Circolare congiunta del Ministero dell'Interno e del Lavoro e delle Politiche sociali del

3 febbraio 2012, n. 728

Ai Sigg. ri Prefetti - Loro Sedi

Al Sig. Commissario del Governo per la provincia Autonoma di Trento

Al Sig. Commissario del Governo per la provincia Autonoma di Bolzano

Al Presidente della Regione Valle d'Aosta - Aosta

Ai Sig. Questori - Loro Sedi

Alle Direzioni Regionali del Lavoro - Loro Sedi

Alle Direzioni Provinciali del Lavoro - Loro Sedi

Alla provincia Autonoma di Trento - Dip.to Servizi Sociali - Servizio lavoro - Trento

Alla provincia Autonoma di Bolzano - Isp. lavoro - Bolzano

Alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Servizio per il Lavoro - Trieste

Alla Regione Siciliana - Assessorato del Lavoro - Palermo

e, per conoscenza: Alla Direzione Generale per le politiche dei servizi per il lavoro - Sede

Al Ministero degli Affari Esteri - Roma

All'INPS - Direzione Generale - Roma

Agli Assessorati Regionali al Lavoro - Loro Sedi

Si rende noto che l'Italia ha deciso di non prorogare, oltre la scadenza del 31 dicembre 2011, il

regime transitorio, relativamente alle limitazioni per l'accesso al mercato del lavoro nei

confronti dei lavoratori subordinati di Romania e Bulgaria.

Pertanto, dal 1 gennaio di quest'anno, per effetto del meccanismo automatico previsto dal

Trattato di adesione all'Unione Europea dei predetti Stati, le limitazioni all'accesso al lavoro nei

settori produttivi per i quali operava la restrizione devono ritenersi decadute.

Il Direttore Centrale per le Politiche dell'Immigrazione e dell'Asilo: Malandrino

Il Direttore Generale dell'Immigrazione e delle Politiche di Integrazione: Forlani