SEZ. 1       SENT.  00879  DEL 25/01/2002                         RV.  551832

     PRES. De Musis R                 REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Korolova                                                           

     RES. Pref. L'Aquila                                                    

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Decreto di espulsione - Traduzione in lingua

       del  paese  d'origine dello straniero o da lui conosciuta - Necessita'

       -  Traduzione in lingua francese inglese o spagnola - Ammissibilita' -

       Condizioni.                                                           

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    In  tema di espulsione dello straniero, l'autorita' amministrativa e' te-

nuta  a  comunicare  all'interessato  ogni atto concernente l'espulsione (con

l'indicazione  della relativa modalita' di impugnazione), tradotto nella lin-

gua  del suo paese d'origine o nella lingua da lui conosciuta, essendo possi-

bile  la  traduzione in lingua inglese, francese e spagnola solo nell'ipotesi

di  mancata  identificazione del paese di provenienza dello straniero, ovvero

di  accertata  provenienza da un paese la cui lingua, per la sua rarita', non

consenta  l'agevole reperimento di un traduttore; ne consegue che deve essere

annullato  per  violazione del diritto di difesa il decreto di espulsione che

non  sia  stato  tradotto in una delle lingue note all'interessato quando non

ricorrono le circostanze sopra riportate.                                   

CONF     200112581 549640                                                    

VEDI     200009078 538956                                                   

SEZ. 1       SENT.  00787  DEL 24/01/2002                         RV.  551798

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                  

     RIC. Guennia                                                           

     RES. Min. Interni                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Decreto di espulsione - Trentino Alto - Adige -

       Autorita'  competente - Presidenti delle province autonome - Esclusio-

       ne  - Fondamento - Devoluzione della competenza al questore - Configu-

       rabilita'.                                                           

D. LG. DEL 25/8/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

L. C. DEL 26/2/1948 NUM. 5                                                  

    L'art.  16  dello statuto speciale del Trentino Alto Adige, nell'elencare

le  materie  nelle  quali  i presidenti delle province autonome esercitano le

attribuzioni  spettanti all'autorita' di pubblica sicurezza, precisa che, per

le  materie  non  elencate,  le attribuzioni devolute dalle leggi ai prefetti

vengono  esercitate dai questori. Ne consegue che la competenza ad emettere i

decreti  di  espulsione  nei confronti di stranieri spetta al questore, trat-

tandosi  di materia esclusa dalla predetta elencazione ed affidata dalla leg-

ge statale al prefetto.                                                     

SEZ. 1       SENT.  00787  DEL 24/01/2002                         RV.  551797

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                  

     RIC. Guennia                                                           

     RES. Min. Interni ed altra                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Decreto di espulsione - Opposizione - Decisione

       -  Termine  ex art. 13, comma nono, D.Lgs. n. 286 del 1998 - Carattere

       perentorio - Esclusione - Fondamento.                                

D. LG. DEL 25/8/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 152  COMMA 2                                             

    Il  termine  di dieci giorni fissato dall'art. 13, comma nono, del D.Lgs.

n.  286  del  1998  per  la decisione in ordine alla opposizione a decreto di

espulsione  emesso  nei  confronti di straniero non ha natura perentoria, non

essendo  tale  carattere  espressamente previsto, ne' potendosi esso desumere

in modo univoco da un'interpretazione sistematica.                          

SEZ. 1       SENT.  00298  DEL 11/01/2002                         RV.  551492

     PRES. De Musis R                 REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                  

     RIC. Chader                                                            

     RES. Pref. Viterbo ed altro                                            

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione  amministrativa dello straniero -

       Decreto  prefettizio  di espulsione - Opposizione - Procedimento - In-

       terprete  nella  lingua dello straniero - Nomina - Necessita' - Esclu-

       sione  -  Ricorrente  - Audizione ex artt. 737 segg. cod. proc. civ. -

       Ammissibilita'  - Capacita' di comprensione della sostanza del provve-

       dimento  -  Sufficienza  - Mancata audizione dell'interessato - Conse-

       guenze  - Nullita' del provvedimento - Esclusione - Decisione - Assun-

       zione in assenza del ricorrente - Liceita'.                          

COD.PROC.CIV. ART. 122                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

L. DEL 4/7/1955 NUM. 848                                                     

COD.PROC.PEN. ART. 143                                                      

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

    Nel  giudizio promosso con ricorso contro il provvedimento di espulsione,

non  vi  e' alcuna norma che imponga al giudice - chiamato a decidere in ter-

mini  molto ristretti - di assicurare la presenza di un interprete nella lin-

gua  dello  straniero, come previsto dall'art. 143 cod. proc. pen.; tale man-

cata  previsione  si  giustifica  con la considerazione che il ricorrente non

viene  fatto  oggetto  di contestazioni di sorta, ma deve solo essere sentito

nei  modi di cui agli artt. 737 cod. proc. civ., ed e' sufficiente che sia in

grado  di  comprendere  la  sostanza  dell'interpello.  La  mancata audizione

dell'interessato  non e', d'altra parte, causa di nullita' del provvedimento,

in  quanto  il  giudice  e' tenuto a decidere in ogni caso entro dieci giorni

dalla  data  del deposito del ricorso, sicche' la decisione puo' essere vali-

damente presa anche in assenza del ricorrente.                              

VEDI     200009003 538952                                                   

VEDI     200112803 549773                                                   

SEZ. 1       SENT.  16125  DEL 21/12/2001                         RV.  551279

     PRES. Rocchi A                   REL. Forte F                COD.PAR.722

     PM. Sepe EA  (Conf.)                                                   

     RIC. Ursu Mihai                                                         

     RES. Pref. Firenze                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Provvedimento prefettizio di espulsione - Im-

       pugnativa  davanti al tribunale - Richiesta di sospensione del proces-

       so  per  la  pendenza di impugnativa davanti al giudice amministrativo

       contro  la revoca del permesso di soggiorno - Sospensione del processo

       ex  art. 295 cod. proc. civ. del giudizio ordinario sino all'esito del

       giudizio amministrativo - Applicabilita' - Esclusione.               

133228  PROCEDIMENTO CIVILE - SOSPENSIONE DEL PROCESSO - NECESSARIA - Provve-

       dimento  prefettizio  di espulsione - Impugnativa davanti al tribunale

       -  Richiesta  di  sospensione  del processo per la pendenza davanti al

       giudice  amministrativo  di  impugnativa contro la revoca del permesso

       di  soggiorno  -  Sospensione ex art. 295 cod. proc. civ. del giudizio

       ordinario  sino all'esito del giudizio amministrativo - Applicabilita'

       - Esclusione.                                                        

COD.PROC.CIV. ART. 295                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    Poiche'  non sussiste alcuna pregiudizialita' tra giudizio amministrativo

e  giudizio  ordinario,  e' inammissibile il motivo di ricorso per cassazione

con  il  quale si deduca la violazione dell'art. 295 cod. proc. civ., per non

essere  stata  disposta la sospensione del giudizio concernente il decreto di

espulsione  dello straniero sino all'esito del giudizio amministrativo avente

ad oggetto il provvedimento di revoca del suo permesso di soggiorno.        

CONTRA   200007867 537439                                                   

SEZ. 1       SENT.  16032  DEL 19/12/2001                         RV.  551246

     PRES. De Musis R                 REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Min. Interno ed altri                                             

     RES. Smaoui                                                            

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Decreto d'espulsione - Traduzione degli atti

       del  procedimento  di espulsione in lingua conosciuta allo straniero -

       In forma sintetica - Sufficienza.                                    

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Il  diritto del cittadino straniero alla conoscenza degli atti del proce-

dimento  di espulsione, previsto dall'art. 13 del T.U. sull'immigrazione (ap-

provato  con  D.Lgs.  n. 286/1998), non impone, all'autorita' amministrativa,

che  di  quegli atti ha l'obbligo di dare comunicazione all'interessato nella

lingua  del  paese d'origine o a lui conosciuta, di provvedere alla loro tra-

duzione  integrale, essendo una traduzione, "anche sintetica" idonea a garan-

tire  sufficientemente  il  diritto  di  difesa,  che la norma citata intende

presidiare.                                                                 

SEZ. 1       SENT.  16030  DEL 19/12/2001                         RV.  551244

     PRES. Carbone V                  REL. Panebianco UR          COD.PAR.722

     PM. Abbritti P  (Diff.)                                                 

     RIC. PREF. ROMA                                                        

     RES. MORA                                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Decreto di espulsione - Avvio del procedimento

       -  Obbligo  di comunicazione allo straniero ex art. 7 legge 241/1990 -

       Esclusione.                                                           

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                        COST.              

L. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 7                                             

    In  tema di espulsione amministrativa dello straniero, l'autorita' proce-

dente  non  ha  nessun obbligo, ex art. 7 della legge 241/1990, di comunicare

allo  straniero  stesso  l'avvio  del procedimento, in quanto, trattandosi di

procedimento  improntato  ad indubbie esigenze di celerita' (come e' dato de-

sumere  dalle  norme  di  cui agli artt. 13 e 14 del D.Lgs. n. 286 del 1998),

l'atto  che  va  a formarsi (e cioe' il decreto di espulsione) non presuppone

alcuna  procedura amministrativa, ma si forma nel momento stesso in cui l'au-

torita' verifica l'esistenza dei suoi presupposti.                           

SEZ. 1       SENT.  16029  DEL 19/12/2001                         RV.  551243

     PRES. Rocchi A                   REL. Forte F                COD.PAR.722

     PM. Sepe EA  (Diff.)                                                   

     RIC. Hadzovic                                                          

     RES. Pref. Torino                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Esecuzione dell'espulsione dello straniero ex

       art.  14 del D.Lgs. n. 286 del 1998 - Provvedimento di revoca del per-

       messo  di  soggiorno  -  Impugnazione innanzi al T.A.R. - Pendenza del

       giudizio  amministrativo  - Rilevanza ai fini dell'ordine del Questore

       di  trattenimento  temporaneo dello straniero presso un centro di per-

       manenza  ed ai fini del giudizio di convalida dell'ordine del Questore

       - Esclusione.                                                         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

    In tema di esecuzione dell'espulsione dello straniero, in caso di penden-

za  di impugnativa dinanzi al T.A.R. del provvedimento di revoca del permesso

di  soggiorno, non sospeso o annullato da tale autorita', ben puo' il Questo-

re  disporre  l'ordine  di trattenimento temporaneo dello straniero presso un

centro  di  permanenza,  e la detta pendenza e' irrilevante anche con riferi-

mento al procedimento di convalida di tale ordine.                          

VEDI     199901082 523179                                                   

VEDI     200009003 538951                                                   

VEDI     200009003 538951                                                    

SEZ. 1       SENT.  16029  DEL 19/12/2001                         RV.  551242

     PRES. Rocchi A                   REL. Forte F                COD.PAR.722

     PM. Sepe EA  (Diff.)                                                   

     RIC. Hadzovic                                                          

     RES. Prefetto Torino                                                   

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Esecuzione dell'espulsione dello straniero ex

       art.  14 del D.Lgs. n. 286 del 1998 - Ordine del Questore di tratteni-

       mento  temporaneo  dello  straniero  presso  un centro di permanenza -

       Convalida  -  Procedimento  -  Legittimazione  - Autorita' autrice del

       provvedimento  di  espulsione - Prefetto - In via esclusiva - Questore

       - Legittimazione - Esclusione.                                       

COD.PROC.CIV. ART. 81                                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14  COMMA 4           COST.              

    Nel  procedimento  disciplinato dall'art. 14, comma quarto, del D.Lgs. n.

286  del  1998, di convalida dell'ordine del Questore di temporaneo tratteni-

mento  dello  straniero  stesso presso il centro di permanenza emesso ai fini

dell'esecuzione  del  decreto  di  espulsione, legittimata a parteciparvi, ai

sensi  dell'art.  13  bis,  comma  secondo, del citato D.Lgs. n. 286 del 1998

(aggiunto  dall'art.  4  del D.Lgs. 13 aprile 1999, n. 113) e' solo l'autori-

ta'  che ha emesso il decreto di espulsione, e cioe' il Prefetto, e non anche

il Questore.                                                                

VEDI     199901082 523179                                                    

VEDI     200000118 541417                                                   

VEDI     200009002 538950                                                   

VEDI     200009003 538951                                                   

VEDI     200009078 538955                                                   

VEDI     200009084 538962                                                   

VEDI     200013653 540976                                                   

VEDI     200105537 545917                                                    

SEZ. 1       SENT.  15832  DEL 14/12/2001                         RV.  551152

     PRES. Grieco A                   REL. Cultrera MR            COD.PAR.722

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                                

     RIC. Dari                                                              

     RES. Pref. Vibo Valentia                                               

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Decreto di espulsione - Per mancata richiesta

       del  permesso di soggiorno nel termine di legge - Scaturente dalla sua

       mancata  conoscenza - Omessa comunicazione della comunicazione scritta

       dei  diritti e dei doveri del cittadino italiano da parte dell'autori-

       ta'  di frontiera - Effetti - Ignoranza incolpevole dell'esistenza del

       detto  termine o forza maggiore impeditiva del suo decorso - Esclusio-

       ne  -  Concorso  con  altre circostanze di fatto - Valutazione rimessa

       all'apprezzamento incensurabile del giudice di merito.               

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 4                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                         

    L'omessa  consegna  a cittadino straniero, al momento del suo ingresso in

territorio  italiano, della nota illustrativa dei suoi diritti e dei suoi do-

veri  scritta,  ai sensi dell'art. 4 del T.U. sull'immigrazione approvato con

D.Lgs  n. 286/1998, in lingua leggibile, e' circostanza di per se' non suffi-

ciente,  ma  valutabile nel concorso con altre circostanze di fatto apprezza-

bili  dal  giudice  di merito, al fine di stabilire se ricorra causa di forza

maggiore  o una condizione di ignoranza incolpevole dell'esistenza del termi-

ne  perentorio  di otto giorni dalla data di ingresso in Italia, che l'art. 5

del  citato  decreto legislativo prevede per la presentazione della richiesta

di  soggiorno. (Nella specie la cassazione ha confermato il provvedimento del

giudice  di  merito che ha respinto l'opposizione proposta avverso il decreto

di  espulsione disposto dal prefetto nei confronti di una cittadina straniera

extracomunitaria  che  non  aveva  chiesto  il permesso di soggiorno entro il

termine  sopraindicato,  ritenendo che lo stato d'ignoranza dell'esistenza di

tale  obbligo,  benche'  ricollegabile  alla  mancata consegna della nota il-

lustrativa,  poteva  essere superato dalla medesima usando ordinaria diligen-

za).                                                                         

SEZ. 1       SENT.  15830  DEL 14/12/2001                         RV.  551150

     PRES. Rocchi A                   REL. Nappi A                COD.PAR.722

     PM. Apice U  (Conf.)                                                    

     RIC. ALAYEVSHA                                                         

     RES. PREF. MASSA CARRARA                                               

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Decreto di espulsione - Opposizione - Stato di

       tossicodipendenza  dello  straniero  privo del permesso di soggiorno -

       Equiparabilita'  allo stato di malattia od infortunio ex art. 35 comma

       3 D.Lgs. 286/1998 - Esclusione.                                      

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                            

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 35  COMMA 3                                  

    In  tema  di  provvedimenti di espulsione emessi dal Prefetto per mancata

richiesta  del  permesso di soggiorno, l'eventuale stato di tossicodipendenza

dello  straniero  entrato (come nella specie) clandestinamente nel territorio

nazionale  ed ivi trattenutosi senza lavoro non puo' essere equiparato ad una

malattia  o  ad un infortunio, vicende per le quali l'art. 35 comma terzo del

D.Lgs.  286/1998  assicura  anche al soggetto privo del permesso di soggiorno

il diritto a cure ambulatoriali od ospedaliere urgenti o comunque essenziali.

VEDI     200007867 537439                                                   

SEZ. 1       SENT.  15825  DEL 14/12/2001                         RV.  551143

     PRES. Rocchi A                   REL. Spagna Musso B         COD.PAR.722

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. VEJESELI                                                          

     RES. MIN. INTERNO                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione amministrativa dello straniero ex

       D.Lgs.  286/1998  -  Impugnazione del decreto prefettizio - Rigetto da

       parte  del  tribunale  - Deposito del provvedimento - Termine di dieci

       giorni  dal deposito del ricorso ex art. 13 comma nono D.Lgs. citato -

       Natura  perentoria  - Esclusione - Natura ordinatoria - Configurabili-

       ta' - Conseguenze.                                                    

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 9               COST.              

    In tema di espulsione amministrativa dello straniero, il termine di dieci

giorni  previsto  dall'art.  13  comma nono del D.Lgs. 286/98 per il deposito

del  provvedimento giurisdizionale pronunciato sul ricorso avverso il decreto

prefettizio  di espulsione ha natura meramente ordinatoria, e non perentoria,

cosi'  che  la sua eventuale inosservanza non spiega effetto alcuno sulla va-

lidita' della pronuncia tardivamente emessa.                                

SEZ. 1       SENT.  15414  DEL 05/12/2001                         RV.  550904

     PRES. Corda M                    REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Golia A  (Conf.)                                                    

     RIC. Pref. Rieti ed altro                                              

     RES. Halasova                                                          

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Espulsione dello straniero

       -  Opposizione  avverso  il  decreto  prefettizio - Automatico effetto

       sospensivo  dell'esecuzione  coattiva  - Esclusione - Potere cautelare

       del  giudice  -  Sussistenza  solo  in casi particolari ed eccezionali

       (Corte cost., sent. n. 161 del 2000).                                

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    L'opposizione  al decreto prefettizio di espulsione ai sensi dell'art. 13

del  D.Lgs. n. 286 del 1998 non ha automatico effetto sospensivo; ne consegue

che,  decorso  il  termine  previsto  per  la decisione da parte del giudice,

l'espulsione  e'  eseguita coattivamente dal questore, a meno che ricorrano i

casi,  particolari  ed eccezionali, che legittimano il giudice ad adottare un

provvedimento  cautelare di sospensione (Corte cost., sent. n. 161 del 2000).

VEDI     200112795 549765                                                   

SEZ. 1       SENT.  15414  DEL 05/12/2001                         RV.  550903

     PRES. Corda M                    REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Golia A  (Conf.)                                                    

     RIC. Pref. Rieti ed altro                                              

     RES. Halasova                                                          

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Espulsione amministrativa dello straniero per

       mancato  rilascio o mancato rinnovo del permesso di soggiorno - Carat-

       tere  vincolato - Motivi di impugnazione attinenti al mancato rilascio

       o  al mancato rinnovo di detto permesso - Cognizione riservata al giu-

       dice amministrativo.                                                 

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    Il decreto di espulsione dello straniero che non sia in possesso del per-

messo  di  soggiorno  o  non ne abbia chiesto il rinnovo e' atto vincolato ai

sensi  dell'art. 13, secondo comma, del D.Lgs. n. 286 del 1998, mentre le va-

lutazioni  relative  all'ordine  pubblico,  alla  integrazione sociale e alle

possibilita'  di  lavoro dello straniero attengono al procedimento di conces-

sione  o di rinnovo del permesso, il cui controllo e' demandato esclusivamen-

te  al giudice amministrativo, dinanzi al quale sia stato impugnato il dinie-

go;  ne consegue che l'opposizione al decreto di espulsione davanti al giudi-

ce  ordinario  non puo' fondarsi su motivi attinenti al mancato rilascio o al

mancato rinnovo del permesso di soggiorno.                                  

