AFFARI COSTITUZIONALI (1)

MERCOLEDI' 6 FEBBRAIO 2002
95 Seduta (notturna)

Presidenza del Presidente
PASTORE


Interviene il sottosegretario di Stato per l'interno Mantovano

La seduta inizia alle ore 20,10.


IN SEDE REFERENTE

(795) Modifica alla normativa in materia di immigrazione e di asilo.
(55) EUFEMI ed altri. - Norme in difesa della cultura italiana e per la regolamentazione dell'immigrazione.
(770) CREMA. - Nuove norme in materia di immigrazione.
(797) Disciplina dell'ingresso degli stranieri che svolgono attivitı sportiva a titolo professionistico o comunque retribuita
(963) TOGNI ed altri. - Norme in materia di ingressi dei lavoratori extracomunitari occupati nel settore dello spettacolo
(Seguito dell'esame congiunto e rinvio)

Prosegue l'esame congiunto, sospeso nella seduta notturna del 5 febbraio.

Il relatore BOSCETTO esprime un parere favorevole sugli emendamenti 5.3 e 5.33, identici, accantonati nella seduta precedente, e presenta l'emendamento 5.200, che ne costituisce la necessaria integrazione. La formulazione dell'articolo 5-bis del testo unico in tal modo escluderebbe la nullitı, fonte di incertezza soprattutto per il lavoratore, precisando che le dichiarazioni relative agli impegni del datore di lavoro sono essenziali ai fini del rilascio del permesso di soggiorno. In tal senso, preannuncia la presentazione di un ulteriore emendamento anche all'articolo 15, per completare i requisiti prescritti nel nuovo articolo 22 del testo unico, ai fini del rilascio del nulla osta.
Si pronuncia infine in senso contrario sull'emendamento 5.6.

Il sottosegretario MANTOVANO si pronuncia in senso conforme.

Posti in votazione congiuntamente, gli emendamenti 5.3 e 5.33 sono accolti. Respinto l'emendamento 5.6, il 5.5 risulta precluso. La Commissione, quindi, accoglie l'emendamento 5.200.

Il relatore BOSCETTO propone che gli emendamenti riferiti all'articolo 8, compresi gli aggiuntivi, siano accantonati. Invita perÚ il proponente a ritirare l'emendamento 8.0.1. Il senatore EUFEMI vi aggiunge la propria firma e lo ritira.

Con il parere favorevole del sottosegretario MANTOVANO si conviene sull'accantonamento proposto dal relatore.

Si procede quindi all'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 9, sui quali il relatore BOSCETTO esprime un parere contrario.

Il sottosegretario MANTOVANO condivide il parere del relatore.

Il senatore RIPAMONTI dichiara il voto favorevole del Gruppo Verdi-l'Ulivo sull'emendamento 9.3. Esso propone la soppressione di un articolo a suo avviso assolutamente superfluo, visto che la norma Ë giı contenuta nel comma 3 dell'articolo 11 del vigente testo unico.

L'emendamento 9.3, posto ai voti, Ë respinto. E' respinto altresÏ l'emendamento 9.4, mentre il 9.1 Ë dichiarato decaduto per l'assenza dei proponenti.

Il senatore GUERZONI dichiara il voto favorevole del suo Gruppo sull'emendamento 9.2, che riconduce al Presidente del Consiglio del ministri il potere di coordinamento dei controlli di frontiera.

Il sottosegretario MANTOVANO ricorda che giı da diversi anni operano in seno all'Unione europea i comitati Giustizia e Affari Interni, cui partecipano con pieno titolo i Ministri degli interni. Nulla si innova quindi, con l'articolo in esame.

L'emendamento 9.2 Ë posto ai voti e risulta respinto.

Il relatore BOSCETTO propone l'accantonamento degli emendamenti riferiti all'articolo 10 e dell'emendamento 10.0.1.

Il sottosegretario MANTOVANO concorda.

La Commissione conviene sull'accantonamento.

Si passa pertanto all'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 11.

Il relatore BOSCETTO esprime un parere favorevole sugli emendamenti 11.106, del Governo, e 11.36. Invita i proponenti a ritirare gli emendamenti 11.5, 11.11, 11.25, 11.8, 11.12, 11.7, 11.24, 11.0.1 e 11.0.3. Chiede, inoltre, che siano accantonati gli emendamenti 11.37, 11.1, 11.2, 11.3, , 11.23, 11.29, 11.4, 11.6, 11.22 e 11.0.2. Esprime, infine parere contrario sui rimanenti emendamenti.

Il sottosegretario MANTOVANO si pronuncia in senso conforme al relatore.

L'emendamento 11.39, posto ai voti, non Ë approvato.

Il senatore EUFEMI aggiunge la propria firma all'emendamento 11.5 e lo ritira.

Il senatore DEL PENNINO sottolinea che l'emendamento 11.11 intende ricondurre a una disciplina unitaria i casi per i quali Ë prevista l'espulsione con accompagnamento alla frontiera. Ricorda che la maggior parte delle persone che si trovano attualmente in condizione di clandestinitı sul territorio dello Stato vi sono entrate giovandosi di permessi di soggiorno poi non rinnovati.

Il sottosegretario MANTOVANO obietta che vi Ë una oggettiva differenza fra coloro che entrano clandestinamente e chi, entrato con regolare permesso di soggiorno, successivamente non lo abbia rinnovato. Se vi sono le condizioni per l'accompagnamento alla frontiera immediato, il Prefetto puÚ comunque adottare il provvedimento di espulsione, ma possono darsi casi di mancato rinnovo del permesso anche per cause di forza maggiore.

Il senatore DEL PENNINO chiede che il Governo fornisca i dati relativi agli stranieri ai quali Ë stato rilasciato il permesso di soggiorno e che si sono trattenuti clandestinamente senza provvedere al rinnovo. Segnala che il fallimento della disciplina vigente Ë dovuto proprio alla inefficacia del sistema delle espulsioni.
Ritira, tuttavia, l'emendamento per ripresentarlo in occasione dell'esame in Assemblea.

