LEGGE 21 marzo 2016, n. 45

Istituzione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione. (16G00054)
 
 Vigente al: 3-9-2016  
 
 
  La  Camera  dei  deputati  ed  il  Senato  della  Repubblica  hanno
approvato; 
 
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
                              Promulga 
 
la seguente legge: 
 
                               Art. 1 
 
  1. La Repubblica riconosce  il  giorno  3  ottobre  quale  Giornata
nazionale in memoria  delle  vittime  dell'immigrazione,  di  seguito
denominata Ā«Giornata nazionaleĀ», al fine di conservare e di rinnovare
la memoria di quanti hanno perso la vita nel  tentativo  di  emigrare
verso il nostro Paese per sfuggire alle guerre, alle  persecuzioni  e
alla miseria. 
  2. La Giornata nazionale non determina gli effetti  civili  di  cui
alla legge 27 maggio 1949, n. 260. 
                               Art. 2 
 
  1. In occasione della Giornata nazionale sono organizzati in  tutto
il territorio nazionale cerimonie, iniziative e incontri al  fine  di
sensibilizzare  l'opinione  pubblica  alla  solidarieta'  civile  nei
confronti dei migranti, al rispetto della dignita' umana e del valore
della vita di ciascun individuo, all'integrazione e all'accoglienza. 
  2. In occasione  della  Giornata  nazionale  le  istituzioni  della
Repubblica,  nell'ambito  delle  rispettive  competenze,   promuovono
apposite iniziative, nelle scuole di ogni ordine e  grado,  anche  in
coordinamento con le associazioni e con gli  organismi  operanti  nel
settore, al fine di sensibilizzare e di formare i  giovani  sui  temi
dell'immigrazione e dell'accoglienza. 
                               Art. 3 
 
  1. Dall'attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o
maggiori oneri per la finanza pubblica. 
  La presente legge, munita del sigillo dello Stato,  sara'  inserita
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato. 
    Data a Roma, addi' 21 marzo 2016 
 
                             MATTARELLA 
 
 
                         Renzi, Presidente del Consiglio dei ministri 
 
Visto, il Guardasigilli: Orlando