Date: 4:26 AM 3/30/02 +0100

From: azad

Subject: romigrantsocialforum- Proposta sul Medio oriente + comu

 

RIPARTIRE DAI POPOLI

PER UN'INIZIATIVA UNITARIA SUL MEDIO ORIENTE

 

LETTERA APERTA AI MOVIMENTI E AD "ACTION FOR PEACE" IN PALESTINA

 

L'epilogo tragico di una lunga fase della lotta palestinese sembra ricondurre la vicenda di questo popolo, che aveva conquistato un suo statuto internazionale, a quella dell'altro popolo ancora piŁ pesantemente negato nell'area mediorientale, il popolo kurdo. Agghiacciano le analogie con l'odissea di Ocalan e del suo popolo: la prigionia di Arafat, la minaccia di una nuova pulizia etnica, l'uso spregiudicato del terrore di Stato e del discorso sul terrorismo, la passivitł internazionale, il rischio che la questione palestinese sia annegata e "risolta" in una spirale bellica.

 

In effetti Sharon non avrebbe avuto via libera dagli Usa se sull'area non incombesse la guerra all'Iraq, per la quale Ć vitale il ruolo dell'asse militare turco-israeliano. Una guerra che si combatterł in terra kurda, con i kurdi vittime predestinate e forse alcuni di loro nel ruolo di łscari - ma Ć in Palestina l'altro braccio della tenaglia. Ben piŁ che le velleitł subimperiali di questo o quel regime, Ć l'istanza di pluralismo e democrazia di cui sono portatori i due popoli dell'esodo l'antagonista mortale del nuovo ordine che si vuole imporre nel sangue.

 

Intifada in kurdo si traduce Serhildan. Significa "su la testa". Non Ć una tattica, Ć una scelta esistenziale. Una volta assunta, Ć incoercibile. Potranno incendiare l'area uccidendo Arafat od Ocalan, potranno moltiplicare le esecuzioni e le stragi e tentare di travolgere anche il popolo kurdo nella reazione disperata in cui Ć stata trascinata una parte del movimento palestinese; ma non avranno ragione di popoli che hanno deciso di coesistere da uguali.

 

I due percorsi di resistenza e identitł culturale e nazionale hanno prodotto strutture di societł civile ricche e articolate, in patria come nell'esilio europeo e nei campi profughi mediorientali o anatolici. E' impressionante l'analogia fra la rete dei Comitati popolari nati nella prima Intifada e rinnovati nella seconda, e quella delle Piattaforme per la Democrazia nel Kurdistan turco. La repressione piŁ feroce non puś spezzare queste reti, ma possono oscurarle il silenzio e la rimozione - o il frastuono assordante della guerra.

 

Per questo Ć importante che i movimenti pacifisti e antiglobalizzazione abbiano deciso di tornare in Palestina a condividere la lotta dei palestinesi e dei pacifisti israeliani, dopo un decennio in cui ogni soluzione pareva delegata alla diplomazia. Sarebbe utile che quest'esperienza si confronti e si saldi con la presenza costante di delegazioni e osservatori nel Kurdistan. E che si ricostruisca cosô un discorso unitario sul Medio oriente, nei tempi imposti da una spirale di guerra che unifica tragicamente le varie questioni: dall'embargo all'Iraq alla repressione dei kurdi, dal terrore antipalestinese alla crociata antislamica e alla "guerra permanente". Un discorso che riparta dai diritti delle persone e dei popoli e non dai regimi, superando le aporie legate all'epoca dei blocchi e alla logica amico-nemico che di volta in volta produsse gl'innamoramenti per Nasser o Saddam, Khomeyni o Gheddafi.

 

Proponiamo che a metł aprile s'incontrino le delegazioni di ritorno dal Newroz kurdo e da Action for Peace in Palestina, e che il confronto vivo di esperienze dia vita ad Osservatori per i diritti umani e dei popoli nel Medio oriente, specie in cittł come Napoli, Roma e Milano dove esiste un ricco tessuto di pensiero e d'impegno. Strutture d'informazione puntuale sulle esperienze di resistenza sociale e civile, e di servizio per le delegazioni che dovranno moltiplicarsi e ricostruire una vera diplomazia popolare, sulle macerie di quella istituzionale.

 

Associazione "Azad - Libertł per il popolo kurdo"

 

E-mail <mailto:ass.azad@libero.it>ass.azad@libero.it

 

 

 

..................................................................................................................................................................................

 

 

 

Comunicato stampa di Azad - 30.3.02

 

 

 

IL PKK SMENTISCE LE "SPECULAZIONI PROPAGANDISTICHE"

 

CIRCA IL SUO CAMBIAMENTO DI NOME E DI STRATEGIA

 

 

 

In un comunicato datato 29 marzo, diffuso in Italia dall'Ufficio d'informazione del Kurdistan, il Consiglio di presidenza del PKK ha smentito le "speculazioni propagandistiche" diffuse in questi giorni dalla stampa turca, e riprese anche da organi di stampa italiani, circa il suo cambiamento di nome e di strategia.

 

Il massimo organo dirigente del partito di Ocalan afferma che "non risponde a veritł che si sia gił tenuto l'VIII congresso del partito" e quindi "il PKK non ha cambiato il suo nome nÄ assunto nuove decisioni: quando il congresso si terrł i documenti conclusivi saranno divulgati all'opinione pubblica". Comunque "ciś che il PKK vuole non Ć un cambiamento di nome, ma una sua rifondazione e l'avvio di una struttura nuova".

 

Il comunicato respinge anche con indignazione le illazioni su presunti finanziamenti illeciti del partito. "La nostra unica fonte di finanziamento - si afferma - Ć il popolo kurdo".

 

L'associazione Azad, nata per affermare l'identitł e la dignitł di un popolo negato, chiede alla stampa italiana di usare la massima correttezza nei confronti di un partito radicato fra milioni di persone, come hanno confermato le grandi manifestazioni per il Newroz in Turchia e in Germania. Un partito nei cui confronti l'Italia ha grandi responsabilitł, se non altro perchÄ il suo leader, condannato a morte in Turchia, Ć stato tardivamente riconosciuto come perseguitato politico dalla magistratura italiana.

 

 

 

 

Yahoo! Groups Sponsor

ADVERTISEMENT

<http://rd.yahoo.com/M=215002.1818248.3328688.1261774/D=egroupweb/S=1705905023:HM/A=847665/R=0/*http://ads.x10.com/?bHlhaG9vbW9uc3RlcjcuZGF0=1017458659%3eM=215002.1818248.3328688.1261774/D=egroupweb/S=1705905023:HM/A=847665/R=1>

 

 

---  ---  ---  ---  ---  ---  ---  ---

iscriviti / To subscribe this group, send an email to:

romamigrantforum-subscribe@yahoogroups.com 

 

Per vedere i messaggi precedenti / To learn more about the romamigrantforum group, please visit

<http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/messages>http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/messages

 

per scaricare la scheda segnalazione abusi ai migranti e gli atti della Conferenza Mondiale Contro il Razzismo / to see the form for the signalations of abuses to migrants and the acts of the WCAR go to

<http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/files/>http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/files/

 

per sottrarsi dalla lista / To unsubscribe from this group, send an email to: romamigrantforum-unsubscribe@yahoogroups.com 

 

Your use of Yahoo! Groups is subject to the <http://docs.yahoo.com/info/terms/>Yahoo! Terms of Service.