Date: 11:37 AM 5/8/02 +0200

From: Sergio Briguglio

Subject: ddl, a.c. 2454

 

Cari amici,

e' ripreso ieri l'esame, da parte della Commissione affari costituzionali della Camera, del disegno di legge su immigrazione e asilo.

Il resoconto della seduta e il testo degli emendamenti presentati dai vari gruppi sono alla pagina http://briguglio.frascati.enea.it/immigrazione-e-asilo/2002/maggio/

 

Sono stati approvati alcuni emendamenti minori (il piu' importante dei quali stabilisce che il documento di programmazione venga stilato ogni diciotto mesi, anziche' tre anni).

 

Una novita' interessante e' rappresentata dall'emendamento Rivolta (3.44):

 

Dopo le parole: ai sensi dell'articolo 20 aggiungere le seguenti: ť prevista una percentuale pari al 5 per cento della quota d'ingresso prefissata annua, di cui al comma 4, per gli stranieri che entrano in Italia, su richiesta di un cittadino italiano e al fine di ricerca lavoro, garantiti dallo stesso cittadino italiano che ne ha fatto richiesta allo Sportello Unico della Provincia di appartenenza.

 

 

Reintroduce, anche se in misura molto limitata (*) la possibilita' di sponsorizzazione. La Relatrice ha dato parere contrario. Cosi' pure il Governo. Rivolta (FI) non ha pero' ritirato l'emendamento.

 

Domani avra' luogo un incontro di alcuni deputati dell'opposizione con rappresentanti di associazioni. Speriamo possa giovare almeno a far capire - indirettamente - a Rutelli quanto sia prezioso, quando si sia privi di idee, il silenzio.

 

Cordiali saluti

sergio briguglio

 

 

 

(*) E' da notare che, in un successivo emendamento, Rivolta propone di disciplinare cosi' la sponsorizzazione:

 

Al comma 1, lettera d), dopo il capoverso comma 3-bis aggiungere il seguente:

3-bis-bis. Il permesso di soggiorno al fine di ricerca lavoro Ź rilasciato a seguito dei versamento, da parte di cittadino italiano che ne ha fatto richiesta, di una fideiussione bancaria a favore del Ministero dell'Interno pari a 20.000 Euro o 40.000 Euro proporzionale alla durata del permesso concesso che potrą essere di sei o dodici mesi. La domanda va presentata presso lo Sportello Unico della Provincia di competenza e comprenderą una dichiarazione di assunzione delle responsabilitą civili e dell'onere di eventuali costi sanitari che potranno anche eccedere la fideiussione versata.

La suddetta fideiussione sarą automaticamente riscossa dal Ministero dell'Interno in caso di responsabilitą accertata e per la cifra corrispondente all'esigenza creatasi. Tale formula di permesso di soggiorno non Ź rinnovabile.

5. 92.Rivolta.