VEDI     200008381 537824                                                   

VEDI     200013891 543302                                                    

SEZ. 1       SENT.  15413  DEL 05/12/2001                         RV.  550901

     PRES. Carbone V                  REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Abbritti P  (Diff.)                                                 

     RIC. KHAN SHAHID ALI                                                   

     RES. MIN.INTERNO                                                       

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Decreto prefettizio di espulsione - Ricorso -

       Procedimento  - Audizione dell'interessato - Necessita' - Formalita' -

       Notificazione  all'interessato del ricorso e del decreto di fissazione

       dell'udienza  camerale  a  cura della cancelleria - Necessita' - Omis-

       sione - Conseguenze.                                                 

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                        COST.              

    Nel  procedimento conseguente al ricorso avverso il decreto di espulsione

dello  straniero, il giudice deve in ogni caso sentire l'interessato, si' che

si  rende  necessario,  all'uopo, da un canto, la notifica, a cura della can-

celleria,  del ricorso e del decreto di fissazione dell'udienza all'autorita'

amministrativa  emittente il detto provvedimento, dall'altro, la comunicazio-

ne  al difensore del ricorrente della data dell'audizione, potendo il ricorso

avverso  il  decreto di espulsione essere sottoscritto personalmente dall'in-

teressato,  ma  dovendo  quest'ultimo  essere  necessariamente assistito, nel

procedimento  camerale,  da  un  difensore di fiducia o d'ufficio, ex art. 13

D.Lgs.  286/1998 (nell'affermare il principio di diritto che precede, la S.C.

ha  cosi'  cassato  la  decisione  del giudice di merito che aveva dichiarato

l'inefficacia  e  l'estinzione del ricorso per mancata presentazione dell'in-

teressato  senza  curare  che,  della  data  fissata,  fosse  dato  avviso  a

quest'ultimo).                                                               

VEDI     200014902 541826                                                   

SEZ. 1       SENT.  15408  DEL 05/12/2001                         RV.  550898

     PRES. Corda M                    REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Golia A  (Conf.)                                                   

     RIC. Pref. Arezzo ed altro                                             

     RES. Turcu                                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Espulsione dello straniero

       per  mancata richiesta nei termini del permesso di soggiorno - Elemen-

       to  soggettivo - Colpa - Ignoranza inevitabile del precetto - Mera al-

       legazione  - Rilevanza - Esclusione - Prova dell'errore scusabile - O-

       nere a carico dell'interessato - Sussistenza.                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

COD.CIV. ART. 2697                                                          

COD.PEN ART. 5                                          *COST.              

L. DEL 24/11/1981 NUM. 689 ART. 3                       *COST.              

    In  tema di espulsione dello straniero, e' onere dell'interessato che de-

duca  la mancanza di colpa nell'inosservanza del termine per la richiesta del

permesso  di  soggiorno  dare  la  prova della allegata ignoranza inevitabile

della  norma precettiva che impone allo straniero di richiedere detto permes-

so  al  questore  entro  otto  giorni dal suo ingresso in Italia, non essendo

sufficiente la mera deduzione della non conoscenza della legge italiana.    

SEZ. 1       SENT.  15203  DEL 29/11/2001                         RV.  550751

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                  

     RIC. Glsadys                                                           

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA   -  STRANIERI  -  Art.  14  T.U.  immigrazione  -  Esecuzione

       dell'espulsione  - Trattenimento presso il centro di permanenza tempo-

       ranea  e assistenza disposto dal questore - Termine massimo di effica-

       cia,  una  volta  convalidato dal giudice - Potere di reiterazione del

       provvedimento  di trattenimento - Esclusione - Fondamento - Conseguen-

       ze  della scadenza del termine - Accompagnamento o respingimento imme-

       diati - Limiti.                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

COSTITUZIONE ART. 13                                                        

    In  tema  di esecuzione dell'espulsione nei confronti dello straniero, il

trattenimento  disposto  dal questore ai sensi dell'art. 14 del D.Lgs. n. 286

del  1998  -  comportando,  una  volta convalidato dal giudice, la permanenza

dello  straniero nel centro di assistenza per un periodo complessivo di venti

giorni,  prorogabile di ulteriori dieci giorni qualora sia imminente l'elimi-

nazione  dell'impedimento all'espulsione o al respingimento - e' provvedimen-

to  incidente  sulla  liberta' personale, non suscettibile di reiterazione da

parte  dell'autorita'  amministrazione  una  volta scaduto il termine massimo

previsto  dal  legislatore;  ne consegue che, decorso detto termine, l'accom-

pagnamento  od  il respingimento dello straniero (verso lo Stato appartenenza

ovvero,  quando  non  sia  possibile,  verso lo Stato di provenienza) debbono

trovare  immediata  esecuzione, salva in ogni caso la tutela di eventuali di-

ritti fondamentali confligenti.                                             

SEZ. U       SENT.  15141  DEL 28/11/2001                         RV.  550716

     PRES. Carnevale C                REL. Salme' G               COD.PAR.242

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                               

     RIC. Min. Interno                                                      

     RES. Citozi                                                             

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello  straniero - Decreto prefettizio di espulsione - Op-

       posizione  -  Procedimento  - Legittimazione processuale esclusiva del

       Prefetto a contraddire - Anche nel giudizio di cassazione.           

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

L. DEL 24/11/1981 NUM. 689 ART. 23                      *COST.              

R. D. DEL 30/10/1933 NUM. 1611 ART. 11                  *COST.              

    E'  inammissibile,  perche'  proposto  da organo statuale non legittimato

"ex"  art.  13-bis  D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286 (T.U. immigrazione), intro-

dotto  dall'art.  4  D.Lgs. 13 aprile 1999, n. 113, il ricorso per cassazione

del  Ministero  dell'interno  avverso  la  pronuncia giurisdizionale resa nel

procedimento  di opposizione al decreto di espulsione a carico dello stranie-

ro,  adottato  dal  Prefetto, in quanto a quest'ultimo e' conferita - in ade-

sione  al  modello  procedimentale  di cui all'art. 23 della legge n. 689 del

1981  - l'esclusiva legittimazione personale a contraddire l'opposizione del-

lo  straniero; legittimazione che si riferisce anche al giudizio di cassazio-

ne.                                                                         

CONF     200009084 538962                                                   

CONF     200105537 545917                                                   

VEDI SU  200000118 541417                                                   

SEZ. 1       SENT.  14157  DEL 14/11/2001                         RV.  550251

     PRES. Rocchi A                   REL. Celentano A            COD.PAR.722

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. Zhou                                                               

     RES. Pref. Prov. Frosinone ed altro                                    

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Decreto di espulsione - Impugnazione - Rito ca-

       merale  -  Principio  del  contraddittorio ai fini della utilizzazione

       dei  documenti prodotti - Applicabilita' - Condizioni per l'osservanza

       -  Possibilita'  concessa  alla  parte  di approntare, in relazione ad

       essi, le sue difese - Sufficienza - Fattispecie.                     

093003  GIURISDIZIONE VOLONTARIA - PROCEDIMENTO - IN GENERE - Rito camerale -

       Nel  procedimento di impugnazione del decreto prefettizio di espulsio-

       ne  dello straniero - Principio del contraddittorio ai fini della uti-

       lizzazione  dei  documenti  prodotti - Applicabilita' - Condizioni per

       l'osservanza  - Possibilita' concessa alla parte di approntare, in re-

       lazione ad essi, le sue difese - Sufficienza - Fattispecie.           

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

COSTITUZIONE ART. 111                                                       

COD.PROC.CIV. ART. 101                                   COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Nel  procedimento  camerale  "ex"  art.  737 cod. proc. civ. - con cui si

svolge,  stante  l'espresso  richiamo alla norma del codice di rito contenuto

nell'art.  13  del  D.Lgs.  25  luglio 1998, n. 286, l'opposizione al decreto

prefettizio  di espulsione dello straniero -, affinche' il principio del con-

traddittorio  possa  dirsi  rispettato  e' necessario, ma nel contempo suffi-

ciente,  che gli scritti e i documenti prodotti da una delle parti, ed acqui-

siti  al  fascicolo d'ufficio, siano posti a disposizione della controparte e

che,  in relazione al contenuto di essi, a quest'ultima venga offerta la pos-

sibilita'  di  approntare  le  sue difese. (Nella specie il prefetto, sebbene

non  costituitosi  in  giudizio, aveva inviato una memoria con allegati docu-

menti,  sui  quali il ricorrente aveva avuto la possibilita' di interloquire;

nell'enunciare  il principio di cui in massima, la S.C. ha escluso che l'uti-

lizzazione  di tali documenti da parte del giudice ai fini della decisione di

merito integrasse la lamentata violazione del contraddittorio).             

VEDI     199600986 495764                                                    

VEDI     199803110 513934                                                   

VEDI     199805887 516426                                                   

SEZ. 1       SENT.  14152  DEL 14/11/2001                         RV.  550249

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Diff.)                                                  

     RIC. Pref. Lecco ed altro                                              

     RES. Grec                                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Permesso di soggiorno - Termine previsto dal

       T.U.  immigrazione  per la relativa richiesta - Carattere perentorio -

       Derogabilita'  per  causa  di  forza maggiore - Prova - Onere a carico

       dell'interessato  - Genericita' dell'impedimento addotto - Inidoneita'

       - Fattispecie.                                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

COD.CIV. ART. 2697                                                          

    Ai sensi dell'art. 5 del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, il termine di ot-

to  giorni  dall'ingresso nel territorio dello Stato, entro il quale lo stra-

niero  deve  chiedere il permesso di soggiorno al questore della provincia in

cui  si  trovi,  ha carattere perentorio e la sua inosservanza e' sanzionata,

dal  successivo  art.  13,  secondo comma, lett. b), dello stesso D.Lgs., con

l'espulsione  amministrativa, a meno che il ritardo nella richiesta sia dipe-

so  da  forza  maggiore, la cui sussistenza deve essere comprovata dall'inte-

ressato  in  base  a  circostanze specifiche. (Nell'affermare il principio di

cui  in  massima, la S.C. ha escluso che integrasse il caso di forza maggiore

l'impedimento  derivante dall'assistenza prestata, da epoca imprecisata ed in

forza di un contratto di lavoro, ad una persona anziana  e sola).           

VEDI     200015174 542115                                                   

SEZ. 1       SENT.  14152  DEL 14/11/2001                         RV.  550248

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.242

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                  

     RIC. Pref. Lecco ed altro                                              

     RES. Grec                                                               

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  - IN GENERE - Decreto prefettizio

       di  espulsione dello straniero - Opposizione - Procedimento - Legitti-

       mazione  "ex"  art.  13  - bis T.U. immigrazione - In primo grado e in

       cassazione  -  Del Ministero dell'Interno - Esclusione - Personale del

       Prefetto - Sussistenza.                                              

COD.PROC.CIV. ART. 360                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    In  materia  di  opposizione  al  decreto prefettizio di espulsione dello

straniero,  l'art.  13  -  bis  del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286 (introdotto

dall'art.  4  del  D.Lgs. 13 aprile 1999, n. 113), conferisce al prefetto, in

adesione  al modello procedimentale di cui all'art. 23 della legge n. 689 del

1981,  esclusiva  legittimazione  personale a contraddire l'opposizione dello

straniero,  legittimazione  che si riferisce anche al giudizio di cassazione;

ne  consegue  che  e'  inammissibile  il ricorso per cassazione del Ministero

dell'Interno  avverso la pronuncia giurisdizionale resa in esito a detto pro-

cedimento di opposizione.                                                   

CONF     200009084 538962                                                   

CONF     200105537 545917                                                   

VEDI SU  200000118 541417                                                   

SEZ. 1       SENT.  13874  DEL 09/11/2001                         RV.  550123

     PRES. Losavio G                  REL. Spagna Musso B         COD.PAR.722

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Herrera                                                           

     RES. Pref. Pescara                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Espulsione dello straniero

       -  Comunicazione  all'interessato  dell'avvio  del  procedimento ammi-

       nistrativo - Necessita' - Esclusione - Fondamento.                   

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                        COST.              

L. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 7                                             

    La  necessita' di dare comunicazione all'interessato dell'inizio del pro-

cedimento  amministrativo, ai sensi dell'art. 7 della legge 7 agosto 1990, n.

241,  non  si estende alla procedura di espulsione dello straniero, stante la

specialita'  di quest'ultima, in relazione sia ai motivi di ordine di pubbli-

co  e  di sicurezza dello Stato ad essa sottesi sia ai caratteri di celerita'

e  speditezza  che  ne  connotano l'"iter"; tali ragioni, ostative alla detta

comunicazione,  sono  tanto  piu'  ricorrenti  allorche'  il  procedimento di

espulsione  derivi  dalla  mancata  richiesta nel termine prescritto del per-

messo  di  soggiorno  da parte dello straniero, configurandosi in tal caso il

decreto  di espulsione come un provvedimento obbligatorio e vincolato da par-

te del prefetto.                                                            

SEZ. 1       SENT.  13871  DEL 09/11/2001                         RV.  550121

     PRES. Losavio G                  REL. Losavio G              COD.PAR.162

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                  

     RIC. Lucic                                                             

     RES. Pref. Frosinone                                                   

138078  PROVA  CIVILE - DOCUMENTALE (PROVA) - COPIE DEGLI ATTI - DI ATTI PUB-

       BLICI  - Provvedimento prefettizio di espulsione "ex" art. 13 T.U. im-

       migrazione  - Comunicazione all'interessato - In copia conforme all'o-

       riginale  -  Legittimita' - Conseguenze - Necessita', nella copia con-

       forme, della sottoscrizione autografa del prefetto - Esclusione.     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Provvedimento prefettizio di espulsione - Comu-

       nicazione  all'interessato  - In copia conforme all'originale - Legit-

       timita'  -  Conseguenze - Necessita', nella copia conforme, della sot-

       toscrizione autografa del prefetto - Esclusione.                     

L. DEL 4/1/1968 NUM. 15 ART. 14                                              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Il provvedimento prefettizio di espulsione dello straniero ben puo' esse-

re  comunicato  all'interessato  in copia conforme formata dal pubblico uffi-

ciale  autorizzato,  atteso  che  l'autenticazione a norma dell'art. 14 della

legge  4 gennaio 1968, n. 15 offre la certezza, fino a querela di falso, del-

la  esistenza  del  provvedimento  originale  conforme  e dell'autografa sot-

toscrizione  dell'organo  competente.  (Nella  specie il ricorrente censurava

che  la  copia  conforme del provvedimento di espulsione a lui comunicata non

risultasse,  anch'essa, sottoscritta dal prefetto, ma da un funzionario dele-

gato;  la  S.C.,  enunciando  il  principio di cui in massima, ha respinto la

censura).                                                                   

SEZ. 1       SENT.  13869  DEL 09/11/2001                         RV.  550119

     PRES. Rocchi A                   REL. Fioretti FM            COD.PAR.263

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. Chabchoubi Sami Ben Jilani                                        

     RES. Pref. Lecco                                                        

132001  PROCEDIMENTI  SPECIALI  - IN GENERE - Procedimento d'impugnazione del

       provvedimento  di  espulsione  dello  straniero - Termine a difesa per

       integrazione istanze istruttorie - Ammissibilita' - Esclusione.      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

    Nel  procedimento conseguente all'impugnazione del provvedimento d'espul-

sione  dello  straniero  (disciplinato  dagli artt. 13 e 13 bis del D.Lgs. n.

286  del 1998, con riferimento agli artt. 737 e segg. cod. proc. civ.) non e'

prevista  la  concessione di un "termine a difesa" per consentire all'espulso

di integrare le istanze istruttorie.                                        

SEZ. 1       SENT.  13865  DEL 09/11/2001                         RV.  550118

     PRES. Losavio G                  REL. Spagna Musso B         COD.PAR.722

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Sene                                                              

     RES. Pref. Catania                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. immigrazione - Convalida del provvedimento

       del  questore  "ex" art. 14 T.U. - Audizione dell'interessato - Obbli-

       gatorieta',  anche in ipotesi di declaratoria di incompetenza da parte

       del  giudice  - Violazione - Nullita' insanabile - Rilevabilita' d'uf-

       ficio - Sussistenza.                                                 

COSTITUZIONE ART. 24                                                         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 156                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 157                                                      

    In  tema  di espulsione dello straniero, la convalida, ai sensi dell'art.

14  del  D.Lgs.  25  luglio  1998,  n.  286,  del provvedimento del questore,

richiede,  ancorche'  il  procedimento sia caratterizzato da motivi di spedi-

tezza  e celerita', la previa audizione dell'interessato, costituendo questa,

non  una  mera facolta', ma un obbligo del giudice che attiene al rispetto di

un  valore  costituzionale,  l'inviolabilita' del diritto alla difesa in ogni

tipo  di giudizio, a nulla rilevando che, in esito al detto procedimento giu-

risdizionale,  il giudice abbia emesso una pronuncia di incompetenza. La vio-

lazione  di  tale  obbligo comporta una nullita' insanabile, rilevabile anche

d'ufficio.                                                                  

SEZ. 1       SENT.  13864  DEL 09/11/2001                         RV.  550237

     PRES. Rocchi A                   REL. Fioretti FM            COD.PAR.722

     PM. Apice U  (Conf.)                                                   

     RIC. Selami                                                             

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. immigrazione - Visto di ingresso rilascia-

       to  sulla  base  di  documenti  falsi - Conseguenze - Espulsione ammi-

       nistrativa.                                                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 4                                         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Lo straniero che entri in Italia con un visto di ingresso rilasciato sul-

la  base  di  documentazione  falsa devesi considerare entrato nel territorio

dello  Stato sottraendosi ai controlli di frontiera, e quindi puo' essere le-

gittimamente  espulso  dal  Prefetto, atteso che il termine "sottrarsi" - im-

piegato  nell'art. 13, secondo comma, lett. a), del D.Lgs. 25 luglio 1998, n.

286  -  significa,  non soltanto sfuggire, ma anche vanificare l'efficacia di

controlli  aventi  la finalita' di impedire in ogni caso ingressi irregolari.

SEZ. 1       SENT.  13817  DEL 08/11/2001                         RV.  550083

     PRES. Cappuccio G                REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Guri                                                              

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. sull'immigrazione - Espulsione amministra-

       tiva  dello  straniero - Decreto - Comunicazione all'interessato - Ob-

       bligo  di traduzione nella lingua del paese di origine dello straniero

       o  in altra lingua dallo stesso conosciuta e, solo in caso di impossi-

       bilita',  in lingua francese, inglese o spagnola - Inosservanza - Con-

       seguenze  - Illegittimita' del decreto di espulsione - Sanatoria della

       nullita'  per  proposizione  di  tempestivo  ricorso giurisdizionale -

       Esclusione.                                                           

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    In tema di espulsione amministrativa dello straniero, la "ratio" dell'ar-

t.  13,  comma  settimo,  del D.Lgs. n. 286 del 1998, il quale dispone che il

relativo  decreto,  come  ogni  altro  concernente l'ingresso, il soggiorno e

l'espulsione,  vanno  comunicati all'interessato unitamente alle modalita' di

impugnazione  e ad una traduzione in una lingua a lui conosciuta, ovvero, ove

non  sia possibile, in lingua francese, inglese o spagnola, e' quella di con-

sentire  allo  straniero la comprensione della misura e l'apprestamento della

difesa.  Ne  consegue che la traduzione si configura come condizione di vali-

dita'  del provvedimento, e che la emissione del provvedimento stesso in lin-

gua  italiana  accompagnato  dalla traduzione in lingua inglese presuppone, a

pena  di nullita' del decreto, l'acquisizione della prova della conoscenza da

parte  dello straniero di tali lingue, ovvero la giustificazione della impos-

sibilita'  della  traduzione  in una lingua a lui conosciuta, senza che possa

configurarsi  la  sanatoria della nullita' in caso si proposizione del ricor-

so  avverso il provvedimento di cui si tratta. (Nella specie, la S.C. ha cas-

sato  la  decisione  del giudice di merito che aveva rigettato la opposizione

al  decreto di espulsione di un albanese, emesso in lingua italiana ed accom-

pagnato  da  una  sintesi del contenuto dello stesso in lingua inglese, senza

che  esistesse  agli atti la prova della conoscenza da parte dell'interessato

della lingua italiana ne' di quella inglese).                               