Vengono quindi posti ai voti e respinti gli emendamenti 11.77, 11.78 (fatti propri dal senatore Massimo BRUTTI in assenza del proponente), 11.79 e 11.42 (identici) e 11.14, fatto proprio dal senatore RIPAMONTI in assenza dei presentatori. L'emendamento 11.106, del Governo, posto ai voti, Ë accolto. Con distinte votazioni sono quindi respinti gli emendamenti 11.81 e 11.60.

Il senatore MONTI ritira l'emendamento 11.25.

Posti ai voti, sono respinti gli emendamenti 11.82, 11.83, 11.61 e 11.84. Accolto l'emendamento 11.106, l'11.37 viene accantonato. Sono respinti gli emendamenti 11.80 e 11.62.

Il senatore VALDITARA ritira l'11.8.

L'emendamento 11.36 Ë accolto, mentre sono respinti gli emendamenti 11.43 e 11.44.

Il senatore Massimo BRUTTI dichiara il voto favorevole del Gruppo DS-l'Ulivo sull'emendamento 11.89, che ripristina alcune garanzie per gli arrestati in flagranza o fermati.

Dopo che il relatore BOSCETTO ha confermato il parere contrario, l'emendamento 11.89 Ë messo ai voti e respinto. Sono respinti altresÏ gli emendamenti 11.85, 11.86, 11.87, 11.88 e 11.45.

Il senatore Massimo BRUTTI dichiara il voto favorevole del suo Gruppo sugli emendamenti 11.90 e 11.91, intesi a prevedere rispettivamente che il nulla osta all'esecuzione dell'espulsione sia rilasciato dopo la revoca o l'estinzione di ogni misura di custodia cautelare e che sia sentito l'interessato.

Posti ai voti con distinte votazioni, gli emendamenti 11.90 e 11.91 sono respinti, come pure gli emendamenti 11.92, 11.46 e 11.93. Accantonato l'11.1, vengono respinti gli emendamenti 11.47 e 11.94, identici, nonchÈ gli emendamenti 11.48, 11.49, 11.50, 11.15 (fatto proprio dal senatore RIPAMONTI per l'assenza dei proponenti) e 11.35. Viene poi accantonato l'emendamento 11.2 e sono respinti gli emendamenti di identico contenuto 11.51 e 11.102. Sono respinti anche gli emendamenti 11.16, 11.95 e 11.34, mentre l'11.12 Ë ritirato dal proponente. Gli emendamenti 11.75 e 11.103, fatti propri rispettivamente dai senatori RIPAMONTI e Massimo BRUTTI in assenza dei proponenti, non sono accolti.

Il senatore Massimo BRUTTI dichiara il voto favorevole del suo Gruppo sull'emendamento 11.96, che sopprime l'espulsione immediata dello straniero quando il permesso di soggiorno sia scaduto da pi˜ di sessanta giorni. Si tratta di una norma particolarmente afflittiva che, a suo parere, non tiene conto delle circostanze che possono giustificare il ritardo nella presentazione della domanda di rinnovo. Come altre disposizioni del disegno di legge, essa induce un irrigidimento della disciplina e una precaria condizione del lavoratore straniero.

Posti ai voti sono respinti gli emendamenti 11.52 e 11.96, identici. Sono respinti anche gli emendamenti 11.52, 11.13, 11.17 (fatto proprio dal senatore RIPAMONTI in assenza dei proponenti), 11.64, 11.63, 11.33, 11.65, 11.66, 11.32 e 11.104.

Il senatore VALDITARA ritira l'emendamento 11.7, mentre l'11.3 viene accantonato.

Sono poi respinti gli emendamenti 11.53, 11.18, fatto proprio dal senatore RIPAMONTI in assenza dei proponenti, 11.31, 11.67 e, previa dichiarazione di voto favorevole del senatore Massimo BRUTTI, 11.97. Accantonati gli emendamenti 11.23 e 11.29, vengono posti in votazione gli emendamenti 11.105, 11.68 e 11.30, che risultano respinti. E' accantonato anche l'emendamento 11.4 e sono respinti gli emendamenti 11.54 e 11.98, identici.

Il senatore Massimo BRUTTI dichiara il voto favorevole sugli emendamenti 11.55 e 11.99, anch'essi di contenuto identico, volti a sopprimere la punibilitı della trasgressione del divieto di reingresso, che rappresenta la versione attenuata del reato di immigrazione clandestina pi˜ volte richiesto da alcuni settori della maggioranza.

Il relatore BOSCETTO fa presente che sono state prese in considerazione diverse ipotesi: Ë indispensabile, comunque, reprimere la trasgressione del divieto di reingresso.

Il senatore BRUTTI dichiara la disponibilitı a riformulare l'emendamento 11.99 prevedendo che il reingresso dell'espulso sia circostanza aggravante quando la persona commetta altri reati.
Durante l'esame in Assemblea, l'opposizione contesterı con la massima energia la proposta del Governo su questo particolare argomento. Auspica che la maggioranza si orienti a riconsiderare le proprie posizioni.

Gli emendamenti 11.55 e 11.99, posti congiuntamente ai voti, sono quindi respinti.

Il seguito dell'esame congiunto Ë infine rinviato.


ANTICIPAZIONE DELL'ORARIO DI INIZIO DELLA SEDUTA DI DOMANI.

Il presidente PASTORE avverte che l'orario di inizio della seduta di domani Ë anticipato alle ore 13,30.

La Commissione prende atto.

La seduta termina alle ore 21,35.

EMENDAMENTI AL DISEGNO DI LEGGE N. 795

Art. 5.

