Date: 9:13 AM 1/26/05 +0100

From: Sergio Briguglio

Subject: circolari decreto flussi 2005

 

Cari amici,

sul sito del Ministero del lavoro sono state pubblicate le circolari relative al decreto-flussi per i lavoratori neocomunitari e a quello per i lavoratori stranieri.

 

Giro il messaggio di Silvia Canciani (che ringrazio), che riporta il link alle circolari stesse e agli allegati (contenenti i moduli da utilizzare per le richieste di autorizzazione).

 

Per la spedizione delle richieste si applica quanto anticipato ieri: raccomandata da ufficio postale, a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto-flussi in Gazzetta Ufficiale.

 

E' possibile avere notizia della pubblicazione dei decreti, controllando la pagina http://www.gazzettaufficiale.it/guri/elenco?service=0

 

La Gazzetta Ufficiale del giorno viene inserita nel tardo pomeriggio. I decreti dovrebbero apparire nella sezione "Decreti Presidenziali".

 

Alcune indicazioni aggiuntive:

 

1) Per quanto riguarda i lavoratori neocomunitari, si applica la procedura definita nella circolare n. 14/2004 (http://www.welfare.gov.it/EaChannel/MenuIstituzionale/normative/2004/20040428circolare+14+del+28+aprile2004.htm), e si usa la modulistica allegata a quella circolare:

 

- modello richiesta autorizzazione

(http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/emgxl6pgp6tr3gqxctwdyo3a75peaf2yifi56q4o4mt6cjkjrwcdozyn4s5nxaimb2xr7pzqqzvwmnbhqwhbqxr2nog/mod%2erichiesta1.doc)

 

- modello richiesta autorizzazione in casi particolari (http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/er2idu55wc2h2xwkg3wmrvlzfjzlmp7czh6qluatadpue45xr2chxcij5jsifaprnkvyssqnz3szi5nkdklkfb5yzch/modellofuoriquota.doc)

 

-modello contratto individuale (http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/ejiwihsncnkfh3j5kv6h6eg3opw3lh6mvc2zbd6y6spbcwkypgeefmlv572wi5reqdmskencksuybb2ctzlvnn3qzqh/modellocontratto.doc)

 

 

2) Per quanto riguarda i lavoratori stranieri non comunitari, la Circolare 1/05 stabilisce che

 

"Qualora la spedizione sia effettuata da Ufficio Postale dotato di affrancatrice non idonea ad attestare anche l'orario di invio, l'utente interessato ha l'onere di richiedere che l'indicazione dell'orario - da esprimere necessariamente in ore e minuti - sia apposta a mano sulla busta."

 

Devono essere compilati due moduli: la richiesta di autorizzazione (all. 2, per lavoro domestico; all. 3, per lavoro subordinato di altro genere) e il modello di contratto (all. 4, per tutti i casi).

 

I moduli sono molto simili a quelli gia' utilizzati in passato, e il significato delle varie voci e' spiegato nella Circolare del Ministero del lavoro n. 55/2000 (http://www.welfare.gov.it/EaChannel/MenuIstituzionale/normative/2000/circ+n.+55+del+28+luglio+2000.htm).

 

Vi sono pero' alcune novita': devono essere allegate

- copia del documento di identita' del datore di lavoro (se il datore di lavoro e' uno straniero, va allegata copia del permesso di soggiorno)

- copia del passaporto del lavoratore straniero (ovviamente ancora residente all'estero...).

 

Riguardo al reddito del datore di lavoro (per il caso di assunzione di colf o badante), vale la seguente (nuova) disposizione: la capacitą economica "Ź da ritenere sussistente ogniqualvolta il datore di lavoro possegga un reddito annuo, al netto dell'imposta, di importo almeno doppio rispetto all'ammontare della retribuzione annuale dovuta al lavoratore da assumere, aumentata dei connessi contributi. Rimane confermato che il reddito minimo richiesto come necessario potrą risultare anche dal cumulo dei redditi dei parenti di primo grado non conviventi o, in mancanza, di altri soggetti tenuti legalmente all'assistenza sulla base di un'autocertificazione dei medesimi."

 

Altre indicazioni sono contenute nelle circolari appena pubblicate.

 

Un'ultima considerazione: la richiesta di autorizzazione deve riguardare un lavoratore residente all'estero. La cosa non pone problemi interpretativi in caso di lavoratore illegalmente soggiornante (non c'e'...; e' pero' chiaro che se viene intercettato mentre si trova in condizioni di soggiorno illegale, e' espulso). Piu' complicato - paradossalmente - e' il problema della richiesta avanzata per un lavoratore temporaneamente soggiornante ad altro titolo (per il quale non sia prevista la conversione del permesso). A questo riguardo, l'ultima disposizione rilevante e' - per quel che ne so - quella contenuta nel Telegramma del Ministero degli affari esteri (http://www.stranieriinitalia.com/briguglio/immigrazione-e-asilo/2000/aprile/telegramma-esteri.html), che stabilisce come una presenza legale non sia motivo ostativo all'accoglimento della richiesta di autorizzazione. Notate pero' che di recente alcune questure hanno posto problemi al momento del rilascio del permesso di soggiorno per lavoro allo straniero che, trovatosi in una condizione di questo genere, fosse successivamente tornato in patria e rientrato col visto di ingresso per lavoro.

