Date: 9:54 PM 9/22/02 +0200

From: dino frisullo

Subject: RMSF - ISICILIA: BASTA STRAGI! Un esposto contro Maroni

 

RICHIESTA URGENTE

 

Trovate qui sotto il comunicato stampa in cui si preannuncia l'esposto-denuncia (allegato anch'esso in questo messaggio) che sarł depositato MARTEDI' MATTINA alla Procura della Repubblica di Roma contro il ministro Maroni e il governo Berlusconi, per avere di fatto aperto la strada ai trafficanti e alle stragi in mare chiudendo da diciotto mesi ogni possibilitł d'ingresso legale in Italia, ed omettendo quindi un obbligo di legge.

 

Chiedo a tutti/e (esponenti dell'associazionismo e dei Forum sociali, parlamentari, operatori del diritto...) di sottoscrivere l'esposto, se lo vorranno, inviando ENTRO LUNEDI' SERA una mail all'indirizzo <mailto:bastastragi@libero.it>bastastragi@libero.it .

 

Ovviamente le adesioni, ai fini giuridici, possono solo essere individuali.

 

Questa iniziativa non intende certo sostituirsi alle necessarie mobilitazioni, gił in atto in Sicilia e da estendere a livello nazionale, contro questa inaccettabile e infame catena di stragi del proibizionismo. Vuole solo additare con il massimo di forza il nesso fra politiche di chiusura e incentivazione/sfruttamento dell'immigrazione clandestina. Gił martedô prossimo lo grideremo davanti al Senato, nella manifestazione degli immigrati (e non solo di loro, spero) che dalle 15 alle 21 accompagnerł la votazione sul "decreto Maroni" sulla regolarizzazione.

 

Un abbraccio a tutti/e

 

Dino Frisullo (rif. tel. 339.6504639)

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

(Comunicato stampa inviato oggi, subito dopo l'ennesimo naufragio in Sicilia)

 

IMMIGRAZIONE: NUOVI MORTI IN SICILIA:

 

"CHI CHIUDE GLI INGRESSI LEGALI E' CORRESPONSABILE DELLE STRAGI"

 

GIA' PRONTO UN ESPOSTO CONTRO IL MINISTRO MARONI

 

L'emissione dei decreti per consentire almeno un minimo di ingressi legali nel 2002 Ć un obbligo di legge per il governo e in particolare per il ministro Maroni, che ha annunciato piŁ volte la sua intenzione di disattenderlo. Per questo Dino Frisullo, segretario di Senzaconfine, e Sergio Zulian, per il comitato M-16 promotore della recente manifestazione di Treviso, raccoglieranno domani altre firme di esponenti dell'associazionismo in calce a un esposto-denuncia che sarł depositato martedô alla Procura di Roma a carico del ministro Maroni e del presidente Berlusconi per omissione in atti d'ufficio, con la possibile aggravante della corresponsabilitł nell'incentivo dell'immigrazione clandestina e nelle stragi che ne derivano.

 

Le vittime dell'ultimo massacro di migranti vengono difatti dalla Tunisia, paese al quale nel 2001 furono riservate quote d'ingresso per lavoro: il blocco di questo canale ha gettato nelle braccia dei trafficanti migliaia di giovani tunisini, molti dei quali peraltro fuggono in realtł per motivi politici ma non hanno speranza di ottenere asilo da un paese, come l'Italia, storicamente legato al regime tunisino. Il blocco degli ingressi legali, che dura ormai da diciotto mesi, ha consentito alla grande mafia che gestisce il flusso di profughi e migranti dall'Anatolia e dal Mediterraneo orientale di estendere il suo raggio d'azione al Nordafrica e all'Africa nera, da dove venivano i liberiani morti nell'agrigentino.

 

L'immediata apertura di canali d'ingresso legale, insieme (e non in alternativa) alla legalizzazione di tutto il lavoro nero gił presente in Italia, sarł anche al centro della manifestazione in programma martedô pomeriggio davanti al Senato, durante la votazione del "decreto Maroni".

 

Roma, 22.9.02

 

-------------------------------------------------------------------------------

 

ESPOSTO DENUNCIA

 

ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI ROMA

 

 

 

I sottoscritti╔╔╔╔╔╔╔╔╔, nella loro qualitł di rappresentanti di associazioni ed organizzazioni di tutela dei legittimi diritti e interessi dei cittadini e dei lavoratori stranieri in Italia, espongono quanto segue.

 

La legge n.286/1998, recante il "Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero", all'art. 3 comma 4 prescrive l'emanazione annuale da parte del Presidente del Consiglio dei ministri, sentiti i Ministri interessati e le competenti commissioni parlamentari, di "uno o piŁ decreti" per definire "le quote massime di stranieri da ammettere nel territorio dello Stato per lavoro subordinato (╔)".Tale normativa Ć da considerarsi in vigore per l'anno in corso, dal momento che la nuova legislazione sull'immigrazione, che rende facoltativa e non piŁ obbligatoria l'emissione di decreti annuali sulle quote e le modalitł d'ingresso, non Ć entrata in vigore se non in settembre e manca tuttora dei regolamenti destinati a renderla operativa.

In ogni caso anche la nuova normativa prevede che l'opportunitł di emettere i decreti in questione, e la loro misura, siano oggetto di consultazione con le commissioni parlamentari e gli enti locali.