5.3
Pagliarulo, Marino, Muzio
5.33
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, nel comma 1, sopprimere le parole: ´a pena di nullitıª.
İ
5.6
Pagliarulo, Marino, Muzio
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, sostituire la lettera a) con la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´a) la garanzia da parte dell'ente locale presso cui il lavoratore eleva la propria residenza ovvero dell'ente locale sede legale del datore di lavoro, di una adeguata sistemazione alloggiativa gratuita per il lavoratore. Il venir meno, per qualsiasi causa, nel periodo di validitı del rapporto di lavoro, della adeguata sistemazione alloggiativa, non comporta la nullitı del contratto di soggiorno per lavoro subordinatoª.
İ
5.5
Pagliarulo, Marino, Muzio
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, lettera a), aggiungere, in fine, le seguenti parole: ´; il venir meno, nel periodo di validitı del rapporto di lavoro, della adeguata sistemazione alloggiativa, per qualsiasi causa, non comporta la nullitı del contratto di soggiorno per lavoro subordinatoª.
İ
5.200
Il Relatore
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, dopo il comma 1, inserire il seguente:
İİİİİİİİ´2. Non costituisce titolo valido per il rilascio del permesso di soggiorno il contratto che non contenga le dichiarazioni di cui alla lettere a) e b) del comma 1ª.
İ
8.0.1
Forlani
İİİİİİİİDopo l'articolo 8, aggiungere il seguente:
İİİİİİİİ´Art. 8-bis.
İİİİİİİİ1. Al testo unico di cui al decreto legislativo n.İ286 del 1998, all'articolo 10 dopo il comma 2 Ë inserito il seguente:
İİİİİİİİ"2-bis. Avverso il provvedimento di respingimento lo straniero, anche avvalendosi dell'assistenza di cui all'articolo 11, comma 5, puÚ presentare entro le ventiquattro ore ricorso al pretore territoriale competente, che decide entro le ventiquatto ore successive"ª.
İ
Art. 9.
9.3
Boco, Turroni, De Petris, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİSopprimere l'articolo.
İ
9.4
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, sopprimere le seguenti parole: ´sentito, ove necessario, il Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblicaª.
İ
9.1
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, sostituire le parole: ´Il Ministro dell'interno promuoveª, con le seguenti: ´Il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'interno e sentito il parere del comitato previsto dall'articolo 2-bis, promuoveª.
İ
9.2
Guerzoni
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, sostituire le parole: ´Il Ministro dell'interno promuoveª con ´Il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'interno e sentito il parere del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza pubblicaª.
İ
Art. 11.
11.39
Boco, Turroni, De Petris, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİSopprimere l'articolo.
İ
11.5
Forlani
İİİİİİİİSostituire l'articolo con il seguente:
İİİİİİİİ´Art. 11. - (Espulsione amministrativa). – 1. All'articolo 13, comma 7, del testo unico di cui al decreto legislativo n.İ286 del 1998 sono soppresse le parole: "e ad una traduzione in una lingua da lui conosciuta, ovvero, ove non sia possibile, in lingua francese, inglese o spagnola"ª.
İ
11.11
Del Pennino
İİİİİİİİAl comma 1, premettere alla lettera a), la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´0a) al comma 2, lettera b), dopo le parole: "territorio dello Stato" sono aggiunte le seguenti: "privo di valido documento attestante la sua identitı e nazionalitı o"ª.
İ
11.77
Maritati
İİİİİİİİAl comma 1, premettere alla lettera a), la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´0a) dopo il comma 2, Ë inserito il seguente:
İİİİİİİİ"2-
bis. Nei casi in cui, sulla base di circostanze obiettive riguardanti l'inserimento sociale, familiare e lavorativo dello straniero, il prefetto non rilevi la necessitı di adottare un provvedimento di espulsione, il questore rilascia un permesso di soggiorno in applicazione dei commi 5, 6, 9 dell'articolo 5 o, quando questo non sia possibile, ingiunge allo straniero di lasciare il territorio dello Stato entro quindici giorni. In questo caso il questore procede al rilevamento delle imprtonte digitali dello straniero. Ove lo straniero non ottemperi all'ingiunzione del questore, il prefetto ne dispone l'espulsione"ª.
İ
11.78
Maritati
İİİİİİİİAl comma 1, premettere alla lettera a), la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´0a) al comma 2 le parole: "l'espulsione Ë disposta dal prefetto" sono sostituite dalle seguenti: "Il prefetto puÚ disporre l'espulsione"ª.
İ
11.79
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera a).
İ
11.42
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera a).
İ
11.14
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, sostituire la lettera a) con la seguente:
İİİİİİİİİİİİa) il comma 3 Ë sostituito dal seguente:
İİİİİİİİ´
3. L'espulsione Ë disposta in ogni caso con decreto motivato immediatamente esecutivo, anche se sottoposto a gravame o impugnativa da parte dell'interessato. Quando lo straniero Ë sottoposto a procedimento penale e non si trova in stato di custodia cautelare in carcere, il questore, prima di eseguire l'espulsione, richiede il nulla osta all'autoritı giudiziaria, che puÚ negarlo solo in presenza di inderogabili esigenze processuali valutate in relazione all'accertamento della responsabilitı di persone concorrenti nei reati o imputate in procedimenti per reati connessi, e all'interesse della persona offesa, incluso il caso in cui l'offeso sia lo straniero stesso. In tal caso l'esecuzione del provvedimento Ë sospesa fino a quando l'autoritı giudiziaria comunica la cessazione delle esigenze processuali. Il questore, ottenuto il nulla osta, provvede all'espulsione con le modalitı di cui al comma 4. Il nulla osta si intende concesso qualora l'autoritı giudiziaria non provveda entro quindici giorni dalla data di ricevimento della richiesta da parte dell'autoritı giudiziaria competente. In attesa della decisione sulla richiesta di nulla osta, il questore puÚ adottare la misura del trattenimento presso un centro di permanenza temporaneo, secondo i termini, le modalitı e le garanzie previste ai sensi dell'articolo 14, nei confronti dello straniero qualora sussista il pericolo concreto ed attuale che egli si renda irreperibileª.
İ
11.81
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), nel comma 3, primo periodo, sopprimere le parole: ´immediatamente esecutivo, anche se sottoposto a gravame o impugnativa da parte dell'interessatoª.
İ
11.60
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), nel comma 3, sostituire le parole: ´anche se sottopostoª con le seguenti: ´tranne se sottopostoª.
İ
11.25
Stiffoni, Monti
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, nel comma 3, secondo periodo, sostituire le parole da: ´e non si trova in statoª, fino alla fine del periodo con le seguenti: ´o comunque, in relazione ad un procedimento penale, la sua presenza sul territorio nazionale si renda necessaria, l'autoritı giudiziaria comunica alla questura territorialmente competente la sussistenza di inderogabili esigenze processuali che ostino all'espulsione dello stranieroª.
İ
11.82
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, secondo periodo, sopprimere le parole: ´in carcereª.
İ
11.83
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, secondo periodo, dopo le parole: ´richiede il nulla osta all'autoritı giudiziaria, cheª inserire le seguenti: ´, sentito l'interessato,ª.
İ
11.61
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, dopo le parole: ´richiede il nulla osta all'autoritı giudiziariaª sopprimere il resto del periodo dalle parole: ´che puÚ negarlaª alle parole: ´interesse della persona offesaª.
İ
11.84
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, secondo periodo, sopprimere le parole: ´valutate in relazione all'accertamento della resposabilitı di persone concorrenti nei reati o imputate in procedimenti per reati connessi, e all'interesse della persona offesaª.
İİİİİİİİConseguentemente, al comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-bis, sostituire le parole: ´ricorra una delle ragioniª con le seguenti: ´ricorrano le esigenze processualiª.
İ
11.106
Il Governo
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), sostituire le parole: ´della responsabilitı di persone concorrenti nei reati o imputateª con le seguenti: ´della responsabilitı di eventuali concorrenti nel reato o imputatiª;