 

Cordiali saluti

sergio briguglio

 

 

------

 

 

Cari amici dell'ASGI,

sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sono state pubblicate le circolari relative ai Decreti di Programmazione dei flussi migratori 2005 per lavoratori neocomuntari ed extracomunitari, che Vi segnalo di seguito.

 

un caro saluto

silvia canciani

collaboratrice ASGI

 

Lavoratori neocomunitari.

Flussi d'ingresso per motivi di lavoro relativi  all'anno 2005 - programmati 79.500 ingressi per motivi di lavoro stagionale e non stagionale

 

 

 

E' in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 17 dicembre 2004 contenente la programmazione dei flussi d'ingresso dei lavoratori cittadini dei nuovi Stati membri della UE, per l'anno 2005. Il DPCM fissa il limite entro cui ∂ ammesso l'accesso al mercato del lavoro italiano da parte dei suddetti cittadini, prevedendo una quota di 79.500 rapporti di lavoro subordinato, anche a carattere stagionale, instaurabili da parte di datori di lavoro operanti in Italia.

Il testo del DPCM ∂ allegato alla circolare n. 2 del 25 gennaio 2005 della Direzione Generale dell'Immigrazione. La circolare stabilisce le relative disposizioni applicative e le modalit√ con le quali i datori di lavoro interessati ad effettuare le assunzioni nei limiti della quota programmata devono presentare le correlative domande.

 

ATTENZIONE: le domande, da presentare agli Uffici provinciali competenti esclusivamente per posta mediante raccomandata, potranno essere utilmente inoltrate soltanto dal giorno successivo a quello di pubblicazione del DPCM del 17 dicembre 2004 nella Gazzetta Ufficiale; le domande spedite in data anteriore sono inammissibili.

 

 

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/ec7nol7lmqnlogba7tec3jz36k4nzdiebucro7hy5we4aabflfxqdf4634x46vfmw5s2wet2idjyoyrca724wflngda/circolare2del25gen2005.doc>Circolare n. 2 del 25 gennaio 2005 - e Allegato n. 1 (DPCM 17 dicembre 2004)

 

 

 

IMMIGRATI EXTRACOMUNITARI-FLUSSI D'INGRESSO PER MOTIVI DI LAVORO RELATIVI ALL'ANNO 2005

fissati con circolare il termine iniziale e le modalit√  di presentazione delle domande

 

 

 

E' in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 17 dicembre 2004 contenente la determinazione, per l'anno 2005, delle quote d'ingresso dei cittadini extracomunitari per motivi di lavoro. Il testo del DPCM ∂ allegato alla circolare n. 1 del 25 gennaio 2005 della Direzione Generale dell'Immigrazione. La circolare stabilisce le relative disposizioni applicative e determina le modalit√ con le quali i datori di lavoro interessati ad effettuare le assunzioni e gli stranieri interessati ad ottenere önei casi consentiti- l'attestazione per la conversione del proprio permesso di soggiorno devono presentare le correlative domande, mettendo a disposizione i moduli da utilizzare.

 

ATTENZIONE: le domande, da presentare agli Uffici provinciali competenti esclusivamente per posta mediante raccomandata, potranno essere utilmente inoltrate soltanto dal giorno successivo a quello di pubblicazione del DPCM del 17 dicembre 2004 nella Gazzetta Ufficiale; le domande spedite in data anteriore sono inammissibili.

 

 

 

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/euifcjh3qtunhoetz6okkqssw6orefqe7zy4ictr45f3wrzzwncca2miyuuaf75symeqh6eq2jhqrscdzfzhqi4cdeb/circflussi2005a1.doc>Circolare n. 1 del 25 gennaio 2005

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/elzxcbaebg3invgf5geh46n6e77jw6ygcdpse773l4uybyuzyu35q3rdxfqckwogs6rylo2mvh3ebce52bbv7rk2mbe/DPCMextracom2005.doc>Allegato n. 1 - DPCM 17 dicembre 2004

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/eipwq2chcse5hijl7xz2eznqyp4hlixfrku6duauajeng4xvuig6ocynpyuso7ynitydnkoifpbra7fd2jesmtfvlpe/flussi05modrichdom.doc>Allegato n. 2

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/eizxhhbzef6x7threjfpnx4oe7yn2xbfveab2rz5gwchroh643dcnbmimpxkis5bubva33pvfqojujjkuejkdmazawa/flussi05modrichartt22e24.doc>Allegato n. 3

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/egk63ihomdj37d4grmcj7pnz6h7ihf6u7qajxqk3mkptdbdulazouvjshwzosfwt3lmbz5t3i5zyzvfrdcl3uo4xshe/flussi05modcontr.doc>Allegato n. 4

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/egu6nifbemk2hqs7rane7nsvieho5bv2qc5ivdwxs5nqdie6gfmq2kv7sf7f6opoh5ww6yieubov6pcvo4tfarvdhid/flussi05modconvsub.doc>Allegato n. 5

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/eittfinwz3hi5p5xzo33tnqoxwcmb3pumetvhnywnhenf5y7ilc3lwiyldjv4lrvkef4e3vzvh43tqlaqdf7fzkz27g/flussi05modconvaut.doc>Allegato n. 6

<http://www.welfare.gov.it/NR/rdonlyres/eyb6wk5xtegk42whcvktznl2pmiypgw3odea2vvyakdtbvkwsdsh744ja5r5xmjqaic47srcv44yu52wyvfj7vl2x5f/quotetabelle.xls>Allegati nn. 7 - 8 - 9 - 10 - 11