Non solo il governo non ha provveduto ad emettere tali decreti nell'anno in corso, ma il ministro del Lavoro, che nella prassi corrente Ć designato a proporli, ha dichiarato piŁ volte alle agenzie di stampa il suo rifiuto di ottemperare all'obbligo di legge. Cosô il 29 agosto 2002 (Ansa) dichiarava che "Nel 2002 non faremo nessun nuovo decreto sui flussi, e nel 2003 valuteremo sulla base dell'esito della regolarizzazione", e il 17 settembre ribadiva (Ansa) che il Governo sarebbe impegnato a "superare il decreto annuale sui flussi con una programmazione come quella gił prevista per gli stagionali".

Infatti nel corso del 2002 con decreti ad-hoc dello stesso Ministero del Lavoro Ć stato consentito l'ingresso legale in Italia esclusivamente a quote di lavoratori stagionali destinati in larga prevalenza all'agricoltura, e destinati all'espatrio a fine lavoro.

Nel frattempo tutte le organizzazioni imprenditoriali dell'industria e dell'agricoltura, nonchÄ gli apparati statali di gestione di taluni servizi (es. sanitł), denunciavano ripetutamente la vitale necessitł di forza lavoro aggiuntiva non stagionale ma stabile, in misura calcolata da diverse fonti (es. Banca d'Italia) nell'ordine delle centinaia di migliaia di unitł ogni anno, e queste prese di posizione venivano amplificate anche dalla stampa internazionale.

Questa richiesta di lavoro stabile non puś confondersi, come fa il Governo e in particolare il ministro Maroni, con l'emersione di quote di lavoro straniero gił esistente, trattandosi con tutta evidenza della richiesta di forza-lavoro aggiuntiva e non sostitutiva di quella gił impiegata irregolarmente.Nella totale assenza, per tutto l'anno in corso, di canali d'ingresso legale per lavoro non stagionale in Italia, e nell'evidenza di un'ampia domanda di lavoro insoddisfatta in Italia, si Ć amplificato a dismisura il canale irregolare, come attesta la stima diffusa dal Ministero dell'Interno (vedi ad es. Il Manifesto del 17 settembre 2002), presumibilmente inferiore alla realtł, di 14.042 ingressi illegali in Italia nei primi sette mesi dell'anno, a fronte di 10.565 ingressi illegali nel periodo corrispondente del 2001.

L'ingresso illegale, gestito spesso da organizzazioni criminali senza scrupoli, ha comportato nell'anno in corso un incremento spaventoso di tragedie dell'immigrazione (morti per annegamento, asfissia ed altro), anche a causa dell'irrigidimento delle misure di controllo delle coste e delle frontiere che ha indotto i vettori non a rinunciare al loro traffico, ma a mettere piŁ facilmente a repentaglio la merce umana abbandonandola in mare o rinchiudendola ermeticamente nei cassoni dei Tir.

 

Tutto ciś premesso, i sottoscritti chiedono a codesto Tribunale di verificare se nei comportamenti descritti del Ministro del Lavoro, nonchÄ dell'intero governo, non sia da identificarsi una grave omissione in atti d'ufficio, nonchÄ una correlata responsabilitł nell'oggettiva incentivazione dei canali illegali d'ingresso e nel favoreggiamento rispetto a coloro che li gestiscono e ne lucrano, e dunque una corresponsabilitł anche negli esiti spesso tragici della situazione descritta.

 

I sottoscritti chiedono di essere informati degli esiti del presente esposto anche in caso di archiviazione, e designano come proprio domicilio legale ╔╔╔╔╔╔╔╔╔╔.

 

Roma, ╔╔╔╔╔╔╔╔..

 

╔╔╔╔╔╔╔╔╔╔╔╔╔╔╔..

 

 

Yahoo! Groups Sponsor

ADVERTISEMENT

<http://rd.yahoo.com/M=233214.2377745.3805144.1261774/D=egroupweb/S=1705905023:HM/A=1227861/R=0/*http://ads.track-star.com/linker.ts?ts=1;2;312;3_2_11>

 

 

---  ---  ---  ---  ---  ---  ---  ---

ISTRUZIONI PER L'USO DELLA MAILING LIST DEL

Roman Migrant Social Forum (RMSF, 157 tra associazioni e individui iscritti al 23/04/2002)

 

iscriviti a questa Mailing List con una lettera in bianco a  / To subscribe this group, send a blank email to:

romamigrantforum-subscribe@yahoogroups.com  

 

Per vedere i messaggi precedenti del Roman Migrant Social Forum / To learn more about the romamigrantforum group, please visit <http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/messages>http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/messages 

 

per scaricare la scheda segnalazione abusi ai migranti e gli atti della Conferenza Mondiale Contro il Razzismo / to see the form for the signalations of abuses to migrants and the acts of the WCAR go to

<http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/files/>http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/files/

 

per altri siti sui diritti dei migranti/ selected links:

<http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/links>http://groups.yahoo.com/group/romamigrantforum/links

 

per sottrarsi da questa lista spedisci una lettera in bianco a / To unsubscribe from this group, send a blank email to: romamigrantforum-unsubscribe@yahoogroups.com 

 

Your use of Yahoo! Groups is subject to the <http://docs.yahoo.com/info/terms/>Yahoo! Terms of Service.