İ
11.37
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, nel comma 3, secondo periodo, aggiungere, dopo le parole: ´persona offesaª le seguenti: ´, incluso il caso in cui l'offeso sia lo straniero stessoª.
İ
11.80
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, sopprimere il quinto periodo.
İ
11.62
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, quinto periodo, sostituire le parole: ´quindici giorniª con le seguenti: ´novanta giorniª.
İ
11.8
Valditara, MagnalbÚ
İİİİİİİİAl comma 1, capoverso, quinto periodo, sostituire la parola: ´quindici giorniª con la seguente: ´otto giorniª.
İ
11.36
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera a), capoverso, nel quinto periodo dopo le parole: ´quindici giorniª sopprimere le parole: ´della richiestaª e aggiungere le seguenti: ´dalla data di ricevimento della richiesta da parte dell'autoritı giudiziaria competenteª.
İ
11.43
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera b).
İ
11.44
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sopprimere il comma 3-bis.
İ
11.89
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sostituire il comma 3-bis, con il seguente:
İİİİİİİİ´3-bis. Nel caso di arresto in flagranza o di fermo, il giudice, sentito l'interessato, rilascia il nulla osta all'atto dell'ordinanza di cui all'articolo 391, comma 6, del codice di procedura penale, salvo che ricorrano le esigenze processuali per le quali il nulla osta puÚ essere negato ai sensi del comma 3ª.
İ
11.85
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-bis dopo le parole: ´il giudiceª inserire le seguenti: ´, sentito l'interessatoª.
İ
11.86
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-bis sopprimere le parole: ´che applichi la misura della custodia cautelare in carcere ai sensi dell'articolo 391, comma 5, del codice di procedura penale, oª.
İ
11.87
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-bis sopprimere le parole: ´in carcereª.
İ
11.88
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-bis, sostituire le parole: ´ricorra una delle ragioniª con le seguenti: ´ricorrano le esigenze processualiª.
İ
11.45
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sopprimere il comma 3-ter.
İ
11.90
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-ter, primo periodo, sopprimere le parole: ´in carcereª.
İ
11.91
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-ter, secondo periodo, dopo le parole: ´l'estinzione della misura,ª inserire le seguenti: ´sentito l'interessatoª.
İ
11.92
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-ter, secondo periodo, sostituire le parole: ´decide sul rilascio del nulla osta all'esecuzione dell'espulsioneª con le seguenti: ´, sentito l'interessato, rilascia il nulla osta all'esecuzione dell'espulsione salvo che ricorrano le esigenze processuali per le quali il nulla osta puÚ essere negato ai sensi del comma 3ª.
İ
11.46
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sopprimere il comma 3-quater.
İ
11.93
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sostituire il comma 3-quater, con il seguente:
İİİİİİİİ´3-quater. Nei casi previsti dai commi 3, 3-bis e 3-ter, Ë sempre disposta la confisca delle cose indicate nel secondo comma dell'articolo 240 del codice penaleª.
İ
11.1
Bobbio Luigi
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-quater, sostituire il primo periodo con il seguente: ´Nei casi previsti dai commi 3, 3-bis, e 3-ter, il giudice, acquista la prova dell'avvenuta espulsione, pronuncia sentenza di non luogo a procedere o, se Ë stato emesso il provvedimento che dispone il giudizio, sentenza di non doversi procedereª.
İ
11.47
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
11.94
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sopprimere il comma 3-quinquies.
İ
11.48
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sopprimere il primo periodo del comma 3-quinquies.
İ
11.49
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sopprimere il secondo periodo del comma 3-quinquies.
İ
11.50
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sopprimere il comma 3-sexies.
İ
11.15
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, sostituire il comma 3-sexies con il seguente:
İİİİİİİİ´3-sexies. Il nullaosta all'espulsione non puÚ essere concesso qualora si proceda per uno o pi˜ delitti previsti dall'articolo 380 del codice penale, nonchË dall'articolo 12 del presente decretoª.
İ
11.35
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-sexies, sostituire le parole: ´407 comma 2, lettera a)con la seguente: ´380ª.
İ
11.2
Bobbio Luigi
İİİİİİİİAl comma 1, lettera b), capoverso, nel comma 3-sexies, dopo le parole: ´procedura penaleª inserire le altre: ´ovvero per i delitti previsti dal libro II, titolo XII, capo III, sezione I del codice penaleª e sostituire le parole: ´nonchË dall'articolo 12 del presente decretoª con le altre: ´ovvero per uno o pi˜ delitti previsti dal presente decreto puniti con pena edittale superiore nel massimo a due anni. Il nulla osta non puÚ inoltre essere concesso nei casi in cui lo straniero Ë stato giı in precedenza espulsoª.
İİİİİİİİConseguentemente all'articolo 13, comma 1, all'articolo 16 ivi richiamato, al capoverso 3 e al capoverso 5 dopo le parole: ´procedura penale ovveroª inserire le altre: ´per i delitti previsti dal libro II, titolo XII, capo III, sezione I del codice penale, nonchË perª e aggiungere infine il seguente periodo: ´L'espulsione non puÚ inoltre essere disposta qualora lo straniero sia giı stato in precedenza espulsoª.
İ
11.51
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
11.102
Guerzoni, Brutti Massimo
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera c).
İ
11.16
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, sostituire la lettera c) con la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´c) il provvedimento amministrativo di espulsione Ë eseguito dal questore con accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica ad eccezione dei casi di cui al comma 5. In tutti i casi in cui un provvedimento amministrativo di espulsione deve essere eseguito con accompagnamento immediato alla frontiera il questore presenta al giudice del tribunale del luogo in cui lo straniero si trova la richiesta scritta e motivata di autorizzazione all'accompagnamento alla frontiera dello straniero espulso e contestualmente, in attesa della decisione del giudice, se sussistono elementi concreti ed attuali che fanno ritenere che lo straniero possa rendersi irreperibile o comunque sottrarsi all'esecuzione del provvedimento di espulsione, adotta nei confronti dello straniero stesso che non sia giı sottoposto a custodia cautelare in carcere il provvedimento di trattenimento presso un centro di permanenza temporanea e assistenza ai sensi dell'articolo 14. Quando sussista una delle cause ostative all'esecuzione materiale dell'accompagnamento indicate nel comma 1 dell'articolo 14 il questore invia contestualmente al giudice l'ulteriore richiesta motivata che qualora autorizzi l'accompagnamento alla frontiera dello straniero espulso disponga altresÏ il provvedimento di ulteriore trattenimento di costui per la durata massima indicata nell'articolo 14. Il Questore con la richiesta invia al giudice procedente, non oltre le quarantotto ore dall'emanazione del trattenimento, anche il provvedimento di trattenimento consegnato allo straniero, il provvedimento amministrativo di espulsione e l'eventuale nullaosta all'espulsione concesso dall'autoritı giudiziaria competente o la relativa richiesta presentata da pi˜ di 15 giorni, e contestualmente consegna allo straniero trattenuto copia di tale documentazione inviata al giudice e qualora ne sia sprovvisto provvede a nominare un difensore d'ufficio ai sensi dell'articolo 14. Il giudice entro quarantotto ore dal ricevimento degli atti, sentito l'interessato e il suo difensore, con unico decreto provvede a disporre, se sussistono i requisiti previsti dalla legge, nell'ordine, la convalida del trattenimento temporaneo disposto dal questore, l'autorizzazione all'accompagnamento alla frontiera e il provvedimento di ulteriore trattenimento dello straniero per uno dei motivi e per i termini indicati nell'articolo 14. In ogni caso il giudice rigetta tali provvedimenti se non sussistono i presupposti previsti dalla legge per adottare il provvedimento amministrativo di espulsione o per la sua esecuzione con accompagnamento alla frontiera, ovvero se lo straniero si trova in una delle situazioni indicate negli articoli 18, 19, 20, 30 e 31 del presente testo unico e in tali casi annulla il provvedimento di espulsione e dispone che il Questore rilasci i titoli di soggiorno previsti dalle norme vigenti. La decisione del giudice Ë immediatamente esecutiva anche in pendenza di un ricorso per Cassazione ed Ë immediatamente comunicata anche per le vie brevi al competente questore, nonchË, con la necessaria traduzione, all'interessatoª.
