio e di altri Sindaci di comuni della provincia di Bergamo altri aventi come oggetto e finalitą l’impedimento alla celebrazione di matrimoni ove almeno uno degli sposi sia nella condizione di straniero non regolarmente presente in Italia.

4 dicembre 2007
News Europa - ASGI - dicembre 2007
Bollettino completo delle novitą legislative europee a cura di Chiara Favilli (ASGI). NEWS Europa - dicembre 2007

4 dicembre 2007
Ordinanze degli enti locali
Richiesta di annullamento della delibere dei Comuni di Cittadella, Thiene e altri aventi come oggetto il controllo dei requisiti di legge in materia di iscrizione anagrafica, in materia igienico-sanitaria e di pubblica sicurezza. Lettera dell'ASGI

3 dicembre 2007
Approfondimento ASGI
Disposizioni urgenti in materia di allontanamento dal territorio nazionale per esigenze di pubblica sicurezza: comunicato stampa e nota tecnica dell'ASGI, rassegna stampa interventi

27 novembre 2007
Disegno di legge delega sull'immigrazione
Audizioni della I Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati

19 novembre 2007
Libro verde UE sull'asilo - Intervento dell'ASGI
Audizioni pubbliche il 7 novembre 2007 presso la Commissione europea da parte della societą civile sul Libro Verde sul futuro regime comune europeo in materia di asilo . L'intervento dell'ASGI di Fulvio Vassallo Paleologo

12 novembre 2007
Appello ai parlamentari europei - No alla Direttiva della vergogna
Il 29 novembre verrą sottoposta al Parlamento Europeo la nuova proposta di direttiva europea sulla detenzione ed espulsione degli stranieri.

2 novembre 2007
Diritto Immigrazione e Cittadinanza
Sommario n.3 - anno 2007 Rivista trimestrale promossa da Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI) e da Magistratura Democratica edizione Franco Angeli Sommario Completo

Approfondimenti presenti: 74 - Visualizzati da: 1 a 10.
Pagina 1 di 8 totali.
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 >>

Area riservata agli amministratori
ASGI - Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione
Sede legale: via Gerdill, 7 - 10100 Torino - Tel. 011.4369158 Fax 011.5217594 - segreteria@asgi.it
Sede organizzativa: via Aquileia, 22 - 33100 Udine - Tel. e Fax 0432.507115 - info@asgi.it
P.IVA 07430560016