VEDI     200009078 538956                                                   

VEDI     200013888 543297                                                    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  12803  DEL 19/10/2001                         RV.  549773

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Cruz                                                              

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Fase procedimentale prece-

       dente  l'espulsione  dello straniero - Presenza di un interprete - Ne-

       cessita' - Esclusione.                                                

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Nel  procedimento  amministrativo  che precede l'emissione del decreto di

espulsione  dello straniero da parte del prefetto non e' prevista la necessi-

ta' della presenza di un interprete.                                        

SEZ. 1       SENT.  12803  DEL 19/10/2001                         RV.  549772

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Cruz                                                              

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - T.U. immigrazione - Espulsione amministrativa

       dello  straniero - Comunicazione all'interessato dell'avvio del proce-

       dimento amministrativo - Necessita' - Esclusione - Fondamento.       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

L. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 7                                             

    Nel  procedimento  prefettizio di espulsione dello straniero trattenutosi

in  Italia senza aver chiesto il permesso di soggiorno e' ravvisabile la pre-

senza  delle  particolari esigenze di celerita' contemplate, in via generale,

dall'art.  7  della  legge  7 agosto 1990, n. 241 come ragione di impedimento

alla comunicazione all'interessato dell'avvio del procedimento medesimo.    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  12795  DEL 19/10/2001                         RV.  549765

     PRES. Grieco A                   REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Cafiero D  (Conf.)                                                 

     RIC. Ademaj                                                            

     RES. Pref. Catania                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Procedimento d'espulsione ex D.Lgs n. 286 del

       1998 - Avviso di avvio - Necessita' - Esclusione.                    

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

D. LG. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 3                      COST.              

    Nel  procedimento  d'espulsione, disciplinato dal D.Lgs. n. 286 del 1998,

sono  insite  le  esigenze  di celerita', dimostrate sia dai tempi brevissimi

previsti  per  la  fase  giudiziaria (art. 13 bis), sia dall'esclusione della

sospensione  cautelare  dell'espulsione  (Corte  cost.  n. 161 del 2000), sia

dall'esecuzione  normalmente immediata dell'espulsione (art. 14). Ne consegue

che il procedimento amministrativo avviato in mancanza di avviso non viola la

disposizione  dell'art.  7  del D.Lgs. n. 241 del 1990, la quale prevede tale

avviso  "ove  non  sussistano ragioni d'impedimento, derivanti da particolari

esigenze di celerita' del procedimento".                                    

SEZ. 1       SENT.  12585  DEL 16/10/2001                         RV.  549644

     PRES. Grieco A                   REL. Panebianco UR          COD.PAR.722

     PM. Martone A  (Conf.)                                                 

     RIC. Duman                                                             

     RES. Min. Interno ed altro                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Regolamento CE n. 574/1999 del 12 marzo 1999

       del  Consiglio sull'attraversamento delle frontiere esterne degli Sta-

       ti  membri  - Portata - Collegamento con il visto rilasciato, in forza

       di  specifici  accordi,  da  uno Stato appartenente all'Unione europea

       (artt. 4 e 5 D.Lgs. n. 286 del 1998) - Esclusione.                   

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 4                                              

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 5                                              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 4                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

REG. CONSIGLIO CEE DEL 12/3/1999 NUM. 574                                   

    Il  visto  che da' titolo al rilascio del permesso di soggiorno in favore

dello  straniero e' quello rilasciato, sulla base di specifici accordi, da u-

no  Stato  membro  appartenente all'Unione europea ai sensi degli artt. 4 e 5

della  legge  6  marzo 1998, n. 40 (ora trasfusi negli artt. 4 e 5 del D.Lgs.

25  luglio 1998, n. 286); ne consegue che non abilita al rilascio del permes-

so  di soggiorno il visto rilasciato da uno Stato membro, in favore di citta-

dini  di paesi terzi, per un soggiorno non superiore a tre mesi o per il sem-

plice  transito  ai  sensi  del  regolamento CE n. 574/1999 del 12 marzo 1999

del  Consiglio,  e  che consente esclusivamente l'attraversamento delle fron-

tiere esterne degli Stati membri.                                           

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  12581  DEL 16/10/2001                         RV.  549640

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Min. Interno ed altra                                              

     RES. Nabbah                                                            

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Art. 13 T.U. immigrazione - Decreto di espul-

       sione  - Obbligo di traduzione nella lingua del paese di origine dello

       straniero  o  in altra lingua da lui conosciuta e, solo in caso di im-

       possibilita',  in lingua francese, inglese o spagnola - Inosservanza -

       Conseguenze  -  Illegittimita'  del  decreto di espulsione - Sanatoria

       della  nullita' per proposizione di tempestivo ricorso giurisdizionale

       - Esclusione - Fattispecie.                                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

COD.PROC.CIV. ART. 156  COMMA 3                                             

    L'art.  13,  settimo  comma, del testo unico sull'immigrazione (approvato

con  D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286) prevede, al fine di consentire allo stra-

niero  la  comprensione della misura e l'apprestamento del diritto di difesa,

l'obbligo  per  l'autorita'  amministrativa  di comunicare all'interessato il

decreto  di  espulsione unitamente ad una traduzione in una lingua da lui co-

nosciuta  e,  solo  ove cio' non sia possibile, in lingua francese, inglese o

spagnola; ne deriva che e' affetto da nullita' il provvedimento di espulsione

privo  di traduzione nella lingua conosciuta dallo straniero ancorche' accom-

pagnato  dalla  traduzione in lingua francese, inglese o spagnola ma senza la

preventiva  giustificazione dell'impossibilita' di rendere compiutamente noto

il  provvedimento al suo destinatario nella lingua da lui conosciuta. Ne' ta-

le  nullita'  e'  sanata dalla proposizione da parte dell'interessato di tem-

pestivo  ricorso  avverso  il decreto di espulsione. (Nella specie il decreto

prefettizio  era  stato tradotto in lingua inglese, e non nella lingua araba,

l'unica nota allo straniero).                                               

VEDI     200009078 538956                                                   

SEZ. 1       SENT.  12350  DEL 09/10/2001                         RV.  549565

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.242

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Min. Interno ed altra                                             

     RES. Racu                                                               

100143  IMPUGNAZIONI CIVILI - CASSAZIONE (RICORSO PER) - MOTIVI DEL RICORSO -

       QUESTIONI  NUOVE  - Espulsione dello straniero - Conoscenza della lin-

       gua  italiana  ai  fini  dell'insussistenza dell'obbligo di traduzione

       del  relativo  decreto - Rilevabilita' d'ufficio - Esclusione - Natura

       di  eccezione in senso proprio - Sussistenza - Conseguenze - Deducibi-

       lita' per la prima volta in cassazione - Esclusione.                 

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Espulsione dello straniero - Conoscenza della

       lingua  italiana ai fini dell'insussistenza dell'obbligo di traduzione

       del  relativo  decreto - Rilevabilita' d'ufficio - Esclusione - Natura

       di  eccezione in senso proprio - Sussistenza - Conseguenze - Deducibi-

       lita' per la prima volta in cassazione - Esclusione.                 

COD.PROC.CIV. ART. 360                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    La conoscenza da parte dello straniero raggiunto da decreto di espulsione

della  lingua italiana - rilevante ai fini di ritenere non operante l'obbligo

per  l'autorita'  amministrativa  di accompagnare tale decreto con una tradu-

zione  in una lingua conosciuta dallo straniero (o, ove cio' non sia possibi-

le,  in  francese, inglese o spagnolo) - non integra una questione rilevabile

d'ufficio,  ma  ha natura di eccezione in senso proprio; e' pertanto inammis-

sibile  la  deduzione  di tale circostanza per la prima volta nel giudizio di

cassazione, trattandosi di questione nuova.                                 

SEZ. 1       SENT.  11624  DEL 17/09/2001                         RV.  549252

     PRES. Carnevale C                REL. Proto V                COD.PAR.722

     PM. Apice U  (Conf.)                                                   

     RIC. Zhupa Hajdine ed altro                                             

     RES. Procuratore generale Corte appello Ancona ed altro                

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Minore straniero nel territorio italiano - Au-

       torizzazione  del Tribunale per i minorenni all'ingresso o alla perma-

       nenza  del familiare "ex" art. 31 D.Lgs. n. 286 del 1998 - Correlazio-

       ne  alla  sussistenza di situazioni eccezionali - Necessita' - Diritto

       del  minore  ad  essere  educato  nell'ambito della propria famiglia -

       Salvezza.                                                            

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 19                   *COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 31                                        

    In  materia  di condizione giuridica del minore straniero che trovasi nel

territorio  italiano, l'autorizzazione all'ingresso o alla permanenza del fa-

miliare  per  un  periodo di tempo determinato, potendo essere rilasciata dal

Tribunale  per  i  minorenni - ai sensi dell'art. 31, comma terzo, del D.Lgs.

n.  286  del 1998 - solo per gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisi-

co  e tenuto conto dell'eta' e delle condizioni di salute del minore, e' cor-

relata  esclusivamente  alla  sussistenza di situazioni eccezionali, le quali

non  possono  assumere carattere di normalita' e stabilita'. Ne' siffatta in-

terpretazione  contrasta con il diritto del minore ad essere educato nell'am-

bito  della  propria  famiglia, atteso che - ai sensi dell'art. 19, comma se-

condo,  lett. a) del citato D.Lgs. - il minore ha diritto di seguire il geni-

tore espulso nel luogo di destinazione.                                     

VEDI     200009327 541076                                                    

SEZ. L       SENT.  09407  DEL 11/07/2001                         RV.  548090

     PRES. Trezza V                   REL. Toffoli S              COD.PAR.154

     PM. Napoletano G  (Conf.)                                              

     RIC. Tomas Srl                                                         

     RES. Koziol                                                            

103380  LAVORO  - LAVORO SUBORDINATO - SOSPENSIONE DEL RAPPORTO - IN GENERE -

       Lavoratori  stranieri (extracomunitari) - Scadenza del permesso di la-

       voro  o  di  soggiorno - Divieto per il datore di lavoro di "occupare"

       il  lavoratore - Conseguenze - Impossibilita' della prestazione di la-

       voro  - Sospensione di ogni effetto giuridico ed economico del rappor-

       to  -  Configurabilita'  -  Risoluzione  di  diritto - Insussistenza -

       Disciplina  in ordine al giustificato motivo di licenziamento - Appli-

       cabilita'.                                                           

L. DEL 30/12/1986 NUM. 943                                                  

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286                                               

COD.CIV. ART. 1256                                                          

COD.CIV. ART. 1258                                                           

COD.CIV. ART. 1463                                                          

COD.CIV. ART. 1464                                                          

    La  scadenza del permesso di lavoro o di soggiorno determina l'impossibi-

lita'  sopravvenuta della prestazione (o una situazione alla stessa assimila-

bile),  in  relazione  al  divieto  per  il datore di lavoro di occupare alle

proprie  dipendenze  lavoratori  extracomunitari sprovvisti di autorizzazione

al  lavoro  (art.  12,  comma secondo, legge 30 dicembre 1986 n. 943), oppure

privi  di permesso di soggiorno, ovvero il cui permesso sia scaduto, revocato

o  annullato  (art.  22, comma decimo, D.Lgs. 25 luglio 1998 n. 286), divieto

che  non  osta alla mera pendenza del rapporto di lavoro, ma ne preclude l'e-

secuzione. Detta impossibilita', in applicazione dei principi enunciati dalla

giurisprudenza  per  altri casi di impossibilita' della prestazione lavorati-

va,  non  determina la risoluzione di diritto del rapporto, ma la sua sospen-

sione  ad  ogni effetto economico e giuridico, e puo' costituire giustificato

motivo  di  licenziamento  ex  art.  3  legge 15 luglio 1966 n. 604 (restando

escluso  il  diritto  alla  retribuzione durante il periodo di preavviso, nel

perdurare della mancata prestazione).                                       

VEDI     199201970 475785                                                   

VEDI     199500266 489620                                                   

VEDI     199600603 495582                                                   

VEDI     199810128 519669                                                   

VEDI     199812719 521809                                                   

SEZ. L       SENT.  09407  DEL 11/07/2001                         RV.  548089

     PRES. Trezza V                   REL. Toffoli S              COD.PAR.154

     PM. Napoletano G  (Conf.)                                              

     RIC. Tomas Srl                                                          

     RES. Koziol                                                            

103231  LAVORO  - LAVORO SUBORDINATO - COSTITUZIONE DEL RAPPORTO - DURATA DEL

       RAPPORTO  -  A  TEMPO  DETERMINATO  - IN GENERE - Lavoratori stranieri

       (extracomunitari)  -  Disciplina relativa ai contratti a termine - Ap-

       plicabilita'  - Forma scritta - Surrogabilita' da atti relativi al ri-

       lascio dei permessi di lavoro o soggiorno - Esclusione.              

L. DEL 18/4/1962 NUM. 230                                                   

L. DEL 30/12/1986 NUM. 943                                                  

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286                                               

    La  disciplina  relativa ai contratti di lavoro a tempo determinato trova

piena  applicazione  anche nei confronti dei lavoratori stranieri e il requi-

sito  della fissazione del termine con atto scritto non puo' essere surrogato

dagli  atti  dell'autorita'  amministrativa relativi al rilascio dei permessi

di  lavoro  o di soggiorno (anche in caso di permessi per lavoro stagionale).

VEDI     199311173 484295                                                   

VEDI SU  200000062 535177                                                   

SEZ. 1       SENT.  09264  DEL 07/07/2001                         RV.  550791

     PRES. Carnevale C                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Min. Interno ed altro                                             

     RES. Alab'iev Pablo                                                    

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. sull'immigrazione - Espulsione amministra-

       tiva  dello  straniero - Decreto - Comunicazione all'interessato - Ob-

       bligo  di  traduzione  ex  art.  13, comma settimo, D. Lgs. n. 286 del

       1998  -  Portata  - Conseguenze - Provvedimento tradotto in lingua in-

       glese,  senza  giustificazione  della  impossibilita' della traduzione

       nella  lingua  di origine dello straniero o in una lingua dallo stesso

       conosciuta  - Obbligo di annullamento da parte del giudice - Consegui-

       mento  dello  scopo  dell'atto  a seguito di avvenuta presentazione di

       ricorso  nei  confronti  dello stesso - Sanatoria - Configurabilita' -

       Esclusione.                                                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    In  tema  di  espulsione amministrativa dello straniero, la "ratio" della

disposizione dell'art. 13, comma settimo, del D.Lgs. n. 288 del 1988 la quale

prevede  l'obbligo  per l'autorita' amministrativa di comunicare all'interes-

sato  ogni  atto  concernente  l'espulsione  unitamente alle modalita' di im-

pugnazione  e  ad  una traduzione in una lingua a lui conosciuta, e, solo ove

cio'  non sia possibile, in lingua francese, inglese o spagnola, e' quella di

consentire  allo  straniero  la  comprensione  della misura adottata nei suoi

confronti  ai fini dell'apprestamento della difesa. Pertanto, lede il diritto

alla  difesa  il provvedimento che sia tradotto nella lingua inglese senza la

preventiva  giustificazione  della  impossibilita' di traduzione nella lingua

del  paese  di  origine  dell'interessato o comunque in un'altra lingua dallo

stesso  conosciuta. Ne deriva il conseguente obbligo per il giudice di annul-

lare  detto provvedimento, senza che possa invocarsi la sanatoria per l'even-

tuale  raggiungimento dello scopo dell'atto quando lo straniero abbia presen-

tato tempestivo ricorso.                                                    

VEDI     200009003 538951                                                    

VEDI     200009078 538956                                                   

SEZ. 1       SENT.  07599  DEL 05/06/2001                         RV.  548191

     PRES. Carnevale C                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Jon                                                               

     RES. Prefetto di Udine                                                 

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Termine perentorio - Decorrenza - Presupposti -

       Conoscibilita'  effettiva  - Traduzione - Inclusione - Idoneita' - Ac-

       certamento  del  giudice di merito - Fattispecie in tema di decreto di

       espulsione dello straniero.                                          

133003  PROCEDIMENTO  CIVILE  -  ATTI E PROVVEDIMENTI IN GENERE - IN GENERE -

       Termine  perentorio - Decorrenza - Presupposti - Conoscibilita' effet-

       tiva  - Traduzione - Inclusione - Idoneita' - Accertamento del giudice

       di  merito  - Fattispecie in tema di decreto di espulsione dello stra-

       niero.                                                               

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286                                                   

    Allorquando  la legge fissa un termine perentorio facendolo decorrere dal

compimento  di  un determinato atto, e' necessario che il medesimo sia effet-

tivamente compiuto, non contenga vizi e sia portato a conoscenza del soggetto

nei  cui  confronti decorre il termine; a tal fine, quando il destinatario e'

straniero,  la  traduzione dell'atto e' necessaria per assicurare l'effettiva

conoscibilita'  dell'atto;  e' riservato al giudice di merito, e se adeguata-

mente  motivato  e'  incensurabile in sede di legittimita', l'accertamento se

la  parzialita'  o  l'assenza della traduzione abbiano in concreto costituito

un  ostacolo  atto a impedire la decorrenza del termine (nella specie la S.C.

ha  confermato  la decisione di merito che aveva ritenuto ritualmente decorso

il  termine  per impugnare il decreto di espulsione destinato a cittadino ru-

meno,  in  un  caso  in  cui il decreto - con traduzione in inglese riportata

sinteticamente  nella  relata  di  notifica  - era pervenuto a conoscenza del

destinatario  che se ne era disinteressato senza mai affermare di averne avu-

to conoscenza).                                                             

                       *  EDITA   *                                          

SEZ. 1       SENT.  05537  DEL 13/04/2001                         RV.  545918

     PRES. Grieco A                   REL. Panebianco UR          COD.PAR.116

     PM. Ceniccola R  (Diff.)                                                

     RIC. Matos Matos                                                       

     RES. Min. Interno ed altro                                             

082134  FAMIGLIA  - MATRIMONIO - CONTRATTO ALL'ESTERO - IN GENERE - Da citta-

       dino  italiano  - Nel rispetto delle forme previste dalla "lex loci" -

       Idoneita'  a  produrre effetti nell'ordinamento italiano - Sussistenza

       -  Matrimonio  contratto in violazione del requisito della liberta' di

       stato  -  Rilevanza del vizio in mancanza di pronuncia di nullita' del

       matrimonio  medesimo  -  Esclusione  -  Conseguenze - Espulsione ammi-

       nistrativa  di straniera coniugata all'estero con cittadino, vincolato

       da  un  precedente matrimonio, e con questo convivente in Italia - Le-

       gittimita'  - Esclusione - Art. 19 lett. c) T.U. n. 286 del 1998 - Ap-

       plicabilita'.                                                        

COD.CIV. ART. 115                                                           

COD.CIV. ART. 117                                                           

COD.CIV. ART. 86                                                            

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 19                   *COST.              