İ
11.95
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera c), sostituire il comma 4 con il seguente:
İİİİİİİİ´4. L'espulsione Ë eseguita dal questore con accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica, quanto lo straniero:
İİİİİİİİİİİİ
a) Ë espulso ai sensi del comma 1 o si Ë trattenuto indebitamente nel territorio dello Stato oltre il termine fissato con l'intimazione;
İİİİİİİİİİİİb) Ë espulso ai sensi del comma 2, lettera c) e il prefetto rilevi, sulla base di circostanze obiettive, il concreto pericolo che lo straniero si sottragga all'esecuzione del provvedimentoª.
İ
11.34
Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera c), capoverso, nel comma 4, dopo le parole: ´forza pubblicaª inserire le seguenti: ´, previa convalida dell'autoritı giudiziariaª.
İ
11.12
Del Pennino
İİİİİİİİAl comma 1, lettera c), capoverso, nel comma 4, sopprimere le parole: ´ad eccezione dei casi al cui comma 5ª.
İ
11.75
Dentamaro, Giaretta, Toia, Dato
İİİİİİİİAl comma 1, lettera c), capoverso, nel comma 4, aggiungere il seguente periodo: ´L'espulsione di cui al presente comma Ë disposta, su proposta del questore, con provvedimento del tribunale in composizione monocraticaª.
İ
11.103
Villone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera c), capoverso, nel comma 4 aggiungere, in fine, il seguente periodo:
İİİİİİİİ´In ogni caso a seguito del provvedimento di espulsione da eseguire con accompagnamento alla frontiera a mezzo di forza pubblica, il questore trasmette copia degli atti al Tribunale territorialmente competente, senza ritardo e comunque entro le quarantotto ore dall'adozione del provvedimento. Il giudice, ove ritenga sussistenti i presupposti, convalida il provvedimento del questore, nei modi di cui agli articoli 737 e seguenti del codice di procedura civile, sentito l'interessato. Il provvedimento cessa di avere ogni effetto qualora non sia convalidato nelle quarantotto ore successiveª.
İ
11.52
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
11.96
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo" Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera d).
İ
11.13
Del Pennino
İİİİİİİİAl comma 1, sostituire la lettera d) con la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´d) il comma 5 Ë soppressoª.
İ
11.17
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, sostituire la lettera d):
İİİİİİİİİİİİ´d) il comma 5 Ë sostituito dal seguente:
İİİİİİİİ"
5. Nei confronti dello straniero che si Ë trattenuto nel territorio dello Stato quando il permesso di soggiorno Ë scaduto di validitı da pi˜ di sessanta giorni e non ne Ë stato chiesto il rinnovo ovvero quando il permesso di soggiorno Ë stato revocato o annullato, il provvedimento amministrativo di espulsione contiene l'intimazione a lasciare il territorio dello Stato entro il termine di quindici giorni. In tali casi il questore dispone l'accompagnamento immediato alla frontiera dello straniero osservando la procedura prevista dal comma 4, qualora i termini indicati siano scaduti senza che lo straniero abbia lasciato il territorio dello Stato o quando il prefetto rilevi il concreto pericolo che lo straniero si sottragga all'esecuzione del provvedimento"ª.
İ
11.64
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, sostituire le parole: ´da pi˜ di sessanta giorniª con le parole: ´da pi˜ di novanta giorniª.
İ
11.63
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, dopo le parole: ´non ne Ë stato chiesto il rinnovoª inserire le seguenti: ´o nei casi in cui, per qualsiasi ragione, non Ë stato possibile procedere al trattenimento dello straniero in un centro di permanenza temporaneaª.
İ
11.33
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, nel primo periodo, dopo le parole: ´il rinnovoª inserire le seguenti: ´ovvero quando il permesso di soggiorno Ë stato revocato o annullatoª.
İ
11.65
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, sostituire le parole: ´entro il termine di quindici giorniª con le parole: ´entro il termine di sessanta giorniª.
İ
11.66
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, sopprimere il secondo periodo.
İ
11.32
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, sostituire il secondo periodo con il seguente: ´In tali casi il questore dispone l'accompagnamento immediato alla frontiera dello straniero osservando la procedura prevista dal comma 4, qualora i termini indicati siano scaduti senza che lo straniero abbia lasciato il territorio dello Stato o quando il prefetto rilevi il concreto pericolo che lo straniero si sottragga all'esecuzione del provvedimentoª.
İ
11.104
Guerzoni, Brutti Massimo
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, sostituire il secondo periodo con il seguente: ´Quando l'espulsione Ë disposta ai sensi del comma 2, lettera b), il questore puÚ adottare la misura di cui all'articolo 14, comma 1, qualora il prefetto rilevi, tenuto conto di circostanze obiettive riguardanti l'inserimento sociale, familiare e lavorativo dello straniero, il concreto pericolo che quest'ultimo si sottragga all'esecuzione del provvedimentoª.
İ
11.7
MagnalbÚ, Valditara
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, nel comma 5, abrogare la parola: ´il Prefettoª.
İ
11.3
Bobbio Luigi
İİİİİİİİAl comma 1, lettera d), capoverso, nel comma 5, aggiungere, in fine, le seguenti parole: ´ovvero quando lo straniero si trattenga indebitamente nel territorio dello Stato oltre il termine fissato con l'intimazioneª.
İ
11.53
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera e).
İ
11.18
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, sostituire la lettera e) con la seguente:
İİİİİİİİİİİİe) ll comma 8 Ë sostituito dal seguente:
İİİİİİİİ"8. Avverso il provvedimento amministrativo di espulsione puÚ essere presentato unicamente il ricorso al tribunale in composizione monocratica del luogo in cui ha sede l'autoritı che ha disposto l'espulsione entro il termine di sessanta giorni dalla data in cui il provvedimento di espulsione Ë stato comunicato allo straniero. Il tribunale in composizione monocratica accoglie o rigetta il ricorso, decidendo con unico provvedimento adottato, in ogni caso, entro venti giorni dalla data di deposito del ricorso, nei modi di cui agli articoli 737 e seguenti del codice di procedura civile, sentito l'interessato, anche per il tramite della competente rappresentanza diplomatico-consolare italiana. Il ricorso di cui al presente comma puÚ essere sottoscritto anche personalmente, ed Ë presentato anche per il tramite della rappresentanza diplomatica o consolare italiana nel paese di destinazione. La sottoscrizione del ricorso, da parte della persona interessata, Ë autenticata dai funzionari delle rappresentanze diplomatiche o consolari che provvedono a certificarne l'autenticitı e ne curano l'inoltro all'autoritı giudiziaria. Lo straniero Ë ammesso all'assistenza legale da parte di un patrocinatore legale di fiducia munito di procura speciale rilasciata avanti all'autoritı consolare. Lo straniero Ë altresÏ ammesso al gratuito patrocinio a spese dello Stato, e, qualora sia sprovvisto di un difensore, Ë assistito da un difensore designato dal giudice nell'ambito dei soggetti iscritti nella tabella di cui all'articolo 29 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, di cui al decreto legislativo 28 luglio 1989, n.İ271, e successive modificazioni, nonchÈ ove necessario, da un interprete. Qualora il decreto di espulsione sia stato annullato dal giudice competente ad esaminare la richiesta di autorizzazione all'accompagnamento alla frontiera ai sensi del comma 4 I'annullamento del decreto impugnato deve essere immediatamente comunicato dall'autoritı di pubblica sicurezza al giudice, il quale dichiara estinto il giudizioª.

