Date: 10:09 AM 6/11/03 +0200

From: Sergio Briguglio

Subject: urgenza regolamento

 

Cari amici,

vi segnalo questa notizia, che induce a rivedere le considerazioni circa la mancanza di urgenza, svolte durante l'ultima riunione presso la FCEI.

 

Vi inviterei, pertanto, ad accelerare i tempi della vostra analisi della bozza che vi ho inviato la settimana scorsa, e a farvi vivi con Mantovano per opportune richieste di incontro, sia sullo schema di regolamento asilo sia sui restanti schemi.

 

Cordiali saluti

sergio

 

--------

 

2. Il prossimo Consiglio dei Ministri discuterą il regolamento d'attuazione della Bossi-Fini (Stranieri in Italia) - 9 giugno - ROMA - Settimana cruciale per gli stranieri in Italia. Dal prossimo Consiglio dei Ministri dovrebbe finalmente uscire il regolamento d'attuazione della Bossi-Fini. Un passo fondamentale prima della tanto attesa emanazione del decreto flussi 2003. Secondo alcune indiscrezioni, il Viminale ed il ministero del Welfare avrebbero gią preparato sei decreti ai quali farą riferimento il regolamento e che specificheranno "come funzionano" le novitą introdotte dalla Bossi-Fini. Prima tra tutte lo sportello Unico per l'immigrazione, che sarą istituito in tutte le prefetture ed eviterą ai datori di lavoro code e via vai tra Questure e Uffici del Lavoro. Lo sportello sarą infatti responsabile dell'intera procedura per l'assunzione di lavoratori stranieri subordinati a tempo determinato e indeterminato. Molti si aspettano che il regolamento introduca anche qualche novitą sui flussi. Ad esempio, potrebbe attuare il tanto atteso decentramento nella definizione delle quote <<http://www.stranierinitalia.it/news/ilpunto19mag2003.htm>http://www.stranierinitalia.it/news/ilpunto19mag2003.htm>. Potrebbero definirle le Regioni, o addirittura le Province dopo aver ascoltato associazioni di categoria e sindacati. Comunque vada, l'approvazione del regolamento d'attuazione Ź la conditio sine qua non per l'emanazione del decreto flussi 2003. "Il decreto - ha dichiarato tempo fa il sottosegretario al Welfare Sacconi - non puė precedere il regolamento." Intanto il tempo stringe: gli ingressi clandestini aumentano proporzionalmente alla richiesta, insoddisfatta, di manodopera delle nostre imprese. Quanto dovremo aspettare prima che si riaprano i canali, speriamo piĚ larghi che in passato, per l'ingresso regolare dei lavoratori stranieri?