    Il  matrimonio celebrato all'estero tra cittadini italiani e tra italiani

e  stranieri,  secondo  le forme previste dalla legge straniera, ha immediata

validita'  nel  nostro  ordinamento,  e,  quantunque sia stato contratto - in

violazione  dell'art.  86  cod. civ. - da chi non aveva liberta' di stato, e'

destinato  a  produrre  effetti finche' non sia impugnato da uno dei soggetti

legittimati  (tra  cui  anche il pubblico ministero) e non sia emessa la pro-

nuncia  del  giudice  di  nullita'.  Ne  consegue  che - stante il divieto di

espulsione  previsto dall'art. 19 lett. c) del D.Lgs. n. 286 del 1998 per gli

stranieri  conviventi con il coniuge di nazionalita' italiana - e' illegitti-

mo  il  provvedimento  di  espulsione nei confronti della cittadina straniera

coniugata,  a  seguito di matrimonio contratto all'estero, con cittadino ita-

liano,  benche' quest'ultimo fosse vincolato da un matrimonio precedente, non

potendo  il matrimonio celebrato all'estero considerarsi immediatamente privo

di  effetti  dall'autorita'  amministrativa  finche'  non sia intervenuta una

sentenza  del giudice competente a decidere, con efficacia di giudicato, del-

la nullita' del matrimonio.                                                 

                       *  EDITA   *                 VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  05537  DEL 13/04/2001                         RV.  545917

     PRES. Grieco A                   REL. Panebianco UR          COD.PAR.242

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. Matos Matos                                                       

     RES. Min. Interno ed altro                                             

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello  straniero - Decreto prefettizio di espulsione - Op-

       posizione  -  Procedimento  - Legittimazione processuale esclusiva del

       Prefetto a contraddire - Anche nel giudizio di cassazione.           

COD.PROC.CIV. ART. 360                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 370                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.               

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    In materia di opposizione al provvedimento prefettizio di espulsione del-

lo  straniero, l'art. 13 bis del D.Lgs. n. 286 del 1998, introdotto dall'art.

4  del  D.Lgs.  n. 113 del 1999, in adesione al modello procedimentale di cui

all'art.  23 della legge n. 689 del 1981 conferisce al Prefetto esclusiva le-

gittimazione  personale a contraddire l'opposizione dello straniero, legitti-

mazione che si riferisce anche al giudizio di cassazione.                   

CONF     200013653 540976                                                   

                       *  EDITA   *                                         

SEZ. 1       SENT.  01714  DEL 07/02/2001                         RV.  544153

     PRES. Carnevale C                REL. Criscuolo A            COD.PAR.722

     PM. Golia A  (Conf.)                                                   

     RIC. Maitnate                                                          

     RES. Min. dell'Interno e altro                                         

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Permesso di soggiorno per motivi familiari -

       Diritto a chiedere il ricongiungimento - Sussistenza - Fondamento.   

063283  COSTITUZIONE  DELLA  REPUBBLICA - STRANIERO (CONDIZIONE DELLO) - Per-

       messo  di  soggiorno  per motivi familiari - Diritto a chiedere il ri-

       congiungimento - Sussistenza - Fondamento.                           

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 28                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 29                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 30                                        

    Il  diritto a chiedere il ricongiungimento familiare spetta non solo allo

straniero  titolare  di permesso di soggiorno, rilasciato per lavoro subordi-

nato  o  autonomo  ovvero per asilo, studio o motivi religiosi, ma anche allo

straniero  in  possesso di permesso di soggiorno per motivi familiari; infat-

ti,  quest'ultimo  ha la stessa durata del permesso di soggiorno del familia-

re,  e' rinnovabile con esso e consente lo svolgimento delle stesse attivita'

di  modo  che  le  due  situazioni giuridiche vengono a coincidere ed un loro

trattamento differenziato non sarebbe costituzionalmente legittimo.         

VEDI     200009793 541082                                                   

                       * ANNOTATA *                 VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  00052  DEL 03/01/2001                         RV.  542931

     PRES. Finocchiaro A              REL. Berruti GM             COD.PAR.212

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                                

     RIC. Sabal                                                             

     RES. Prefetto Prov. Sassari                                            

092088  GIURISDIZIONE  CIVILE - STRANIERO (GIURISDIZIONE SULLO) - IN GENERE -

       Espulsione  amministrativa  dello straniero - Decisione di primo grado

       in  ordine  al ricorso avverso il decreto di espulsione - Reclamabili-

       ta'  -  Esclusione - Illegittimita' costituzionale della relativa nor-

       mativa - Configurabilita' - Esclusione - Fondamento.                 

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI (IMPUGNABILITA') - IN GENERE - Decisione sul ricorso

       avverso  il decreto prefettizio di espulsione dello straniero - Ricor-

       ribilita'  ex  art.  111  cost.  -  Ammissibilita'  - Reclamabilita' -

       Esclusione  -  Illegittimita' costituzionale della relativa disciplina

       - Configurabilita' - Esclusione - Fondamento.                        

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

COSTITUZIONE ART. 111                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    In  tema  di espulsione amministrativa dello straniero, a norma dell'art.

13  D.Lgs  n.  86  del 1998, introdotto dall'art. 4 D.Lgs n. 113 del 1999, il

provvedimento  del  giudice di primo grado adottato in seguito a ricorso pro-

posto  avverso  il decreto prefettizio di espulsione non e' piu' reclamabile,

bensi'  solo  ricorribile  in cassazione, senza che sia percio' prospettabile

un  dubbio  di  legittimita'  costituzionale  in  relazione  alla norma sopra

richiamata,  atteso che la costituzione non prevede il diritto ad un'impugna-

tiva  di  merito  e  che il diritto di difesa puo' ben essere garantito da un

solo  grado  di merito e dal controllo di legittimita' previsto dall'art. 111

cost.                                                                        

SEZ. 1       SENT.  15184  DEL 24/11/2000                         RV.  542124

     PRES. Olla G                     REL. Giuliani P             COD.PAR.722

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                                

     RIC. Min. Interno                                                      

     RES. Paredes                                                           

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Permesso di soggiorno - Mancata richiesta di

       rinnovo  entro  il  sessantunesimo giorno dall'entrata in vigore della

       legge n. 40/1998 - Conseguenze - Espulsione amministrativa.          

L. DEL 3/6/1998 NUM. 40 ART. 11                                             

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 2 LETT. B   COST.              

    L'espulsione  amministrativa  dello  straniero  a norma dell'articolo 11,

comma  secondo  lett.  b),  ult. parte della legge n. 40 del 1998, riprodotto

nell'articolo  13,  comma  secondo, lett. b), ult. parte del D.Lgs.n. 286 del

1998  puo'  essere  disposta dal Prefetto a partire dal sessantunesimo giorno

dalla  data  di entrata in vigore della predetta legge senza che lo straniero

medesimo  abbia  provveduto  a  chiedere il rinnovo del permesso di soggiorno

scaduto anteriormente a tale data (27 marzo 1998).                          

VEDI     199906374 529245                                                    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  15174  DEL 24/11/2000                         RV.  542115

     PRES. Carnevale C                REL. Panebianco UR          COD.PAR.722

     PM. Martone A  (Conf.)                                                 

     RIC. Novosad                                                           

     RES. Pref. Isernia                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Permesso di soggiorno - Termine previsto dalla

       legge  n. 40 del 1998 per la relativa richiesta - Carattere perentorio

       -  Derogabilita'  per comprovata causa di forza maggiore, caso fortui-

       to,  stato  di necessita' o mancata conoscenza della lingua italiana -

       Rilevanza - Esclusione.                                              

L. DEL 3/6/1998 NUM. 40 ART. 5                                              

L. DEL 3/6/1998 NUM. 40 ART. 11                                             

    Ai sensi dell'art. 5 della legge n. 40 del 1998, il permesso di soggiorno

deve  essere  richiesto  al  Questore  della provincia in cui lo straniero si

trovi  entro otto giorni dall'ingresso dello stesso nel territorio dello Sta-

to,  mentre  la  mancata  richiesta  di tale permesso nel termine predetto e'

sanzionata,  dal  successivo  art. 11, comma secondo, della stessa legge, con

la  espulsione.  Il  termine di cui al citato art. 5 ha carattere perentorio,

senza  che  sia di ostacolo a tale qualificazione la prevista possibilita' di

deroga  allo  stesso  in  presenza di cause di forza maggiore, caso fortuito,

ovvero  di  stato  di necessita' o in caso di mancata conoscenza della lingua

italiana,  circostanze  la  cui sussistenza deve essere provata dall'interes-

sato.                                                                       

                       *  EDITA   *                                         

SEZ. 3       SENT.  15078  DEL 22/11/2000                         RV.  542018

     PRES. Fiduccia G                 REL. Amatucci A             COD.PAR.744

     PM. Palmieri R  (Conf.)                                                

     RIC. Kayyale Ayman                                                      

     RES. Ordine Medici Odontoiatri Firenze ed altri                        

135022  PROFESSIONISTI  - PROFESSIONI SANITARIE - DENTISTI ED ODONTOTECNICI -

       Medico  di  nazionalita' Siriana - Scambio di note fra Italia e R.A.U.

       del  30 gennaio - 28 maggio 1958 - Iscrizione nell'albo degli odontoi-

       atri - Diritto - Sussistenza.                                        

D. LG. C. P. S. DEL 13/9/1946 NUM. 233 ART. 9                               

D. L. DEL 30/12/1989 NUM. 416                                               

L. DEL 28/2/1990 NUM. 39                                *COST.              

D. LG. DEL 25/6/1998 NUM. 286                                               

    La  professione odontoiatrica e' professione medica, poiche' si concreta,

nei  limiti  del suo specifico oggetto, nell'esercizio delle stesse attivita'

di  prevenzione, diagnosi e cura che connotano l'esercizio di ogni professio-

ne  medica. Consegue che il medico di nazionalita' Siriana che abbia ottenuto

il  titolo di abilitazione in Siria ha diritto all'iscrizione nell'albo degli

odontoiatri  in  Italia, sulla base dello scambio di note del 30 gennaio - 28

maggio  1958  tra  l'Italia  e  la  Repubblica  Araba  Unita, che la Siria ha

dichiarato  di  considerare  operante con nota del 7 giugno 1966 - prevedente

l'applicazione  del  principio  di  reciprocita' della professione medica - e

dell'art.  9,  comma  secondo del D.Lgs. del Capo Provvisorio dello Stato del

13  settembre 1946, n. 233 (nel caso di specie la Corte ha accolto il ricorso

e,  pronunziando  nel  merito, ha annullato il provvedimento con il quale era

stata disposta la cancellazione dell'iscrizione nell'albo degli odontoiatri).

SEZ. 1       SENT.  15071  DEL 22/11/2000                         RV.  542007

     PRES. Annunziata M               REL. Adamo M                COD.PAR.722

     PM. Frazzini O  (Conf.)                                                

     RIC. Min. Interno                                                       

     RES. Helidon                                                           

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Procedimento conseguente al ricorso avverso il

       decreto  prefettizio  d'espulsione  dello straniero - Integrazione del

       contraddittorio  nei  confronti dell'Amministrazione - Necessita' - O-

       messa integrazione - Conseguenze.                                    

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286                                               

    Il  giudizio  conseguente  al  ricorso  avverso  il  decreto  prefettizio

d'espulsione  dello  straniero  ha natura contenziosa e si svolge nelle forme

del  procedimento  camerale  di  cui  agli artt. 737 e segg. cod. proc. civ.,

sicche'  e'  radicalmente nullo, per violazione del principio del contraddit-

torio,  il  provvedimento emesso dal giudice senza che sia stato integrato il

contraddittorio nei confronti dell'Amministrazione.                          

VEDI     199901082 523179                                                   

SEZ. 1       SENT.  14911  DEL 17/11/2000                         RV.  541836

     PRES. Annunziata M               REL. Morelli MR             COD.PAR.738

     PM. Russo LA  (Diff.)                                                  

     RIC. HASANOVIC                                                         

     RES. PREF. GORIZIA                                                     

254001  SANZIONI AMMINISTRATIVE - IN GENERE - Espulsione amministrativa dello

       straniero  -  Decreto  prefettizio - Ricorso all'autorita' giudiziaria

       ex  art.  13 comma ottavo della legge 286/98 - Termine - Carattere pe-

       rentorio  -  Configurabilita'  -  Carattere ordinatorio - Esclusione -

       Contrasto con principi costituzionali - Esclusione.                  

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 8               COST.              

    In tema di provvedimenti amministrativi di espulsione dello straniero dal

territorio  nazionale,  il termine per la presentazione del ricorso all'auto-

rita'  giudiziaria  avverso  il  decreto  prefettizio di espulsione (art. 13,

comma  ottavo del D.Lgs. 286/98) ha natura perentoria e non meramente ordina-

toria,  senza  che tale natura possa in alcun modo ritenersi in contrasto con

alcuno  dei  principi  costituzionali  dettati  in tema di diritto di difesa,

rientrando  nella  discrezionalita'  del  legislatore la determinazione della

durata  (piu'  o  meno  breve) dei termini processuali. (Cfr. Corte cost. nn.

198 e 227 del 2000).                                                        

VEDI     199901082 523179                                                   

VEDI     200004995 535790                                                    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  14908  DEL 17/11/2000                         RV.  541833

     PRES. Olla G                     REL. Giuliani P             COD.PAR.242

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                               

     RIC. Gocevski                                                          

     RES. Prefetto Milano                                                   

100189  IMPUGNAZIONI CIVILI - CASSAZIONE (RICORSO PER) - RICORSO - SOTTOSCRI-

       ZIONE  -  Ricorso  proposto  avverso la sentenza resa nel procedimento

       d'opposizione  al  provvedimento  d'espulsione  dello straniero - Sot-

       toscrizione  da  parte  di avvocato iscritto in apposito albo e munito

       di procura speciale - Necessita'.                                    

COD.PROC.CIV. ART. 365                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.               

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    L'art.  13  bis,  comma  quarto,  del  D.Lgs. n. 286 del 1998 (introdotto

dall'art.  4  del  D.Lgs. n. 113 del 1999) nel prevedere come impugnabile per

cassazione  la  pronuncia giurisdizionale resa nel procedimento d'opposizione

avverso  il decreto d'espulsione amministrativa dello straniero (adottato dal

Prefetto  ai  sensi  del  comma secondo, lett. b, dell'art. 13 del menzionato

D.Lgv.  n.  286 del 1998), non contiene alcuna espressa statuizione contraria

che  deroghi  alla norma generale contenuta nell'art. 365 cod. proc. civ.. Ne

deriva  che il ricorso per cassazione avverso tale pronuncia deve essere sot-

toscritto,  a  pena d'inammissibilita', da un avvocato iscritto nell'apposito

albo e munito di procura speciale.                                          

VEDI     198005908 409702                                                   

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  14902  DEL 17/11/2000                         RV.  541826

     PRES. Finocchiaro A              REL. Berruti GM             COD.PAR.722

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. Szabo                                                              

     RES. Prefetto Sassari                                                  

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Procedimento conseguente al ricorso avverso il

       decreto  prefettizio d'espulsione dello straniero - Audizione dell'in-

       teressato  - Necessita' - Rigetto del ricorso per tardivita' senza au-

       dizione dell'interessato - Ammissibilita' - Esclusione.               

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Nel  procedimento  conseguente  al ricorso avverso il decreto prefettizio

d'espulsione  dello straniero, il giudice deve in ogni caso (a norma dell'ar-

t.  13  del  D.Lgs.  n. 286 del 1998) sentire l'interessato e non puo', senza

tale  audizione, decidere con decreto che rigetti il ricorso, sul solo rilie-

vo  del  ritardo dell'istanza di soggiorno rispetto al termine di otto giorni

(stabilito dalla legge) dall'ingresso in Italia.                            

SEZ. 1       SENT.  14853  DEL 16/11/2000                         RV.  541764

     PRES. Carnevale C                REL. Salme' G               COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                  

     RIC. Agyekum Issaak                                                    

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Espulsione di straniero sottoposto a procedi-

       mento  penale  in Italia - Mancata richiesta all'autorita' giudiziaria

       procedente  del  nulla  osta all'espulsione - Deduzione da parte dello

       straniero  in relazione alla validita' del provvedimento di espulsione

       - Ammissibilita' - Esclusione - Fondamento.                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 17                                        

    In  tema di espulsione dello straniero, l'art. 13 D.Lgs. n. 286 del 1998,

nel  prevedere  il rilascio di nulla osta da parte dell'autorita' giudiziaria

dinanzi  alla  quale  pende  procedimento  penale a carico dello straniero da

espellere,  mira a tutelare esigenze di carattere esclusivamente processuale,

con  la  conseguenza che l'eventuale violazione della norma suddetta non puo'

essere  dedotta  dallo straniero come motivo di invalidita' del provvedimento

di  espulsione,  atteso  che il suo diritto di difesa nel procedimento penale

pendente  in Italia a suo carico non e' tutelato dalla norma in esame, bensi'

dall'art.  17 del medesimo D.Lgs. n. 286/1998, prevedente l'autorizzazione al

rientro,  per  il  tempo strettamente necessario all'esercizio del diritto di

difesa,  dello straniero espulso che risulti sottoposto a procedimento penale

in Italia.                                                                  

SEZ. 1       SENT.  14853  DEL 16/11/2000                         RV.  541763

     PRES. Carnevale C                REL. Salme' G               COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Agyekum Issaak                                                    

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Espulsione dello straniero ai sensi dell'art.

       13  comma  secondo  lett.  c)  D.Lgs. n. 286/1998 - Appartenenza dello

       straniero  a  una  delle  categorie  indicata  dall'art.  1  legge  n.

       1423/1956  -  Accertamento  relativo - Competenza dell'autorita' ammi-

       nistrativa procedente all'espulsione.                                 

L. DEL 27/12/1956 NUM. 1423 ART. 1                      *COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 2           COST.              

    In  tema  di espulsione amministrativa dello straniero, l'appartenenza ad

una  delle categorie indicate dall'art. 1 legge n. 1423 del 1956, appartenen-

za  che,  ai  sensi  dell'art.  13,  comma secondo lett. c) D.Lgs. n. 286 del

1998,  costituisce  presupposto dell'espulsione disposta dal prefetto, non va

accertata  dall'autorita'  giudiziaria,  bensi'  dalla stessa autorita' ammi-

nistrativa,  costituendo  tale accertamento il presupposto dell'esercizio dei

poteri ad essa attribuiti.                                                  

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  13891  DEL 20/10/2000                         RV.  543302

     PRES. Senofonte P                REL. Salvago S              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Diff.)                                                  

     RIC. Murati                                                            

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Mancata richiesta di rinnovo del permesso di

       soggiorno  -  Decreto  di espulsione - Legittimita' - Esclusione della

       automaticita' della sanzione - Presupposti.                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 2           COST.              

    E' legittimo il decreto di espulsione dello straniero che non sia in pos-

sesso  del  permesso di soggiorno o non ne abbia comunque chiesto il rinnovo;

infatti,  il principio per cui l'espulsione non e' automatica ma consegue so-

lo  all'esame  ed  all'eventuale rifiuto della richiesta ex articolo 5, comma

quinto  del D.Lgs n. 286 del 1998 vale solo per l'ipotesi in cui sia effetti-

vamente  sottoposta al vaglio dell'autorita' amministrativa, con la richiesta

-  quand'anche  tardiva  -  di  rinnovo  del permesso, la disamina della sus-

sistenza dei requisiti per la permanenza nel territorio dello Stato.        

VEDI     199906374 529245                                                   

SEZ. 1       SENT.  13891  DEL 20/10/2000                         RV.  543301

     PRES. Senofonte P                REL. Salvago S              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Diff.)                                                 

     RIC. Murati                                                             

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Decreto di espulsione - Omessa richiesta pre-

       ventiva  di  nulla osta all'A.G. penale - Rilievo in sede di ricorso -

       Interesse dello straniero - Esclusione - Fondamento.                 