İ
11.31
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, alla fine del primo periodo, aggiungere le seguenti parole: ´entro il termine di sessanta giorni dalla data in cui il provvedimento di espulsione Ë stato comunicato allo stranieroª.
İ
11.67
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, secondo periodo, sostituire le parole: ´sessanta giorniª con le parole: ´novanta giorniª.
İ
11.97
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, secondo periodo, dopo le parole: ´Il tribunale in composizione monocraticaª inserire le seguenti: ´, sentito l'interessato,ª.
İ
11.23
Stiffoni, Monti
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, terzo periodo, sostituire le parole: ´in ogni caso, entro venti giorni dalla data di deposito del ricorso.ª con le seguenti parole: ´in applicazione delle disposizioni di cui all'articolo 127 del codice di procedura penale in quanto compatibili ed utilizzando gli atti contenuti nel fascicolo del ricorso. La decisione Ë inappellabileª.
İ
11.29
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, terzo periodo, aggiungere, in fine, le seguenti parole: ´nei modi di cui agli articoli 737 e seguenti del codice di procedura civile, sentito l'interessato, anche per il tramite della competente rappresentanza diplomatico-consolare italianaª.
İ
11.105
Maritati, Guerzoni
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, terzo periodo, aggiungere, in fine, le seguenti parole: ´sentito l'interessato, nei modi di cui agli articoli 737 e seguenti del codice di procedura civileª.
İ
11.68
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, ultimo periodo, sostituire le parole: ´nonchÈ ove necessario, da un interpreteª con le parole: ´nonchÈ da un interpreteª.
İ
11.30
Boco, De Petris, Turroni, Carella, Cortiana, Donati, Martone, Ripamonti, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, aggiungere il seguente periodo: ´Qualora il decreto di espulsione sia stato annullato dal giudice competente ad esaminare la richiesta di autorizzazione all'accompagnamento alla frontiera ai sensi del comma 4 l'annullamento del decreto impugnato deve essere immediatamente comunicato dall'autoritı di pubblica sicurezza al giudice, il quale dichiara estinto il giudizioª.
İ
11.4
Bobbio Luigi
İİİİİİİİAl comma 1, lettera e), capoverso, aggiungere, in fine, il seguente periodo: ´Il giudice sente l'interessato che ne fa richiesta anche per il tramite delle rappresentanze diplomatiche o consolariª.
İ
11.54
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
11.98
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera f).
İ
11.55
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
11.99
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera g).
İ
11.19
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, sostituire la lettera g), con la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´g) il comma 13 Ë sostituito dal seguente:
İİİİİİİİ"13. Lo straniero espulso per effetto di qualsiasi tipo di provvedimento di espulsione non puÚ rientrare nel territorio dello Stato senza una speciale autorizzazione su domanda motivata dell'interessato presentata dall'interessato alla competente rappresentanza diplomatico-consolare italiana nel Paese di origine o di residenza dello straniero. L'autorizzazione Ë rilasciata con atto scritto e motivato dal Ministro dell'interno se lo straniero era stato espulso con provvedimento amministrativo o dal competente magistrato di sorveglianza se lo straniero era stato espulso a titolo di misura alternativa alla detenzione o a titolo di misura di sicurezza. In caso di trasgressione al divieto di rientro lo straniero Ë punito con l'arresto da sei mesi ad un anno e il provvedimento amministrativo di espulsione violato Ë nuovamente eseguito dal Questore con accompagnamento immediato alla frontiera disposto ai sensi dei commi 3 e 4"ª.

