Permessi di soggiorno. Cancellieri: “Rivoluzione entro febbraio”

Il ministro dell’Interno: "Una nuova norma entro 2-3 settimane, anche sulla tassa. Terremo conto di chi è in difficoltà"

Roma - 2 febbraio 2012 - "Stiamo mettendo a punto una norma, che dovremmo completare entro 2-3 settimane, che apporterà una rivoluzione" nelle misure che regolano "tassa e permessi di soggiorno" per gli immigrati. Lo ha annunciato il ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri, intervenendo ieri in commissione Affari costituzionali della Camera sulle linee programmatiche del suo dicastero.

I cambiamenti, ha spiegato la titolare del Viminale, "si rifletteranno anche sul versante economico" tenendo conto, "nel riordino della materia, anche delle difficolta'" di chi è chiamato a pagare la nuova tassa.  "Abbiamo scelto la strada della razionalizzazione", ha aggiunto i ministro, “preferendo intervenire con un discorso più ampio".

Cancellieri è tornata a parlare anche di cittadinanza alle seconde generazioni, dicendo che nel governo ''non ci sono chiusure, ma neppure un'apertura incondizionata". Non si può diventare italiani “per mero automatismo,  ma al termine di un processo di reale integrazione", come ad esempio vivere stabilmente e aver fatto gli studi nel Paese.

"La mia valutazione - ha spiegato il ministro - e' quella di considerare il fenomeno con grande realismo politico. Credo che insieme - ha aggiunto - il governo e il parlamento possano trovare il giusto punto di equilibrio".