D. LG. DEL 25/8/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 3           COST.               

D. LG. DEL 25/8/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 8           COST.              

D. LG. DEL 25/8/1998 NUM. 286 ART. 17                                       

    Lo straniero, nei cui confronti pendano procedimenti penali, non ha inte-

resse  a  far valere, in sede di ricorso avverso il decreto di espulsione, la

mancata  preventiva acquisizione da parte del Prefetto, del nulla osta di cui

all'art.  13,  comma  terzo del D.Lgs. n. 286 del 1998; trattasi, infatti, di

previsione  posta  a  tutela del preminente interesse pubblico dell'autorita'

giudiziale  penale  a che non avvengano espulsioni sconsigliate da "inderoga-

bili  esigenze  processuali", mentre l'interesse dell'espulso alla partecipa-

zione  al processo penale e' garantito dalla previsione di rientro di cui al-

l'articolo 17 legge cit..                                                   

SEZ. 1       SENT.  13891  DEL 20/10/2000                         RV.  543300

     PRES. Senofonte P                REL. Salvago S              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Diff.)                                                 

     RIC. Murati                                                            

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Decreto di espulsione - Natura del giudizio -

       Erronea  indicazione  del giudice competente a conoscere del ricorso -

       Nullita' del decreto - Esclusione - Condizioni - Fondamento.         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 8           COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 156                                                      

    Il ricorso avverso il provvedimento prefettizio di espulsione dello stra-

niero  introduce  un giudizio ordinario sul fondamento della pretesa dell'au-

torita'  amministrativa  di espellere lo straniero dal territorio dello Stato

per  la ricorrenza di uno dei motivi di cui all'articolo 13 D.Lgs. n. 286 del

1998  e non si configura come impugnazione del provvedimento in questione con

cui  possano  farsi  valere anche i vizi formali di ciascun atto del procedi-

mento  amministrativo  non  incidenti sulle finalita' perseguite dalla legge;

pertanto,  e  in forza del principio di cui all'articolo 156 cod. proc. civ.,

non  e'  nullo  il  decreto  di  espulsione, in cui sia erroneamente indicata

l'autorita'  giudiziaria  competente  a  conoscere  del  ricorso, allorquando

questo sia stato proposto innanzi al giudice competente.                     

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  13888  DEL 20/10/2000                         RV.  543297

     PRES. Senofonte P                REL. Salvago S              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Diff.)                                                 

     RIC. Dryl                                                              

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Decreto di espulsione - Traduzione - Compren-

       sione  della  lingua da parte del destinatario - Accertamento del giu-

       dice di merito - Fattispecie.                                         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    In  materia  di espulsione amministrativa dello straniero e' riservato al

giudice  di  merito l'accertamento relativo alla conoscenza da parte dell'in-

teressato  della  lingua  nella quale il decreto di espulsione sia stato tra-

dotto  (nella  specie, la S.C. ha confermato la decisione di merito che aveva

respinto  l'eccezione di nullita' del decreto di espulsione, tradotto in lin-

gua  inglese,  in quanto il destinatario, non aveva mai, ne' in sede di comu-

nicazione  dei  provvedimenti  amministrativi  ne'  in  sede giurisdizionale,

prospettato  di non conoscere detta lingua e aveva anzi mostrato di intender-

la  in  occasione  della  notifica del decreto mediante la sottoscrizione per

ricevuta della copia tradotta).                                             

VEDI     200009078 538956                                                   

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  13653  DEL 13/10/2000                         RV.  540976

     PRES. Olla G                     REL. Panebianco UR          COD.PAR.242

     PM. Russo R  (Diff.)                                                   

     RIC. Elmoujahdi Abdelaziz                                              

     RES. Min. Interno                                                      

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello  straniero - Decreto prefettizio di espulsione - Op-

       posizione  -  Procedimento - Legittimazione passiva ex art. 13 bis del

       T.U.  sull'immigrazione  - In primo grado e nella fase di impugnazione

       per  cassazione  - Del Ministero dell'Interno - Esclusione - Personale

       del  Prefetto - Sussistenza - Costituzione nel giudizio per cassazione

       del  predetto  dicastero - Mancata eccezione della carenza di legitti-

       mazione - Efficacia sanante - Esclusione.                            

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 11  COMMA 2                                    

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    E'  inammissibile,  in  quanto  proposto nei confronti di organo statuale

non  legittimato  ex  art.  13  bis  del  D.Lgs.  n.  286 del 1998,introdotto

dall'art.  4 del D.Lgs. n. 113 del 1999, il ricorso per cassazione avverso la

decisione  del  tribunale  sulla  opposizione al provvedimento prefettizio di

espulsione  dello straniero, proposto nei confronti del Ministero dell'Inter-

no.  Infatti,  il predetto art. 13 bis, in adesione al modello procedimentale

di  cui all'art. 23 della legge n. 689 del 1981, conferisce al Prefetto, uni-

ca  autorita'  idonea a valutare adeguatamente le ragioni della controparte e

della  decisione,  esclusiva legittimazione personale a contraddire l'opposi-

zione  dello  straniero,  legittimazione  che  non  puo'  ragionevolmente non

estendersi  al  giudizio per cassazione. Ne' alcuna rilevanza assume la even-

tuale  costituzione in detto giudizio del Ministero dell'Interno, non essendo

ipotizzabile  una sanatoria in caso di mancata eccezione della carenza di le-

gittimazione in capo allo stesso dicastero.                                 

VEDI     200009078 538955                                                   

VEDI     200009084 538896                                                    

SEZ. 1       SENT.  11871  DEL 08/09/2000                         RV.  540061

     PRES. Annunziata M               REL. Berruti GM             COD.PAR.722

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                  

     RIC. Negrojevic                                                        

     RES. Pref. Vicenza                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Ricorso tardivo per opposizione al decreto di

       espulsione  dello straniero - Inammissibilita' ex art. 13 bis del D.L-

       gs.  n.  286 del 1998 - Portata innovativa - Esclusione - Fondamento -

       Questione  di  legittimita' costituzionale per contrasto con gli artt.

       3,10,24 e 113 Cost. - Manifesta infondatezza - Fondamento.           

COSTITUZIONE ART. 3                                                         

COSTITUZIONE ART. 10                                                         

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

COSTITUZIONE ART. 113                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    E'  manifestamente  infondata,  in  riferimento  agli artt. 3,10,24 e 113

Cost.,  la questione di legittimita' costituzionale dell'art. 13 bis del D.L-

gs.  n.  286  del 1998, introdotto dal D.L. n. 113 del 1999, il quale prevede

la  inammissibilita' del ricorso per opposizione avverso il decreto di espul-

sione  dello straniero inoltrato dopo il decorso del termine di cinque giorni

di  cui  all'art. 11 della legge n. 40 del 1998 (poi art. 13 del D.Lgs. cita-

to).  Ed infatti, fermo il profilo per cui e' da escludere la portata innova-

tiva  di  tale  disposizione,  posto  che il termine legale di cinque giorni,

siccome  originariamente  previsto  dall'art.  11 citato, implica gia' di per

se'  il  meccanismo  della decadenza, un profilo di incostituzionalita' nella

fissazione  di  un termine puo' ravvisarsi solo in presenza di una irragione-

vole  brevita'  dello  stesso, la quale, cosi' come concretamente articolata,

finisca  per  rivelarsi inidonea a consentire all'interessato di esercitare i

diritti  connessi  al  decorre di tale termine, mentre, nel caso in esame, la

legge  prevede  la possibilita' per il destinatario del provvedimento di sot-

toscrivere  personalmente la impugnazione, salvo ad essere ammesso al gratui-

to  patrocinio,  ovvero di essere comunque assistito da un difensore di uffi-

cio,  una volta introdotta l'impugnazione; cio' che, se non esclude la diffi-

colta'  connessa per definizione alla esistenza di siffatto termine accelera-

torio,  comporta tuttavia un efficace contrappeso, ponendo lo straniero nella

condizione di cautelarsi con una tempestiva impugnativa.                    

SEZ. 1       SENT.  11870  DEL 08/09/2000                         RV.  540060

     PRES. Annunziata M               REL. Berruti GM             COD.PAR.722

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Hamidovic Vehbjia                                                 

     RES. Pref. Genova                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Espulsione dello straniero entrato in Italia e-

       ludendo  i  controlli  di frontiera - Legittimita' - Avviata procedura

       di  rilascio  del  permesso di soggiorno in occasione di un precedente

       ingresso  in  Italia - Scriminante - Efficacia esimente - Esclusione -

       Fondamento  -  Dubbio  di  legittimita'  costituzionale in riferimento

       agli artt. 2 e 10 Cost. - Manifesta infondatezza.                     

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 4                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

COSTITUZIONE ART. 2                                                         

COSTITUZIONE ART. 10                                                        

    L'art.  4  del  D.Lgs. n. 286 del 1998 consente l'ingresso nel territorio

dello  Stato  solo  agli stranieri muniti di passaporto valido o di documento

equipollente,  prevedendo, altresi', che l'ingresso debba avvenire attraverso

i  valichi di frontiera appositamente istituiti. Pertanto costituisce illeci-

to,  ed  e' valida ragione di emissione del decreto di espulsione, il compor-

tamento  dello  straniero  che entri nel territorio nazionale eludendo i con-

trolli  di  frontiera,  a  nulla rilevando la circostanza che questi, essendo

gia'  in  precedenza entrato in Italia, ed inoltrato domanda di soggiorno, ne

sia  successivamente uscito. Ed infatti, il rilascio del permesso di soggior-

no  consegue,  ai  sensi dell'art. 5 del citato D.Lgs., alla regolare entrata

in  Italia.  La  disposizione  di  cui si tratta e' manifestamente rispettosa

degli  artt.  2 e 10 Cost., i quali presuppongono il rispetto della normativa

nazionale  da parte dello straniero che invoca la protezione dagli stessi de-

rivante.                                                                    

SEZ. 1       SENT.  11209  DEL 28/08/2000                         RV.  539787

     PRES. Annunziata M               REL. Adamo M                COD.PAR.815

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Malicheva                                                         

     RES. Pref. Ferrara                                                      

063283  COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA - STRANIERO (CONDIZIONE DELLO) - Espul-

       sione  amministrativa  dello  straniero  - Disciplina ex art. 16 della

       legge  n. 40 del 1998 (Concessione del permesso di soggiorno per moti-

       vi  umanitari)  -  Presupposti - Accertamento della situazione di vio-

       lenza  o grave sfruttamento nei confronti dello straniero - Legittima-

       zione  all'accertamento  - Organi pubblici - Configurabilita' - Organi

       privati  -  Esclusione  -  Conseguenze - Accertamenti svolti da organi

       privati - Espulsione dello straniero - Legittimita'.                 

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 16                                             

L. DEL 13/4/1999 NUM. 113                                                    

    La  norma  di  cui  all'art. 16 della legge n. 40 del 1998 (a mente della

quale  puo'  essere  concesso  il  permesso di soggiorno per motivi umanitari

nelle  ipotesi  di "situazioni accertate di violenza o grave sfruttamento nei

confronti  di  uno  straniero") postula che i presupposti per il rilascio del

permesso  stesso  siano  accertati  da un organo pubblico (forze dell'ordine,

autorita'  giudiziaria,  servizi  sociali degli enti locali ecc.), con conse-

guente  esclusione della rilevanza degli accertamenti provenienti da organiz-

zazioni  private,  ritenute  dal legislatore inidonee a fornire le necessarie

garanzie di attendibilita' ed imparzialita'.                                

VEDI     199901082 523179                                                    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09793  DEL 26/07/2000                         RV.  541082

     PRES. Cappuccio G                REL. Macioce L              COD.PAR.722

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Haime ed altra                                                    

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Straniero titolare di carta o permesso di sog-

       giorno  ultrannuali  -  Ricongiungimento  di familiari - Nulla osta di

       ingresso  -  Disciplina  fissata  dagli artt. 28, 30 del D.Lgs. n. 286

       del 1998 - Portata - Condizioni e presupposti.                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 28                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 29                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 30                                       

    Ai sensi degli artt. 28, 29 e 30 del D.Lgs. n. 288/98, lo straniero tito-

lare  di  carta o permesso di soggiorno ultrannuale ha diritto di chiedere al

Questore  il nulla osta di ingresso per il ricongiungimento dei familiari in-

dicati  ai  commi 1 e 2 dell'art. 29 (art. 29 comma settimo), o di recare se-

co,  direttamente in sede di ingresso nello Stato, quei familiari con i quali

potrebbe  essere  operato  il  ricongiungimento  (art. 29, comma quarto). Una

volta  attivata la procedura per l'ottenimento del nulla osta o del visto per

l'ingresso  nello  Stato  di  un  tal  familiare,  spettera'  al familiare in

questione  in  tal guisa regolarmente entrato (o al di lui genitore, se mino-

renne)  attivare  la  successiva procedura per la concessione del permesso di

soggiorno  per motivi familiari (art. 30, comma primo, lett. A). A tali fini,

le  condizioni fissate per ottenere un tale ingresso in Italia del familiare,

risultano  fissate  nell'ottica  di  una  minima capacita' di accoglienza del

nucleo  familiare  di  destinazione, sia sotto il profilo abitativo (art. 29,

comma  terzo lett. A) sia sotto il profilo reddituale (lett. B). Sotto un tal

ultimo  profilo  si  rende  necessario che lo straniero richiedente il ricon-

giungimento  possa  assicurare  con  i  propri mezzi leciti (e con quelli dei

propri  conviventi)  un  reddito non inferiore all'importo annuo dell'assegno

sociale  (se  deve  essere  congiunto  un solo familiare) o al doppio o ad al

triplo  di  detto importo (se devono essere ricongiunti due, tre familiari, o

quattro e piu').                                                            

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09327  DEL 14/07/2000                         RV.  541076

     PRES. Carnevale C                REL. Morelli MR             COD.PAR.722

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                                

     RIC. Lejthija                                                          

     RES. Pref. Ravenna                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione  amministrativa dello straniero -

       Disciplina  degli  artt.  17 della legge n. 40 del 1998 e dell'art. 19

       del  T.U. sull'immigrazione approvato con D.Lgs. n. 286 del 1998 - Di-

       vieto  di  espulsione  dei  minori di anni diciotto - Portata - Conse-

       guenze  -  Estensione  di  tale  impossibilita' anche ai loro genitori

       maggiorenni  clandestinamente  introdottisi nel territorio nazionale -

       Esclusione - Fondamento.                                              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 19                   *COST.              

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 17                         *COST.              

    La  disposizione  di  cui  all'art.  17  della  legge n. 40 del 1998 (poi

trasfusa  nell'art. 19 del T.U. approvato con D.Lgs. n. 286 del 1998), secon-

do  la quale "non e' consentita (salvo che per motivi di ordine pubblico o di

sicurezza)  l'espulsione  dei minori di anni diciotto" non puo' interpretarsi

nel  senso  che,  nel caso di minori che siano figli di genitori clandestina-

mente  introdottisi  nel  territorio  nazionale,  il divieto di espulsione si

estenda,  per  insopprimibili esigenze di unita' della famiglia, anche a tali

genitori.  Ad  un  tal riguardo, infatti, lo stesso art. 19 cit. precisa che,

nell'ipotesi  di genitori stranieri clandestini raggiunti da provvedimento di

espulsione,  "  il minore ha il diritto di seguire il genitore (o l'affidata-

rio)  espulso", e quindi il genitore, nell'esercizio di quel diritto per con-

to  del  figlio, ha il diritto di portarlo con se' nel luogo di destinazione,

con  cio'  rimanendo  pertanto  esclusi sia il paventato "vulnus" alla unita'

familiare,  sia l'aberrante conseguenza che, in presenza di minori, resti im-

pedita  l'applicazione  della  normativa nazionale di tutela della integrita'

delle frontiere anche nei confronti di stranieri maggiorenni.               

SEZ. 1       SENT.  09326  DEL 14/07/2000                         RV.  541075

     PRES. Carnevale C                REL. Morelli MR             COD.PAR.722

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                               

     RIC. Lejthija                                                          

     RES. Pref. Ravenna                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione  amministrativa dello straniero -

       Disciplina  degli  artt.  17 della legge n. 40 del 1998 e dell'art. 19

       del  T.U. sull'immigrazione approvato con D.Lgs. n. 286 del 1998 - Di-

       vieto  di  espulsione  dei  minori di anni diciotto - Portata - Conse-

       guenze  -  Estensione  di  tale  impossibilita' anche ai loro genitori

       maggiorenni  clandestinamente  introdottisi nel territorio nazionale -

       Esclusione - Fondamento.                                             

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 19                   *COST.              

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 17                         *COST.              

    La  disposizione  di  cui  all'art.  17  della  legge n. 40 del 1998 (poi

trasfusa  nell'art. 19 del T.U. approvato con D.Lgs. n. 286 del 1998), secon-

do  la quale "non e' consentita (salvo che per motivi di ordine pubblico o di

sicurezza)  l'espulsione  dei minori di anni diciotto" non puo' interpretarsi

nel  senso  che,  nel caso di minori che siano figli di genitori clandestina-

mente  introdottisi  nel  territorio  nazionale,  il divieto di espulsione si

estenda,  per  insopprimibili esigenze di unita' della famiglia, anche a tali

genitori.  Ad  un  tal riguardo, infatti, lo stesso art. 19 cit. precisa che,

nell'ipotesi  di genitori stranieri clandestini raggiunti da provvedimento di

espulsione,  "  il minore ha il diritto di seguire il genitore (o l'affidata-

rio)  espulso", e quindi il genitore, nell'esercizio di quel diritto per con-

to  del  figlio, ha il diritto di portarlo con se' nel luogo di destinazione,

con  cio'  rimanendo  pertanto  esclusi sia il paventato "vulnus" alla unita'

familiare,  sia l'aberrante conseguenza che, in presenza di minori, resti im-

pedita  l'applicazione  della  normativa nazionale di tutela della integrita'

delle frontiere anche nei confronti di stranieri maggiorenni.                

                       *  EDITA   *                                         

SEZ. 1       SENT.  09266  DEL 12/07/2000                         RV.  541073

     PRES. Annunziata M               REL. Macioce L              COD.PAR.722

     PM. Frazzini O  (Diff.)                                                

     RIC. Min. Interno                                                      

     RES. Kolomytseva                                                       

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione  amministrativa dello straniero -

       Decreto  - Comunicazione all'interessato - Difformita' del testo comu-

       nicato  rispetto  al modello legale in lingua italiana - Conseguenze -

       Nullita' - Limiti.                                                   

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Non  ogni  difformita' della copia tradotta rispetto al testo in italiano

del  decreto  di  espulsione  amministrativa dello straniero importa nullita'

del  provvedimento  adottato, ma soltanto quella che, avendo riguardo al con-

tenuto  degli  atti  contestualmente comunicati, inibisca l'esercizio del di-

ritto  di difesa anche personale da parte dello straniero. Piu' in particola-

re,  la  nullita'  del  decreto  di  espulsione  potra'  essere correttamente

dichiarata  soltanto  ove l'indagine condotta dal Giudice del merito - avendo

riguardo  alla  contestualita' di comunicazione del testo in italiano al pro-

posito  specifico,  alle circostanze della predetta comunicazione, alle moda-

lita'  di  proposizione  del  ricorso  ed  alle doglianze in esso formulate -

conduca  ad  affermare  che  quella difformita' abbia inibito la comprensione

del testo necessaria per l'esercizio del diritto di difesa.                 

