Date: 2:31 PM 11/6/98 +0100

From: Sergio Briguglio

Subject: regolarizzazione (depliant)

 

Cari amici,

vi mando una bozza di depliant del ministero dell'interno, in fase di

preparazione.

 

Cordiali saluti

sergio

 

ah, dimenticavo... briguglio

 

------------------------

 

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

 

le domande devono essere presentate alla questura competente per territorio

ENTRO IL 15 DICEMBRE 1998

 

Le Questure possono accettare le domande anche utilizzando il sistema delle

prenotazioni. In tal caso il giorno in cui Ź richiesta la prenotazione vale

quale data di presentazione.

 

 

Į         REQUISITI COMUNI A TUTTI I RICHIEDENTI

 

a)         Idonea documentazione circa l'effettiva presenza in Italia prima

del 27.3.1998 (comprovando la continuitą in caso di una data molto

antecedente). Essa potrą consistere in:

-           atti provenienti dalla Pubblica Amministrazione o da questa

ricevuti (es. permessi di soggiorno scaduti, iscrizioni anagrafica o in

pubblici registri, documenti di identitą, denuncia di smarrimento degli

stessi, istanze, ecc…);

-           documenti nominativi provenienti da Enti fornitori di pubblici

servizi (contratti di utenze domestiche, documenti sanitari di data certa,

effetti postali, ecc…);

-           documentazione scolastica;

-           atti privati nominativi di data certa (contratti di locazione,

scritture private autenticate, dichiarazioni di ospitalitą effettuate ai

sensi dell'art. 147 T.U.L.P.S.);

-           documentazione alberghiera nominativa;

-           documentazione proveniente da organismi umanitari e assistenziali

attestante, inequivocabilmente, una effettiva prestazione a favore

dell'interessato (di natura assistenziale, economica, legale, ecc…).

b)         Esibizione di valido passaporto o altro documento equipollente o

attestazione di identitą rilasciata dalla rappresentanza diplomatica o

consolare in Italia del paese di appartenenza

c)         Idonea documentazione circa la sistemazione alloggiativa (contratto

locazione, o altro titolo legittimante la disponibilitą dell'immobile) in

copia, oppure un documento che accerti l'effettiva ospitalitą, nel quale si

indichi la sistemazione alloggiativa offerta allo straniero (stanza, posto

letto) supportata dall'esibizione della denuncia prevista dall'art. 7 del

"Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione

e norme sulla condizione dello straniero"

d)         3 fotografie o 4 in caso di prenotazione

e)         marca da bollo da lire 20.000.

 

 

Į         REQUISITI SPECIFICI

 

§          LAVORO SUBORDINATO O DI COLLABORAZIONE

contratto di lavoro subordinato, a tempo indeterminato, determinato, a

carattere stagionale o di collaborazione coordinata non occasionale a

condizioni non inferiori a quelle stabilite dai contratti collettivi di

lavoro applicabili.

            In ogni caso il contratto deve:

a)         contenere sottoscrizione autenticata. In luogo di tale autentica,

il contratto di lavoro potrą essere sottoscritto anche di fronte al

funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro, che provvederą ad

accertare le generalitą dei sottoscrittori ed a certificare l'avvenuta

stipula in propria presenza sulla copia;

b)         prevedere la sola condizione sospensiva della concessione del

permesso di soggiorno;

c)         riportare l'attestazione dell'avvenuta verifica della competente

Direzione Provinciale del Lavoro.

 

 

§          LAVORO AUTONOMO

 

a)         Nulla osta dell'organo competente, (Camera di Commercio, Industria

Agricoltura e Artigianato, Comune, Ordini professionali), per iscrizione in

albi o registri, per il rilascio dell'autorizzazione o licenza o per la

ricezione della denuncia di inizio dell'attivitą attestante la sussistenza

dei requisiti richiesti per lo svolgimento della specifica attivitą.

b)         Idonea documentazione relativa al possesso dei requisiti

       di    cui      all'art. 26 del Testo Unico.

-           reddito annuo, proveniente da fonti lecite, di importo  superiore

al livello minimo previsto dalla legge per l'esenzione dalla partecipazione

alla spesa sanitaria, oppure

-           di corrispondente garanzia da parte di enti o cittadini italiani o

stranieri regolarmente soggiornanti nel territorio nazionale.

c)         Idonea documentazione circa il possesso delle risorse occorrenti

per l'attivitą da intraprendere, escluso il commercio ambulante.

 

 

§          RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE

 

Sussistenza delle condizioni e dei requisiti previsti dall'art. 29 del

Testo Unico.

Il ricongiungimento familiare puė essere richiesto non solo con cittadino

straniero gią regolarmente soggiornante in possesso di permesso di

soggiorno di cui all'art. 28 commi 1 e 2 del Testo Unico, ma anche con il

familiare che abbia ottenuto un permesso di soggiorno, di durata non

inferiore ad un anno, beneficiando della regolarizzazione prevista dal

presente decreto.

Il rilascio di permessi di soggiorno per ricongiungimento familiare Ź al di

fuori dei limiti quantitativi previsti dal decreto.

 

 

§          MOTIVI DI STUDIO

 

 

Essendo soppresso il limite biennale al rilascio di permessi di soggiorno

per motivi di studio agli studenti universitari fuori corso, e non essendo

ancora in vigore il regolamento di attuazione del testo unico qui in

argomento, i permessi di soggiorno in questione possono essere rilasciati,

a richiesta degli interessati e previa verifica dei requisiti di studio

prescritti, senza tener conto del limite predetto, anche se nel frattempo,

sia stato adottato un provvedimento negativo.

 

 

Į         MOTIVI DI ESCLUSIONE

 

a)         stranieri espulsi, salvo che abbiano ottenuto la speciale

autorizzazione del Ministro dell'Interno a rientrare nel territorio

nazionale o che sia trascorso il periodo di divieto di ingresso;

b)         stranieri che sono suscettibili di espulsione per motivi di ordine

pubblico e sicurezza nazionale ovvero per i motivi di cui all'art. 13 del

T.U.;

c)         stranieri segnalati in base agli accordi internazionali ai fini del

respingimento o della non ammissione.