İ
11.76
Cambursano
İİİİİİİİAl comma 1, la lettera g), Ë sostituita dalla seguente:
İİİİİİİİİİİİ´g) il comma 13 Ë sostituito dai seguenti:
İİİİİİİİ"13. Lo straniero espulso non puÚ fare ingresso, nÈ transitare o permanere nel territorio dello Stato, senza una specifica autorizzazione del Ministro dell'interno. In caso di trasgressione lo straniero Ë punito con la reclusione da uno a cinque anni.

İİİİİİİİ13-bis. Lo straniero espulso a seguito di applicazione della misura di sicurezza di cui all'articolo 235 del codice penale e di cui all'articolo 86 del decreto del Presidente della Repubblica n.İ309 del 1990, nonchÈ a titolo di sanzione sostitutiva alla detenzione, non puÚ fare ingresso, nÈ transitare o permanere nel territorio dello Stato per la durata della misura e comunque per un periodo di cinque anni. In caso di trasgressione lo straniero Ë punito con la reclusione da due a sei anni.
İİİİİİİİ13-
ter. Nei casi previsti dai commi 13 e 13-bis Ë obbligatorio l'arresto in flagranza e si procede con rito direttissimo"ª.
İ
11.56
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, sopprimere il comma 13.
İ
11.38
Boco, De Petris
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), sostituire il comma 13 con il seguente:
İİİİİİİİ´13. Lo straniero espulso per effetto di qualsiasi tipo di provvedimento di espulsione non puÚ rientrare nel territorio dello Stato senza una speciale autorizzazione su domanda motivata dell'interessato presentata dall'interessato alla competente rappresentanza diplomatico-consolare italiana nel Paese di origine o di residenza dello straniero. L'autorizzazione Ë rilasciata con atto scritto e motivato dal Ministro dell'interno se lo straniero era stato espulso con provvedimento amministrativo o dal competente magistrato di sorveglianza se lo straniero era stato espulso a titolo di misura alternativa alla detenzione o a titolo di misura di sicurezza. In caso di trasgressione al divieto di rientro lo straniero Ë punito con l'arresto da sei mesi ad un anno e il provvedimento amministrativo di espulsione violato Ë nuovamente eseguito dal Questore con accompagnamento immediato alla frontiera disposto ai sensi dei commi 3 e 4ª.
İ
11.100
Brutti Massimo, Guerzoni, Maritati, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, nel comma 13, secondo periodo, sostituire le parole: ´da sei mesi ad un annoª con le seguenti: ´da due a sei mesiª.
İ
11.69
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, nel comma 13, sostituire le parole: ´da sei mesi ad un annoª con le seguenti: ´da tre mesi a sei mesiª.
İ
11.70
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, nel comma 13, sopprimere le parole: ´ed Ë nuovamente espulso con accompagnamento immediato alla frontieraª.
İ
11.57
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, sopprimere il comma 13-bis.
İ
11.71
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, nel comma 13-bis, sostituire le parole: ´da un anno a quattro anniª con le parole: ´da sei mesi a due anniª.
İ
11.58
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, sopprimere il comma 13-ter.
İ
11.24
Stiffoni, Monti
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, sostituire il comma 13-ter con il seguente:.
İİİİİİİİ´13-ter. » consentito l'arresto anche fuori dei casi di flagranza della persona che ha posto in essere una condotta punibile a norma dei commi 13 e 13-bis. Nell'udienza di convalida il giudice, se ne ricorrono i presupposti, dispone l'applicazione di una delle misure coercitive previste dalla legge anche al di fuori dei limiti previsti dall'articolo 280 del codice di procedura penaleª.
İ
11.72
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera g), capoverso, nel comma 13-ter, sostituire le parole: ´Ë sempre consentitoª con le parole: ´non Ë consentitoª.
İ
11.59
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera h).
İ
11.101
Maritati, Guerzoni, Brutti Massimo, Ayala, Calvi, Fassone
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera h).
İ
11.28
Boco, De Petris
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera h).
İ
11.20
Malabarba, Malentacchi, Sodano Tommaso
İİİİİİİİAl comma 1, sopprimere la lettera h).
İ
11.27
Boco, De Petris
İİİİİİİİAl comma 1, sostituire la lettera h), con la seguente:
İİİİİİİİİİİİ´h) il comma 14 Ë sostituito dal seguente:
İİİİİİİİ"14. Il divieto di cui al comma 13 opera per un periodo massimo di cinque anni, salvo che il giudice o il Tribunale amministrativo regionale, con il provvedimento che decide sul ricorso di cui ai commi 8 e 11, ne determinino diversamente la durata per un periodo inferiore, sulla base di notivi legittimi addotti dall'interessato"ª.