VEDI     200009078 538956                                                   

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09084  DEL 07/07/2000                         RV.  538962

     PRES. Annunziata M               REL. Macioce L              COD.PAR.242

     PM. Mele F  (Conf.)                                                    

     RIC. Min. Interno                                                       

     RES. Sokolowski Piotr                                                  

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello  straniero - Decreto prefettizio di espulsione - Op-

       posizione  -  Procedimento  -  Legittimazione  ex art. 13 bis del T.U.

       sull'immigrazione  -  In  primo grado e nella fase di impugnazione per

       cassazione  -  Del Ministero dell'Interno - Esclusione - Personale del

       Prefetto - Sussistenza.                                              

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 11  COMMA 2                                    

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    E'  inammissibile, perche' proposto da organo statuale non legittimato ex

art.  13  bis  (introdotto  dall'art. 4 del D.Lgs. 13 aprile 1999 n.113 ed in

vigore  dal  12 maggio 1999) del T.U. sull'immigrazione, approvato con D.Lgs.

25  luglio  1998 n. 286, il ricorso per cassazione del Ministero dell'Interno

avverso  la  pronuncia  giurisdizionale  resa nel procedimento di opposizione

al  decreto  di espulsione a carico dello straniero, adottato dal Prefetto ai

sensi  dell'art. 13, comma secondo, lett. b) del medesimo T.U. ( nel quale e'

confluito l'art. 11, comma secondo, lett. b) della legge 6 marzo 1998 n. 40).

In  adesione  al  modello procedimentale di cui all'art. 23 della legge n.689

del  1981,  il  predetto articolo 13 bis, che, tra l'altro, deroga specifica-

mente  e  totalmente ai commi primo e secondo dell'art.11 del R.D. 30 ottobre

1933  n.  1611,  conferisce  al Prefetto esclusiva legittimazione personale a

contraddire  l'opposizione  dello  straniero:  e cio' in vista dell'interesse

pubblico  ad  una immediata e diretta risposta dell'Autorita' locale, l'unica

ritenuta  idonea a valutare e contrastare - nei ristrettissimi tempi del pro-

cedimento  - le ragioni della opposizione e per tali fini munita della neces-

saria  autonomia funzionale. E tale legittimazione personale permane nel cor-

so  del  procedimento  e  si estende al giudizio di cassazione in forza della

previsione  normativa  in  discorso,  non scorgendosi ragioni per le quali la

scelta  inequivoca  e testuale di conferire al Prefetto la ridetta legittima-

zione  personale debba ritenersi limitata al processo di opposizione in primo

grado,  per poi cedere il passo - non senza rilevante irragionevolezza, se si

rammentano  i fini perseguiti dalla scelta stessa - al ripristino di rapporti

gerarchici.                                                                  

VEDI     199901082 523179                                                   

VEDI     200004995 535790                                                   

VEDI     200005243 535928                                                    

VEDI     200005244 535929                                                   

VEDI     200005650 536179                                                   

VEDI SU  199900599 529423                                                   

SEZ. 1       SENT.  09083  DEL 07/07/2000                         RV.  538961

     PRES. Senofonte P                REL. Macioce L              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Ciuciu                                                             

     RES. Pref. Prov. Padova ed altro                                       

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione amministrativa dello straniero ex

       D.Lgs.  n.286  del  1998 - Decreto prefettizio di espulsione - Opposi-

       zione  - Procedimento - Ricorso - Contenuto - Esposizione delle ragio-

       ni della domanda - Necessita'.                                       

COD.PROC.CIV. ART. 125                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 3                                        

    Il  ricorso  in  opposizione  al  decreto prefettizio di espulsione dello

straniero  dal  territorio  dello Stato deve contenere, anche se presentato e

sottoscritto  personalmente  dallo  straniero, la sintetica esposizione delle

ragioni  della  domanda - requisito indispensabile per consentire all'opposto

Prefetto  di  rassegnare una qualsivoglia difesa -. L'art. 13 del T.U. appro-

vato  con  D.Lgs.  25 luglio 1998 n.286, ai commi ottavo e nono (quest'ultimo

sostituito  dall'art.  3 del D.Lgs. 13 aprile 1999 n.113), menziona, infatti,

il  ricorso quale atto introduttivo del procedimento disciplinato dagli artt.

737  e  segg.  cod.  proc. civ. e l'art.737 cod. proc. civ., sulla disciplina

dei procedimenti camerali, fa richiamo all'art. 125 cod. proc. civ..        

                       *  EDITA   *                                         

SEZ. 1       SENT.  09079  DEL 07/07/2000                         RV.  538958

     PRES. Annunziata M               REL. Adamo M                COD.PAR.738

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Marte Leocadia del Carmen                                         

     RES. Pref. Vercelli                                                     

141068  PUBBLICA  AMMINISTRAZIONE - ORDINAMENTO DEGLI UFFICI DELLA P.A. - AM-

       MINISTRAZIONE  GOVERNATIVA LOCALE - PREFETTO - PROVVEDIMENTI PREFETTI-

       ZI  - IN GENERE - Espulsione dello straniero - Ipotesi di introduzione

       nel  territorio  dello  Stato  sottraendosi  ai controlli di frontiera

       contemplata  dall'art. 13 comma secondo lett. a) D.Lgs n. 286 del 1998

       - Portata della previsione.                                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    In  tema  di  espulsione amministrativa dello straniero extracomunitario,

l'ipotesi  di  introduzione  nel territorio dello Stato "sottraendosi ai con-

trolli  di frontiera", contemplata dall'art. 13 comma secondo lett. A) D.Lgs.

286  del  1998, trova applicazione non solo quando lo straniero si sia intro-

dotto  nel  territorio  dello Stato senza passare per i valichi di frontiera,

ma  altresi'  quando,  attraversando i valichi di frontiera consentiti, abbia

esibito  agli  agenti  preposti ai controlli documenti idonei a trarli in in-

ganno.                                                                      

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09078  DEL 07/07/2000                         RV.  538956

     PRES. Senofonte P                REL. Macioce L              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Ziaja Beata                                                        

     RES. Pref. Provincia di Viterbo                                        

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. sull'immigrazione - Espulsione amministra-

       tiva  dello  straniero - Decreto - Comunicazione all'interessato - Ob-

       bligo  di  traduzione  ex  art.  13,  comma settimo, D.Lgs. n. 286 del

       1998 - Portata - "Ratio" - Conseguenze.                               

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    In tema di espulsione amministrativa dello straniero, la "ratio" dell'ar-

t.  13,  comma  settimo,  del  T.U.  sull'immigrazione (D.Lgs. 25 luglio 1998

n.286),  il  quale  dispone  la  comunicazione all'interessato del decreto di

espulsione  unitamente ad una traduzione in una lingua da lui conosciuta, ov-

vero,  ove  non  sia  possibile,  in  lingua francese, inglese o spagnola, e'

quella  di  consentire  allo straniero espulso la comprensione della misura e

l'apprestamento  della difesa. Ditalche' il precetto di legge e' da ritenersi

pienamente  soddisfatto le volte in cui lo straniero conosca o meno la lingua

nella  quale  e' tradotto il testo della misura emessa a suo carico abbia co-

munque  perfettamente  compreso il testo italiano del decreto che, unitamente

alla  traduzione,  gli  viene  comunicato: ed e' infatti significativo che la

norma  imponga  la traduzione non gia' nella lingua nazionale dell'espellendo

bensi'  "nella  lingua  da  lui  conosciuta",  esplicitando la "ratio" che e'

quella di assicurare, come dianzi detto, comprensione e difesa.             

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09078  DEL 07/07/2000                         RV.  538955

     PRES. Senofonte P                REL. Macioce L              COD.PAR.242

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Ziaja Beata                                                        

     RES. Pref. Provincia di Viterbo                                        

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello  straniero - Decreto prefettizio di espulsione - Op-

       posizione  -  Procedimento  - Art. 13 bis del T.U. sull'immigrazione -

       Legittimazione  processuale  esclusiva  del  Prefetto  a contraddire -

       Contumacia  o  difesa con funzionario delegato - Carattere derogatorio

       rispetto  all'art.  11,  commi  primo  e secondo, del R.D. n. 1611 del

       1933.                                                                

R. D. DEL 30/10/1933 NUM. 1611 ART. 11                  *COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    In  tema  di espulsione amministrativa dello straniero, l'art. 13 bis del

D.Lgs.  25  luglio  1998  n.286,  introdotto dall'art. 4 del D.Lgs. 13 aprile

1999  n.  113, ha attribuito al Prefetto la legittimazione processuale esclu-

siva  a  contraddire le opposizioni avverso i suoi decreti di espulsione, le-

gittimazione  permanente  anche  in  sede  di legittimita' le volte in cui il

Prefetto  innanzi al Giudice del merito non si sia costituito o si sia difeso

avvalendosi  dei propri funzionari. E tale disposizione costituisce deroga ai

commi primo e secondo dell'art. 11 del R.D. 30 ottobre 1933 n. 1611.        

VEDI     200009084 538962                                                   

VEDI SU  198802174 458010                                                   

VEDI SU  198802272 458076                                                    

VEDI SU  198806254 460597                                                   

VEDI SU  199900599 529423                                                   

                       *  EDITA   *                                          

SEZ. 1       SENT.  09004  DEL 06/07/2000                         RV.  538953

     PRES. Annunziata M               REL. Macioce L              COD.PAR.722

     PM. Mele F  (Conf.)                                                    

     RIC. El Kadiri Rachid                                                  

     RES. Pref. Provincia Enna                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione amministrativa dello straniero ex

       D.Lgs.  n. 286 del 1998 - Espulsione immediata ex art. 13, comma quin-

       to - Esimente ex art. 13, comma quindicesimo - Prova - Limiti.       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 5           COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 15          COST.              

    In tema di esimente relativa all'espulsione amministrativa immediata del-

lo straniero, la formula di cui al comma quindicesimo dell'art. 13 del D.Lgs.

25  luglio  1998 n. 286, per la quale "le disposizioni di cui al comma quinto

non  si applicano allo straniero che dimostri sulla base di elementi obietti-

vi  di  essere  giunto sul territorio dello Stato prima della data di entrata

in  vigore  della  legge 6 marzo 1998 n. 40..", va interpretata nel senso che

ai  fini  probatori  sono  inidonee dichiarazioni (nella specie dichiarazioni

asseverate  e atto notorio dei "soggetti privati") non provenienti da sogget-

ti  che  per la loro qualita' siano in condizione di garantire l'obiettivita'

del dichiarato.                                                             

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09003  DEL 06/07/2000                         RV.  538952

     PRES. Annunziata M               REL. Macioce L              COD.PAR.722

     PM. Mele F  (Conf.)                                                    

     RIC. Uhunamure Mercy                                                   

     RES. Min. Interno, Questura di Perugia                                 

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Esecuzione dell'espulsione dello straniero ex

       art.  14  del D.Lgs. n.286 del 1998 - Ordine del Questore di tratteni-

       mento  temporaneo  dello  straniero  presso  un centro di permanenza -

       Convalida  - Procedimento - Nomina di un interprete nella lingua dello

       straniero - Obbligatorieta' - Esclusione.                             

133019  PROCEDIMENTO CIVILE - AUSILIARI DEL GIUDICE - INTERPRETI E TRADUTTORI

       -  Esecuzione  dell'espulsione  dello  straniero ex art. 14 del D.lgs.

       n.286  del 1998 - Ordine del Questore di trattenimento temporaneo del-

       lo  straniero presso un centro di permanenza - Convalida - Procedimen-

       to  -  Nomina di un interprete nella lingua dello straniero - Obbliga-

       torieta' - Esclusione.                                               

COD.PROC.CIV. ART. 122                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14  COMMA 4           COST.              

    In  tema di esecuzione dell'espulsione dello straniero di cui all'art. 14

del  D.Lgs.  25  luglio  1998 n. 286 del 1998, non sussiste alcuna norma che,

nel  procedimento di convalida dell'ordine del Questore di trattenimento tem-

poraneo  dello straniero presso un centro di permanenza, imponga al Giudican-

te  -  astretto  dall'onere di convalida nelle quarantotto ore dalla trasmis-

sione  degli  atti  - di assicurare la presenza di un interprete nella lingua

dello  straniero  (come  previsto di contro dall'art. 143 cod.proc.pen.), sol

dovendosi  assicurare  - non dovendo lo straniero essere fatto oggetto a con-

testazioni  di sorta ma solo dovendo essere sentito sulle circostanze relati-

ve  alle  ipotesi  di  cui  al comma primo dell'art. 14 - che per le concrete

circostanze  del  caso  l'interessato  sia  in  condizione  di comprendere la

sostanza dell'interpello.                                                    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09003  DEL 06/07/2000                         RV.  538951

     PRES. Annunziata M               REL. Macioce L              COD.PAR.242

     PM. Mele F  (Conf.)                                                    

     RIC. Uhunamure Mercy                                                   

     RES. Min. Interno, Questura di Perugia                                  

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI   ORDINARI   (IMPUGNABILITA')   -   IN   GENERE  -  Esecuzione

       dell'espulsione  dello  straniero ex art. 14 del D.Lgs. n.286 del 1998

       -  Ordine  del  Questore  di  trattenimento temporaneo dello straniero

       presso  un centro di permanenza - Decreto di convalida - Diritto a ri-

       correre  per  cassazione - Autonomia della misura di tutela rispetto a

       quella  prevista nei confronti del decreto di espulsione - Fondamento.

COSTITUZIONE ART. 13                                                        

COSTITUZIONE ART. 111                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.               

    In  tema  di  esecuzione  dell'espulsione  dello  straniero  disciplinata

dall'art.  14  del  D.Lgs. 25 luglio 1998 n. 286, il diritto, di cui al sesto

comma  della  medesima  disposizione,  a  ricorrere per cassazione avverso il

decreto  di  convalida  dell'ordine del Questore di trattenimento dello stra-

niero  stesso  presso il centro di permanenza temporanea e' strutturato quale

autonoma  misura  di  tutela  imposta  dagli  artt.  13 e 111, secondo comma,

Cost.,  trattandosi di una privazione della liberta' personale indotta da at-

ti  comunque  e sempre sindacabili. Pertanto non osta alla proponibilita' del

ricorso  per  cassazione,  l'omessa  impugnazione  del decreto di espulsione,

presupposto dall'ordine di trattenimento.                                    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  09002  DEL 06/07/2000                         RV.  538950

     PRES. Annunziata M               REL. Macioce L              COD.PAR.722

     PM. Mele F  (Conf.)                                                    

     RIC. John Becky                                                        

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Esecuzione dell'espulsione dello straniero ex

       art.  14  del D.Lgs. n.286 del 1998 - Ordine del Questore di tratteni-

       mento  temporaneo  dello  straniero  presso  un centro di permanenza -

       Convalida  - Procedimento - Inefficacia del provvedimento del Questore

       - Presupposti - Inosservanza del termine di quarantotto ore prescritto

       per la convalida - Criteri di computo.                                

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14  COMMA 4           COST.              

    In  tema  di esecuzione dell'espulsione amministrativa dello straniero di

cui  all'art.  14 del D.Lgs. 25 luglio 1998 n. 286, il comma quarto della me-

desima  disposizione  statuisce  l'inefficacia del provvedimento del Questore

di  trattenimento  temporaneo dello straniero presso un centro di permanenza,

non  per  il  superamento di 48 ore tra il giorno della misura e quello della

convalida,  ma  soltanto  ove siano trascorse 48 ore dalla trasmissione degli

atti  in  Tribunale da parte del Questore, onerato di curarne la trasmissione

senza ritardo o entro 48 ore dalla adozione della misura stessa.            

SEZ. 1       SENT.  08381  DEL 20/06/2000                         RV.  537825

     PRES. Senofonte P                REL. Vitrone U              COD.PAR.215

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Ghezouani                                                          

     RES. Min. Interni ed altro                                             

133228  PROCEDIMENTO  CIVILE - SOSPENSIONE DEL PROCESSO - NECESSARIA - Espul-

       sione  amministrativa  dello  straniero - Contestuale diniego del per-

       messo  soggiorno  -  Sospensione del procedimento civile per pregiudi-

       zialita'  -  Presupposti  - Pendenza del giudizio amministrativo - Ne-

       cessita'  - Pendenza del termine per impugnare il diniego del permesso

       di soggiorno - Irrilevanza.                                           

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione  amministrativa dello straniero -

       Contestuale  diniego del permesso soggiorno - Sospensione del procedi-

       mento  civile per pregiudizialita' - Presupposti - Pendenza del giudi-

       zio  amministrativo  - Necessita' - Pendenza del termine per impugnare

       il diniego del permesso di soggiorno - Irrilevanza.                  

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 295                                                      

    Lo straniero, nei cui confronti siano stati emanati, anche contestualmen-

te,  il  provvedimento di espulsione e quello di diniego del permesso di sog-

giorno,  puo' impugnare entrambi dinanzi ai giudici rispettivamente competen-

ti  e  chiedere al tribunale ordinario la sospensione necessaria del procedi-

mento  fino  alla  definizione  di quello instaurato dinanzi al giudice ammi-

nistrativo;  a tal fine e' necessario allegare e provare la pendenza del giu-

dizio  amministrativo mentre non rileva che non sia ancora decorso il termine

per impugnare il diniego del permesso di soggiorno.                          

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  08381  DEL 20/06/2000                         RV.  537824

     PRES. Senofonte P                REL. Vitrone U              COD.PAR.242

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Ghezouani                                                         

     RES. Min. Interni ed altro                                             

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello straniero - Motivi di impugnazione attinenti al man-

       cato  rilascio  del  permesso  di  soggiorno - Cognizione riservata al

       giudice amministrativo.                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Espulsione amministrativa dello straniero - Mo-

       tivi  di  impugnazione  attinenti  al mancato rilascio del permesso di

       soggiorno - Cognizione riservata al giudice amministrativo.          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    Nel  caso in cui lo straniero venga raggiunto, anche contestualmente, dal

decreto  prefettizio  di  espulsione  ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. n.

286  del 1998 e dal decreto del questore di diniego del permesso di soggiorno

in  sanatoria  per  mancanza dei requisiti di cui all'articolo 3 del D.P.C.M.

16  ottobre  1998, l'impugnazione del primo non puo' fondarsi su motivi atti-

nenti  al  mancato rilascio del permesso di soggiorno in sanatoria, il cui e-

same e' riservato alla giustizia amministrativa.                             

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  07867  DEL 09/06/2000                         RV.  537439

     PRES. Senofonte P                REL. Berruti GM             COD.PAR.722

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                               

     RIC. Marcolaj                                                          

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Provvedimento prefettizio di espulsione - Im-

       pugnativa  davanti al tribunale - Richiesta di sospensione del proces-

       so  per  la  pendenza di impugnativa davanti al giudice amministrativo

       contro  il diniego del permesso di soggiorno - Omesso esame - Illegit-

       timita' - Conseguenze in sede di ricorso per cassazione.             

133228  PROCEDIMENTO  CIVILE  - SOSPENSIONE DEL PROCESSO - NECESSARIA - Stra-

       niero  - Provvedimento prefettizio di espulsione - Impugnativa davanti

       al  tribunale  - Richiesta di sospensione del processo per la pendenza

       davanti  al  giudice  amministrativo  di impugnativa contro il diniego

       del  permesso  di  soggiorno  - Omesso esame - Illegittimita' - Conse-

       guenze in sede di ricorso per cassazione.                            

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113                                               

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                         

COD.PROC.CIV. ART. 295                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 360                                                      

    In  sede  di  giudizio  di cassazione deve essere annullato con rinvio il

decreto  con cui il tribunale abbia rigettato il ricorso proposto dallo stra-

niero,  a  norma dell'art. 13 del D.lgs. n. 286 del 1998, contro il provvedi-

mento  di  espulsione  emesso  dal  prefetto  (decreto che, a norma dell'art.

13-bis  del  citato  decreto  legislativo, aggiunto dall'art. 4 del D.lgs. n.

113  del 1999, non e' reclamabile ma e' impugnabile con ricorso per cassazio-

ne),  qualora  il  giudice  di  merito  non  abbia  motivato  in  ordine alla

richiesta  di sospensione del procedimento, ex art. 295 cod.proc.civ., per la

pendenza  davanti  al  giudice  amministrativo dell'impugnativa contro il ri-

fiuto  di  concessione del permesso di soggiorno, richiesto a norma dell'art.

5 del medesimo D.lgs. n. 286 del 1998.                                       

VEDI     199901082 525179                                                   

VEDI     200001685 533882                                                   

VEDI     200001907 534133                                                   

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  05650  DEL 05/05/2000                         RV.  536179

     PRES. Senofonte P                REL. Fioretti FM            COD.PAR.242

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                                

     RIC. Roci                                                              

     RES. Min. Interno ed altri                                             

100001  IMPUGNAZIONI  CIVILI - IN GENERE - Provvedimento del Pretore sull'im-

       pugnazione  del decreto del Prefetto di espulsione dello straniero en-

       trato  clandestinamente  nel  territorio nazionale - Mezzi di impugna-

       zione prima e dopo l'entrata in vigore del D.Lgs. n. 113/99.         

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 11                                             

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    Il  provvedimento  del  Pretore, che decide sull'impugnazione del decreto

del  Prefetto di espulsione dello straniero dal territorio nazionale, perche'

entrato  clandestinamente in Italia, puo' essere immediatamente impugnato con

ricorso  per  cassazione soltanto a partire dall'entrata in vigore del D.Lgs.

13  aprile  1999, n. 113, avendone l'art. 4 di detto decreto previsto espres-

samente  la  immediata impugnabilita' con tale mezzo, mentre nel regime ante-

riore,  disciplinato  dall'art.  11,  commi ottavo e nono della legge 6 marzo

1998,  n. 40, doveva essere impugnato con reclamo ai sensi dell'art. 739 cod.

proc.  civ.  e  solo all'esito era proponibile, nei confronti della pronuncia

assunta  dal tribunale in sede di reclamo, il ricorso per cassazione ai sensi

dell'art. 111 della Costituzione.                                           

VEDI     199901082 523179                                                   

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  05244  DEL 21/04/2000                         RV.  535929

     PRES. Senofonte P                REL. Macioce L              COD.PAR.242

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                               

     RIC. Nazih                                                             

     RES. Min. Interno                                                       

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  - IN GENERE - Decreto prefettizio

       di  espulsione  dello  straniero  - Sindacato del pretore ai sensi del

       D.Lgs.  n. 286 del 1998 - Reclamo avverso la decisione pretorile - Ne-

       cessita'  -  Immediato  ricorso  per  cassazione  ex  art. 111 Cost. -

       Esclusione  - "Ius superveniens" costituito dal D.Lgs. n. 113 del 1999

       -  Non reclamabilita' della decisione pretorile e ricorribilita' ordi-

       naria  per  cassazione - Configurabilita' - Applicabilita' delle nuove

       regole  sul  regime  impugnatorio  con riguardo alle decisioni avverso

       le  quali  la  previgente  impugnazione  sia gia' stata proposta o non

       sia piu' proponibile per il decorso dei termini previsti - Esclusione.

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 11                                             

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 9           COST.               

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 739                                  *COST.              

COSTITUZIONE ART. 111                                                       

    Nel vigore del D.Lgs. n. 286 del 1998, il regime impugnatorio del provve-

dimento  pretorile  emesso  sul  ricorso  avverso  il  decreto prefettizio di

espulsione  dello  straniero  era regolato dall'art. 11 della legge n. 40 del

1998,  recante  disposizioni  interamente  riprodotte dall'art. 13 del citato

D.Lgs.  n.  286,  che  prevedeva,  in forza del rinvio agli artt. 737 e segg.

cod.proc.  civ., la reclamabilita' del provvedimento stesso innanzi al tribu-

nale,  e  la ricorribilita' ai sensi dell'art. 111 Cost. della sola decisione

al  riguardo adottata dal tribunale. Tale regime e' stato radicalmente mutato

con  l'art. 4 del D.Lgs. 13 Aprile 1999, n. 113 , che ha introdotto l'art. 13

bis  del  D.Lgs. n. 286 del 1998, in forza del quale e' esclusa la reclamabi-

lita'  del provvedimento pretorile in questione, ammettendosene la ricorribi-

lita'  ordinaria  per  cassazione.  Peraltro, le nuove regole, in ossequio al

principio  secondo  il  quale  gli atti processuali sono regolati dalla legge

vigente  al  tempo  del compimento degli stessi, non possono trovare applica-

zione  con riguardo alle decisioni avverso le quali, al momento della entrata

in  vigore  delle stesse, la impugnazione sia gia' stata proposta (secondo il

regime  previgente),  ovvero non sia piu' proponibile per il decorso dei ter-

mini previsti.                                                               

VEDI     199609544 500309                                                   

VEDI     199901082 523179                                                   

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  04995  DEL 18/04/2000                         RV.  535790

     PRES. Senofonte P                REL. Macioce L              COD.PAR.242

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                               

     RIC. Tahiri Taip                                                        

     RES. Pref. Crotone                                                     

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello straniero - Provvedimento di espulsione adottato dal

       Prefetto  -  Sindacato  del Pretore - Decisione - Impugnazione - Nuovo

       regime  introdotto dall'art. 13 bis T.U. 286/98 - Decisioni emanate in

       epoca  anteriore  alla sua entrata in vigore - Applicazione - Criteri.

TESTO UNICO DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS           COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    Il  regime impugnatorio avverso i provvedimenti di espulsione dello stra-

niero  regolato  dall'art. 11 della legge 40/98, recante disposizioni intera-

mente  riprodotte  dall'art. 13 del T.U. approvato con D.Lgs. 286/98 delegato

dall'art.  47 primo comma della legge 40/98, e' stato radicalmente mutato con

l'art.  4  del D.Lgs 13 aprile 1999 n. 113, che ha introdotto nel T.U. 286/98

l'art.  13 bis, entrato in vigore il 12 maggio 1999, in forza del quale si e'

recisamente statuita la non reclamabilita' della decisione pretorile e la sua

ricorribilita'  (ordinaria)  per cassazione. Al fine di individuare il regime

impugnatorio  della decisione giurisdizionale, nel succedersi delle norme nel

tempo,  occorre  avere  riguardo alle disposizioni vigenti all'atto della sua

pubblicazione  e  per  tutto  il tempo di permanenza della pregressa facolta'

impugnatoria.  In difetto di disposizioni - nella nuova legge - che discipli-

nino  il rapporto dei nuovi rimedi impugnatori dalla stessa introdotti con le

decisioni  gia'  adottate,  e'  cioe'  da  precisare  che le nuove regole non

potranno  trovare  applicazione  con riguardo alle decisioni avverso le quali

la  previgente impugnazione sia stata gia' proposta o non sia- per il decorso

dei  termini  previsti  - piu' proponibile (in tal ultimo caso l'applicazione

del nuovo regime essendo impedita dalla acquisita irrevocabilita' dell'atto).

VEDI     199901082 523179                                                   

                       * ANNOTATA *                                         

SEZ. 1       ORD.  00547  DEL 01/06/2000                          RV.  546154

     PRES. Carnevale C                REL. Criscuolo A            COD.PAR.242

     PM. Martone A  (Conf.)                                                 

     RIC. Stankovic                                                          

100172  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  DECRETI - Decreto pretorile di

       convalida  del  provvedimento  del questore ex art. 12 legge n. 40 del

       1998 - Relativo ricorso per Cassazione - Disciplina applicabile.     

COD.PROC.CIV. ART. 365                                                      

L. DEL 6/3/1998 NUM. 4 ART. 12                                               

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

    In tema di disciplina dell'immigrazione e sulla condizione dello stranie-

ro,  il  ricorso  per  Cassazione  previsto dall'art. 12 legge n. 40 del 1998

(riprodotto  con qualche modifica nell'art. 14 D.Lgs. n. 286 del 1998) avver-

so  il  decreto  pretorile  di convalida del provvedimento del questore dalla

stessa  norma previsto, deve seguire, in assenza di apposite disposizioni de-

rogatorie,  la disciplina prevista dal codice di rito, con la conseguenza che

deve  dichiararsi l'inammissibilita' del ricorso proposto personalmente dalla

parte e non notificato ad alcuno.                                           

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. U       ORD.  00118  DEL 07/11/2000                          RV.  541417

     PRES. Vessia A                   REL. Marziale G             COD.PAR.242

     PM. Cinque A  (Diff.)                                                   

     RIC. Hila Albana                                                       

     RES. Min. Interni                                                      

100180 IMPUGNAZIONI CIVILI - CASSAZIONE (RICORSO PER) - RICORSO - IN GENERE -

       Provvedimento  reso  all'esito  del  giudizio d'opposizione al decreto

       prefettizio  d'espulsione  dello  straniero - Ricorso per cassazione -

       Notificazione  -  Al  Prefetto emittente il decreto d'espulsione - Ne-

       cessita'  -  Eventuale  nullita'  della notificazione - Rinnovazione -

       Ammissibilita'.                                                      

100245  IMPUGNAZIONI CIVILI - IMPUGNAZIONI IN GENERALE - NOTIFICAZIONE - NUL-

       LITA'  - IN GENERE - Provvedimento reso all'esito del giudizio d'oppo-

       sizione  al decreto prefettizio d'espulsione dello straniero - Ricorso

       per  cassazione  -  Notificazione  -  Al Prefetto emittente il decreto

       d'espulsione  -  Necessita' - Eventuale nullita' della notificazione -

       Rinnovazione - Ammissibilita'.                                       

COD.PROC.CIV. ART. 291                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 360                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

    Il  ricorso per cassazione, avverso il provvedimento emesso all'esito del

giudizio  d'opposizione  al decreto prefettizio d'espulsione dello straniero,

deve  essere  proposto  (in analogia con il modello procedimentale delineato,

in  tema  di  sanzioni  amministrative, dall'art. 23 della n. 689 del 1981) a

pena  d'inammissibilita'  nei  confronti  dell'autorita'  che  ha  emanato il

decreto  impugnato  e  deve essere notificato presso di essa, salvo che nella

precedente  fase di merito il patrocinio non sia stato assunto dall'Avvocatu-

ra  dello  Stato.  Ne consegue che, nel caso in cui il ricorso sia stato cor-

rettamente  indirizzato  al Prefetto ma la notificazione sia stata effettuata

presso  l'Avvocatura,  benche' questa nella precedente fase di merito non ab-

bia  assunto  la  difesa,  tale notificazione e' da ritenersi nulla (non ine-

sistente)  e, come tale, rinnovabile, ai sensi dell'art. 291 cod. proc. civ.,

presso l'ufficio del Prefetto intimato.                                     

VEDI     199901774 523784                                                   

VEDI     200000053 532714                                                    

                       * ANNOTATA *                 VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  06374  DEL 23/06/1999                         RV.  529245

     PRES. Grieco A                   REL. Morelli MR             COD.PAR.722

     PM. Buonajuto A  (Conf.)                                               

     RIC. Fortes                                                            

     RES. Pref. Palermo                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Permesso di soggiorno - Richiesta di rinnovo

       non  tempestiva  -  Espulsione  dello  straniero - Automaticita' della

       sanzione - Esclusione - Presupposti.                                  

L. DEL 3/6/1998 NUM. 40 ART. 5  COMMA 5                                     

L. DEL 3/6/1998 NUM. 40 ART. 11  COMMA 2                                    

    Ai sensi dell'art. 11, secondo comma, della legge n. 40 del 1998, in caso

di  ritardo nella richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno, l'espulsio-

ne  dello  straniero  non e' automatica, ma consegue solo all'esame ed all'e-

ventuale  rifiuto  della  richiesta  ex  art. 5, quinto comma, della predetta

legge,  nella ricorrenza della situazione, ivi prevista, di sopravvenuta man-

canza  di  requisiti  per il soggiorno, della quale detto ritardo puo' costi-

tuire indice rivelatore.                                                    

                       * ANNOTATA *                 VEDI:RIFMC              

SEZ. 3       SENT.  04805  DEL 18/05/1999                         RV.  526357

     PRES. Vittoria P                 REL. Manzo G                COD.PAR.711

     PM. Frazzini O  (Conf.)                                                 

     RIC. Kabirinejad Jaleh                                                 

     RES. Min. Sanita'                                                      

086168  FONTI  DEL  DIRITTO  -  RETROATTIVITA'  -  DIVIETO  -  Nuova  legge -

       Disciplina  degli  effetti dei fatti sorti sotto la legge precedente -

       Condizioni.                                                          

D. L. DEL 30/12/1989 NUM. 416 ART. 10  COMMA 7                              

L. DEL 28/2/1990 NUM. 39                                *COST.              

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 35                                             

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 37                                       

    In caso di successione di leggi nel tempo i fatti costitutivi del diritto

restano   disciplinati  dalla  legge  precedente,  mentre  gli  effetti  sono

disciplinati  dalla nuova legge, nei limiti del principio che la legge dispo-

ne  solo  per  l'avvenire e non ha carattere retroattivo (art. 11 disp. prel.

al  cod. civ.). Il principio di irretroattivita' della legge preclude infatti

che  la  legge  nuova possa essere applicata ove con essa si disconoscano gli

effetti  gia'  verificatisi  in conseguenza del fatto passato costitutivo del

diritto  o  si tolga efficacia, in tutto o in parte, alle conseguenze attuali

o  future  di  quel  fatto (nel caso di specie, relativo all'iscrizione negli

albi  professionali dei cittadini extracomunitari, la S.C. ha ritenuto che la

legge  applicabile,  in quanto disciplinante i fatti costitutivi del diritto,

era  quella  di  cui  al comma settimo dell'art. 10 del D.L. n. 416 del 1989,

vigente  al  momento della richiesta di iscrizione, e non la successiva legge

6 marzo 1998, n. 40).                                                        

VEDI     7901350 397627                                                     

VEDI     8302351 427207                                                     

                       * ANNOTATA *                 VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  01082  DEL 09/02/1999                         RV.  523179

     PRES. Grieco A                   REL. Macioce L              COD.PAR.242

     PM. Mele F  (Conf.)                                                    

     RIC. Fortes                                                             

     RES. Ministero Interni-Prefetto di Palermo                             

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello straniero - Disciplina ex artt. 11 e 12, della legge

       n.  40  del 1998 - Innovazioni - Portata - Provvedimento di espulsione

       assunto  dal  Prefetto - Sindacato del Pretore - Procedimento ex artt.

       737  e  ss. cod. proc. civ. - Decisione assunta dal Pretore - Impugna-

       zione  -  Reclamo ex art. 739 cod. proc. civ. - Necessita' - Immediato

       ricorso ex art. 111 della Costituzione - Esclusione.                 

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 11                                             

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286                                               

    Le  nuove  norme  poste, dall'art. 11 della legge 6 marzo 1998, n. 40 ( e

confluite  poi  nell'art.  13 del "Testo Unico delle disposizioni concernenti

la  disciplina  dell'immigrazione  e  norme sulla condizione dello straniero"

approvato  con  D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286 ) a regolare l'espulsione ammi-

nistrativa  dello  straniero,  hanno innovato la materia dei rimedi giurisdi-

zionali  avverso le espulsioni ordinarie ( non politiche ) e si sono tradotte

nella  sottoposizione  alla  cognizione  camerale del Pretore delle misure di

espulsione.  Piu'  in  particolare, mentre il preesistente regime posto dagli

artt.  2 e ss. del D.L. n. 416 del 1989, convertito in legge 28 febbraio 1990

n.  39,  abrogati  dall'art.  46, lett. e) della legge n. 40/98, prevedeva la

"giustiziabilita'"  innanzi al T.A.R. di tutti i provvedimenti di espulsione,

si'  da delineare un sistema di controlli del tutto interno alla giurisdizio-

ne  amministrativa  e come tale non sottoponibile al ricorso straordinario ex

art.  111,  secondo  comma,  della Carta Costituzionale, nel nuovo sistema di

cui  al  citato  art.  11,e' stata mantenuta al sindacato della giurisdizione

amministrativa  del  T.A.R. del Lazio (comma undicesimo) la valutazione della

sola  legittimita' dell'espulsione disposta dal Ministro per ragioni di ordi-

ne  pubblico  o  sicurezza (comma primo), mentre il sindacato sulla validita'

dell'espulsione  disposta  dal  Prefetto nei casi di cui alle lettere a), b),

c)  del  comma  secondo  ( sintetizzabili nelle tre ipotesi de : lo straniero

entrato clandestinamente; lo straniero carente del titolo per soggiornare; lo

straniero  "pericoloso" o sospetto di appartenenza mafiosa ) e' stato affida-

to  (al  pari  di  quello sui provvedimenti con i quali il Questore - ex art.

12,  commi  primo,  secondo,  terzo  e  quarto - nei casi d'impossibilita' di

respingimento  o  espulsione  immediata dello straniero, dispone il tratteni-

mento  temporaneo  dello  straniero in centri di permanenza )in via esclusiva

al  pretore  nei modi di cui agli artt. 737 e seguenti cod. proc. civ. (commi

ottavo,  nono,  decimo). Ferma la non riconducibilita' di una tale cognizione

-  che  investe  la  denunciata lesione di veri e propri diritti soggettivi -

all'ambito  della  mera "giurisdizione volontaria", tuttavia, mentre nei casi

dei  provvedimenti  su  citati del Questore, il sindacato del Pretore si con-

clude  con  decreti di convalida o di proroga della misura assunta dall'auto-

rita'  amministrativa, i quali sono immediatamente ricorribili in Cassazione,

nel  caso dei provvedimenti di espulsione del Prefetto, la decisione pretori-

le  -  invece - e' suscettibile previamente di reclamo ai sensi dell'art. 739

cod.  proc.  civ. ( norma richiamata con il rinvio contenuto nel citato comma

9  dell'art. 11, agli artt. 737 e seguenti cod. proc. civ. ), e solo all'esi-

to  - pertanto - si rende instaurabile, nei confronti della pronuncia assunta

dal  Tribunale  in  sede  di  reclamo,  il  ricorso  per  Cassazione ai sensi

dell'Art. 111 della Carta Costituzionale.                                   

                       * ANNOTATA *                                          

SEZ. U       SENT.  00907  DEL 17/12/1999                         RV.  532296

     PRES. Vela A                     REL. Carbone V              COD.PAR.212

     PM. Cinque A  (Conf.)                                                  

     RIC. Boysele Kumayo                                                    

     RES. Min. Interno ed altro                                             

092088  GIURISDIZIONE  CIVILE - STRANIERO (GIURISDIZIONE SULLO) - IN GENERE -

       Qualifiche  di  rifugiato politico e di avente diritto all'asilo - Fi-

       gure  riconducibili  agli status ed ai diritti soggettivi - Configura-

       bilita'  -  Conseguenze  - Controversie sul loro riconoscimento - Giu-

       risdizione  ordinaria  - Disposizione sulla competenza del giudice am-

       ministrativo - Intervenuta abrogazione.                              