İ
11.73
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera h), capoverso, nel comma 14, sostituire le parole: ´di dieci anniª con le seguenti: ´di tre anniª.
İ
11.106
Guerzoni, Brutti Massimo, Maritati, Battafarano, Di Siena
İİİİİİİİAl comma 1, lettera h), capoverso, nel comma 14, sostituire le parole: ´dieci anniª con le seguenti: ´cinque anniª.
İ
11.74
Boco, Carella, Cortiana, De Petris, Donati, Martone, Ripamonti, Turroni, Zancan
İİİİİİİİAl comma 1, lettera h), capoverso, nel comma 14, sostituire le parole: ´a cinque anniª con le seguenti: ´a due anniª.
İ
11.26
Boco, De Petris
İİİİİİİİAl comma 1, lettera h), capoverso, nel comma 14, aggiungere, in fine, il seguente periodo: ´Allo scadere di detto periodo, il regolamento di attuazione del presente decreto, stabilisce le modalitı per la cancellazione immediata dagli archivi del Sistema informazione Schengen (SIS) della segnalazione finalizzata alla non ammissione dello stranieroª.
İ
11.6
Valditara, MagnalbÚ
İİİİİİİİAl comma 1, lettera ), capoverso, dopo il comma 14, aggiungere il seguente:
İİİİİİİİ´14-bis. Fermo restando quanto stabilito nei commi precedenti, lo straniero destinatario di un provvedimento di espulsione, che ne ostacoli l'esecuzione non fornendo elementi idonei per la sua esatta identificazione, Ë punito con la reclusione da uno a quattro anniª.
İ
11.22
Stiffoni, Monti
İİİİİİİİAl comma 1, aggiungere, in fine, la seguente lettera:
İİİİİİİİİİİİ´i) dopo il comma 15, Ë aggiunto il seguente:
İİİİİİİİ"15-
bis. Fermo restando quanto stabilito nei commi precedenti, lo straniero destinatario di un provvedimento di espulsione, che ne ostacoli l'esecuzione non fornendo sufficienti elementi per la sua esatta identificazione, Ë punito con la reclusione da uno a cinque anniª.
İ
11.107
Guerzoni, Budin
İİİİİİİİDopo il comma 1, aggiungere il seguente:
İİİİİİİİ´1-bis. Al comma 2 dell'articolo 13 del testo unico (decreto legislativo n.İ268 del 1998), sostituire le parole: "L'espulsione Ë disposta dal prefetto" con le seguenti: "Il prefetto puÚ disporre l'espulsione"ª.
İİİİİİİİCorrispondentemente, dopo il comma 2 dell'articolo 13 del testo unico, aggiungere i seguenti:
İİİİİİİİ"2-bis. Nei casi in cui, sulla base di circostanze obiettive riguardanti l'inserimento sociale, familiare e lavorativo dello straniero, il prefetto non rilevi la necessitı di adottare su provvedimento di espulsione, il Questore rilascia un permesso di soggiorno in applicazione dei commi 5, 6 o 9 dell'articolo 5, o, quando questo non sia possibile, ingiunge allo straniero di lasciare il territorio dello Stato entro quindici giorni. In questo caso, il Questore procede al rilevamento delle impronte digitali dello straniero. Ove lo straniero non ottemperi all'ingiunzione del questore, il prefetto ne dispone l'espulsione.
İİİİİİİİ2-ter. Il Ministero dell'interno, in collaborazione con la Croce rossa italiana o con organizzazioni umanitarie specializzate di comprovata affidabilitı predispone programmi per un positivo reinserimento in patria degli stranieri che lascino il territorio dello Stato in seguito ad uno dei provvedimenti previsti dal presente articolo, anche avvalendosi delle risorse ricavate dalle sanzioni pecuniarie irrogate in applicazione del presente testo unicoª.
İ
11.0.1
Del Pennino
İİİİİİİİDopo l'articolo 11, inserire il seguente:
´Art. 11-bis.
İİİİİİİİ1. Agli articoli 13-bis e 14 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n.İ286, sostituire la parola: "pretore" con: "tribunale in composizione monocratica"ª.
İ
11.0.2
Del Pennino
İİİİİİİİDopo l'articolo 11, inserire il seguente:
´Art. 11-bis.
İİİİİİİİ1. Al primo comma sopprimere le parole: "di ordine pubblico o", e dopo il secondo comma inserire il seguente:
İİİİİİİİ"2-bis: L'espulsione dello straniero puÚ essere disposta dal Prefetto al di fuori dei casi indicati nel precedente comma 2 per motivi di ordine pubblico"ª.
İ
11.0.3
MagnalbÚ, Valditara
İİİİİİİİDopo l'articolo 11, inserire il seguente:
´Art. 11-bis.
İİİİİİİİ1. Al comma 2 dell'articolo 13, la parola: "prefetto" Ë sostituita con la seguente: "questore"ª.
İ