L. DEL 20/3/1865 NUM. 2248 ALL. E ART. 2                                    

TRATT. INTERNAZ. DEL 28/7/1951                                               

D. L. DEL 30/12/1989 NUM. 416 ART. 5                                        

L. DEL 28/2/1990 NUM. 39                                *COST.              

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 46                                             

TESTO UNICO DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 47                                  

L. DEL 24/7/1954 NUM. 722                                                   

    La  qualifica di rifugiato politico ai sensi della Convenzione di Ginevra

del  29  luglio  1951  costituisce,  come  quella di avente diritto all'asilo

(dalla  quale  si  distingue  perche'  richiede quale fattore determinante un

fondato  timore di essere perseguitato, cioe' un requisito non richiesto dal-

l'art.  10,  terzo comma, Cost.), una figura giuridica riconducibile alla ca-

tegoria  degli  "status"  e  dei  diritti  soggettivi, con la conseguenza che

tutti  i  provvedimenti assunti dai competenti organi in materia hanno natura

meramente  dichiarativa  e  non costitutiva, e le controversie riguardanti il

riconoscimento  della  posizione  di  rifugiato  (cosi' come quelle sul rico-

noscimento del diritto di asilo) rientrano nella giurisdizione dell'autorita'

giudiziaria  ordinaria,  una volta espressamente abrogato dall'art. 46, legge

n.  40 del 1998, l'art. 5, D.L. n. 416 del 1989, convertito con modificazioni

dalla  legge n. 39 del 1990 (abrogazione confermata dall'art. 47 del testo u-

nico  D.Lgs.  n.  286  del 1998), che attribuiva al giudice amministrativo la

competenza  per  l'impugnazione  del provvedimento di diniego dello status di

rifugiato.                                                                  

VEDI     9901082 523179                                                     

VEDI SU  9704674 504706                                                      

SEZ. U       SENT.  00147  DEL 18/03/1999                         RV.  524230

     PRES. Favara F                   REL. Giannantonio ER        COD.PAR.217

     PM. Dettori P  (Conf.)                                                 

     RIC. Cons. Ord. Avv. di Roma                                           

     RES. Musse Hussein Sadik                                               

026002  AVVOCATO  E  PROCURATORE - ALBO - IN GENERE - Esercizio della profes-

       sione  forense in Italia da parte dei cittadini extracomunitari - Con-

       dizioni - Limiti - Principio di reciprocita' - Ambito di rilevanza.  

PRELEGGI ART. 16                                                            

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40                                                      

    Il cittadino extracomunitario che intenda esercitare in Italia la profes-

sione  forense, ove regolarmente soggiornante in Italia ed in possesso di ti-

toli,  legalmente  riconosciuti,  abilitanti all'esercizio della professione,

puo',  entro  un anno dall'entrata in vigore della legge n. 40/1998, chiedere

l'iscrizione  al  relativo albo e, dopo la scadenza del suddetto termine, ove

residente  in  Italia,  potra'  ottenere  la richiesta iscrizione nell'ambito

delle  quote  massime  di  stranieri  da  ammettere  definite annualmente con

decreto  del  Presidente del Consiglio; ne consegue che il cittadino extraco-

munitario  non  residente  in  Italia non puo' ottenere l'iscrizione all'albo

degli  avvocati ne' in base alla normativa comunitaria (non essendo cittadino

comunitario),  ne'  in base alla citata legge n. 40/1998 (non avendo i requi-

siti  per  l'iscrizione  all'albo  previsti  da  detta  legge per i cittadini

extracomunitari),  ne',  infine,  in  base ad un principio di reciprocita' di

fatto  (o  per  equivalenza di trattamento) rispetto al paese di provenienza,

giacche'  il  principio di reciprocita' costituisce una condizione di effica-

cia  della  norma  che attribuisce un diritto allo straniero e non va confuso

con  il  riconoscimento di tale diritto, non potendosi percio' riconoscere al

cittadino  extracomunitario il diritto all'iscrizione all'albo in Italia solo

perche'  tale  diritto  e' riconosciuto nel paese di provenienza ai cittadini

italiani,  occorrendo invece una norma italiana che riconosca tale diritto, e

rilevando  la  reciprocita' non come fondamento del diritto, bensi' come con-

dizione di efficacia della suddetta norma.                                  

SEZ. U       SENT.  11617  DEL 18/11/1998                         RV.  520796

     PRES. Fanelli O                  REL. Giannantonio ER        COD.PAR.744

     PM. Carnevali A  (Conf.)                                               

     RIC. Cuni                                                              

     RES. Ord. Med. Chir. e Odont. Roma ed altri                            

135004  PROFESSIONISTI - ALBO PROFESSIONALE - ISCRIZIONE - IN GENERE - Citta-

       dino  extra  -  comunitario in possesso dei titoli professionali rico-

       nosciuti  in  Italia,  abilitanti  all'esercizio  della  professione -

       Iscrizione  agli  albi professionali anche in deroga alle disposizioni

       sul  previo  possesso  della cittadinanza italiana - Ammissibilita' ai

       sensi  dell'art.  35,  comma  primo, della legge 6 marzo 1998, n. 40 -

       Sussistenza - Portata transitoria - Termini temporali.               

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 35                                             

    In  base alla disposizione di cui all'art. 35, comma primo, della legge 6

marzo  1998, n. 40, avente effetto transitorio, i cittadini extra - comunita-

ri  in possesso dei titoli professionali legalmente riconosciuti in Italia a-

bilitanti  all'esercizio delle professioni, possono, con richiesta da presen-

tare  entro  il  21  marzo 1999 , purche' regolarmente soggiornanti in Italia

all'atto  dell'entrata  in vigore della legge medesima (21 marzo 1998), chie-

dere  l'iscrizione agli albi professionali, anche in deroga alle disposizioni

che prevedono il possesso della cittadinanza italiana                       

                       *  EDITA   *                                         

SEZ. U       SENT.  11543  DEL 16/11/1998                         RV.  520732

     PRES. Fanelli O                  REL. Giannantonio ER        COD.PAR.744

     PM. Carnevali A  (Conf.)                                               

     RIC. Dahshan                                                           

     RES. Ord. Med. Chir. ed Odont. Massa ed altri                          

135004  PROFESSIONISTI - ALBO PROFESSIONALE - ISCRIZIONE - IN GENERE - Citta-

       dino  extra  -  comunitario  in possesso di titoli professionali rico-

       nosciuti  in  Italia  abilitanti  all'esercizio  della  professione  -

       Iscrizione  agli  albi professionali anche in deroga alle disposizioni

       sul  previo  possesso  della cittadinanza italiana - Ammissibilita' ai

       sensi  dell'art.  35,  comma  primo, della legge 6 marzo 1998, n. 40 -

       Sussistenza - Portata transitoria - Termini temporali.               

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 35                                             

    In  base alla disposizione di cui all'art. 35, comma primo, della legge 6

marzo  1998, n. 40, avente effetto transitorio, i cittadini extra - comunita-

ri  in possesso dei titoli professionali legalmente riconosciuti in Italia a-

bilitanti  all'esercizio delle professioni, possono, con richiesta da presen-

tare  entro  il  21  marzo 1999 , purche' regolarmente soggiornanti in Italia

all'atto  dell'entrata  in vigore della legge medesima (21 marzo 1998), chie-

dere  l'iscrizione agli albi professionali, anche in deroga alle disposizioni

che prevedono il possesso della cittadinanza italiana                       

SEZ. 1       SENT.  00879  DEL 25/01/2002                         RV.  551832

     PRES. De Musis R                 REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Korolova                                                           

     RES. Pref. L'Aquila                                                    

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Decreto di espulsione - Traduzione in lingua

       del  paese  d'origine dello straniero o da lui conosciuta - Necessita'

       -  Traduzione in lingua francese inglese o spagnola - Ammissibilita' -

       Condizioni.                                                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    In  tema di espulsione dello straniero, l'autorita' amministrativa e' te-nuta  a  comunicare  all'interessato  ogni atto concernente l'espulsione (conl'indicazione  della relativa modalita' di impugnazione), tradotto nella lin-gua  del suo paese d'origine o nella lingua da lui conosciuta, essendo possi-bile  la  traduzione in lingua inglese, francese e spagnola solo nell'ipotesidi  mancata  identificazione del paese di provenienza dello straniero, ovverodi  accertata  provenienza da un paese la cui lingua, per la sua rarita', nonconsenta  l'agevole reperimento di un traduttore; ne consegue che deve essereannullato  per  violazione del diritto di difesa il decreto di espulsione chenon  sia  stato  tradotto in una delle lingue note all'interessato quando nonricorrono le circostanze sopra riportate.                                   

CONF     200112581 549640                                                   

VEDI     200009078 538956                                                    

SEZ. 1       SENT.  00787  DEL 24/01/2002                         RV.  551798

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                   

     RIC. Guennia                                                           

     RES. Min. Interni                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Decreto di espulsione - Trentino Alto - Adige -

       Autorita'  competente - Presidenti delle province autonome - Esclusio-

       ne  - Fondamento - Devoluzione della competenza al questore - Configu-

       rabilita'.                                                            

D. LG. DEL 25/8/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

L. C. DEL 26/2/1948 NUM. 5                                                  

    L'art.  16  dello statuto speciale del Trentino Alto Adige, nell'elencarele  materie  nelle  quali  i presidenti delle province autonome esercitano leattribuzioni  spettanti all'autorita' di pubblica sicurezza, precisa che, perle  materie  non  elencate,  le attribuzioni devolute dalle leggi ai prefettivengono  esercitate dai questori. Ne consegue che la competenza ad emettere idecreti  di  espulsione  nei confronti di stranieri spetta al questore, trat-tandosi  di materia esclusa dalla predetta elencazione ed affidata dalla leg-ge statale al prefetto.                                                     

SEZ. 1       SENT.  00787  DEL 24/01/2002                         RV.  551797

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                   

     RIC. Guennia                                                           

     RES. Min. Interni ed altra                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Decreto di espulsione - Opposizione - Decisione

       -  Termine  ex art. 13, comma nono, D.Lgs. n. 286 del 1998 - Carattere

       perentorio - Esclusione - Fondamento.                                

D. LG. DEL 25/8/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 152  COMMA 2                                             

    Il  termine  di dieci giorni fissato dall'art. 13, comma nono, del D.Lgs.n.  286  del  1998  per  la decisione in ordine alla opposizione a decreto diespulsione  emesso  nei  confronti di straniero non ha natura perentoria, nonessendo  tale  carattere  espressamente previsto, ne' potendosi esso desumerein modo univoco da un'interpretazione sistematica.                           

SEZ. 1       SENT.  00298  DEL 11/01/2002                         RV.  551492

     PRES. De Musis R                 REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Chader                                                            

     RES. Pref. Viterbo ed altro                                            

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione  amministrativa dello straniero -

       Decreto  prefettizio  di espulsione - Opposizione - Procedimento - In-

       terprete  nella  lingua dello straniero - Nomina - Necessita' - Esclu-

       sione  -  Ricorrente  - Audizione ex artt. 737 segg. cod. proc. civ. -

       Ammissibilita'  - Capacita' di comprensione della sostanza del provve-

       dimento  -  Sufficienza  - Mancata audizione dell'interessato - Conse-

       guenze  - Nullita' del provvedimento - Esclusione - Decisione - Assun-

       zione in assenza del ricorrente - Liceita'.                          

COD.PROC.CIV. ART. 122                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

L. DEL 4/7/1955 NUM. 848                                                    

COD.PROC.PEN. ART. 143                                                       

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

    Nel  giudizio promosso con ricorso contro il provvedimento di espulsione,non  vi  e' alcuna norma che imponga al giudice - chiamato a decidere in ter-mini  molto ristretti - di assicurare la presenza di un interprete nella lin-gua  dello  straniero, come previsto dall'art. 143 cod. proc. pen.; tale man-cata  previsione  si  giustifica  con la considerazione che il ricorrente nonviene  fatto  oggetto  di contestazioni di sorta, ma deve solo essere sentitonei  modi di cui agli artt. 737 cod. proc. civ., ed e' sufficiente che sia ingrado  di  comprendere  la  sostanza  dell'interpello.  La  mancata audizionedell'interessato  non e', d'altra parte, causa di nullita' del provvedimento,in  quanto  il  giudice  e' tenuto a decidere in ogni caso entro dieci giornidalla  data  del deposito del ricorso, sicche' la decisione puo' essere vali-damente presa anche in assenza del ricorrente.                               

VEDI     200009003 538952                                                   

VEDI     200112803 549773                                                   

SEZ. 1       SENT.  16125  DEL 21/12/2001                         RV.  551279

     PRES. Rocchi A                   REL. Forte F                COD.PAR.722

     PM. Sepe EA  (Conf.)                                                   

     RIC. Ursu Mihai                                                        

     RES. Pref. Firenze                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Provvedimento prefettizio di espulsione - Im-

       pugnativa  davanti al tribunale - Richiesta di sospensione del proces-

       so  per  la  pendenza di impugnativa davanti al giudice amministrativo

       contro  la revoca del permesso di soggiorno - Sospensione del processo

       ex  art. 295 cod. proc. civ. del giudizio ordinario sino all'esito del

       giudizio amministrativo - Applicabilita' - Esclusione.               

133228  PROCEDIMENTO CIVILE - SOSPENSIONE DEL PROCESSO - NECESSARIA - Provve-

       dimento  prefettizio  di espulsione - Impugnativa davanti al tribunale

       -  Richiesta  di  sospensione  del processo per la pendenza davanti al

       giudice  amministrativo  di  impugnativa contro la revoca del permesso

       di  soggiorno  -  Sospensione ex art. 295 cod. proc. civ. del giudizio

       ordinario  sino all'esito del giudizio amministrativo - Applicabilita'

       - Esclusione.                                                        

COD.PROC.CIV. ART. 295                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    Poiche'  non sussiste alcuna pregiudizialita' tra giudizio amministrativoe  giudizio  ordinario,  e' inammissibile il motivo di ricorso per cassazionecon  il  quale si deduca la violazione dell'art. 295 cod. proc. civ., per nonessere  stata  disposta la sospensione del giudizio concernente il decreto diespulsione  dello straniero sino all'esito del giudizio amministrativo aventead oggetto il provvedimento di revoca del suo permesso di soggiorno.        

CONTRA   200007867 537439                                                   

SEZ. 1       SENT.  16032  DEL 19/12/2001                         RV.  551246

     PRES. De Musis R                 REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Uccella F  (Conf.)                                                 

     RIC. Min. Interno ed altri                                             

     RES. Smaoui                                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Decreto d'espulsione - Traduzione degli atti

       del  procedimento  di espulsione in lingua conosciuta allo straniero -

       In forma sintetica - Sufficienza.                                    

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Il  diritto del cittadino straniero alla conoscenza degli atti del proce-dimento  di espulsione, previsto dall'art. 13 del T.U. sull'immigrazione (ap-provato  con  D.Lgs.  n. 286/1998), non impone, all'autorita' amministrativa,che  di  quegli atti ha l'obbligo di dare comunicazione all'interessato nellalingua  del  paese d'origine o a lui conosciuta, di provvedere alla loro tra-duzione  integrale, essendo una traduzione, "anche sintetica" idonea a garan-tire  sufficientemente  il  diritto  di  difesa,  che la norma citata intendepresidiare.                                                                 

SEZ. 1       SENT.  16030  DEL 19/12/2001                         RV.  551244

     PRES. Carbone V                  REL. Panebianco UR          COD.PAR.722

     PM. Abbritti P  (Diff.)                                                

     RIC. PREF. ROMA                                                         

     RES. MORA                                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Decreto di espulsione - Avvio del procedimento

       -  Obbligo  di comunicazione allo straniero ex art. 7 legge 241/1990 -

       Esclusione.                                                          

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                        COST.               

L. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 7                                             

    In  tema di espulsione amministrativa dello straniero, l'autorita' proce-dente  non  ha  nessun obbligo, ex art. 7 della legge 241/1990, di comunicareallo  straniero  stesso  l'avvio  del procedimento, in quanto, trattandosi diprocedimento  improntato  ad indubbie esigenze di celerita' (come e' dato de-sumere  dalle  norme  di  cui agli artt. 13 e 14 del D.Lgs. n. 286 del 1998),l'atto  che  va  a formarsi (e cioe' il decreto di espulsione) non presupponealcuna  procedura amministrativa, ma si forma nel momento stesso in cui l'au-torita' verifica l'esistenza dei suoi presupposti.                          

SEZ. 1       SENT.  16029  DEL 19/12/2001                         RV.  551243

     PRES. Rocchi A                   REL. Forte F                COD.PAR.722

     PM. Sepe EA  (Diff.)                                                   

     RIC. Hadzovic                                                          

     RES. Pref. Torino                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Esecuzione dell'espulsione dello straniero ex

       art.  14 del D.Lgs. n. 286 del 1998 - Provvedimento di revoca del per-

       messo  di  soggiorno  -  Impugnazione innanzi al T.A.R. - Pendenza del

       giudizio  amministrativo  - Rilevanza ai fini dell'ordine del Questore

       di  trattenimento  temporaneo dello straniero presso un centro di per-

       manenza  ed ai fini del giudizio di convalida dell'ordine del Questore

       - Esclusione.                                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

    In tema di esecuzione dell'espulsione dello straniero, in caso di penden-za  di impugnativa dinanzi al T.A.R. del provvedimento di revoca del permessodi  soggiorno, non sospeso o annullato da tale autorita', ben puo' il Questo-re  disporre  l'ordine  di trattenimento temporaneo dello straniero presso uncentro  di  permanenza,  e la detta pendenza e' irrilevante anche con riferi-mento al procedimento di convalida di tale ordine.                          

VEDI     199901082 523179                                                    

VEDI     200009003 538951                                                   

VEDI     200009003 538951                                                   

SEZ. 1       SENT.  16029  DEL 19/12/2001                         RV.  551242

     PRES. Rocchi A                   REL. Forte F                COD.PAR.722

     PM. Sepe EA  (Diff.)                                                   

     RIC. Hadzovic                                                          

     RES. Prefetto Torino                                                   

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Esecuzione dell'espulsione dello straniero ex

       art.  14 del D.Lgs. n. 286 del 1998 - Ordine del Questore di tratteni-

       mento  temporaneo  dello  straniero  presso  un centro di permanenza -

       Convalida  -  Procedimento  -  Legittimazione  - Autorita' autrice del

       provvedimento  di  espulsione - Prefetto - In via esclusiva - Questore

       - Legittimazione - Esclusione.                                       

COD.PROC.CIV. ART. 81                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14  COMMA 4           COST.              

    Nel  procedimento  disciplinato dall'art. 14, comma quarto, del D.Lgs. n.286  del  1998, di convalida dell'ordine del Questore di temporaneo tratteni-mento  dello  straniero  stesso presso il centro di permanenza emesso ai finidell'esecuzione  del  decreto  di  espulsione, legittimata a parteciparvi, aisensi  dell'art.  13  bis,  comma  secondo, del citato D.Lgs. n. 286 del 1998(aggiunto  dall'art.  4  del D.Lgs. 13 aprile 1999, n. 113) e' solo l'autori-ta'  che ha emesso il decreto di espulsione, e cioe' il Prefetto, e non ancheil Questore.                                                                

VEDI     199901082 523179                                                   

VEDI     200000118 541417                                                   

VEDI     200009002 538950                                                   

VEDI     200009003 538951                                                   

VEDI     200009078 538955                                                   

VEDI     200009084 538962                                                   

VEDI     200013653 540976                                                   

VEDI     200105537 545917                                                   

SEZ. 1       SENT.  15832  DEL 14/12/2001                         RV.  551152

     PRES. Grieco A                   REL. Cultrera MR            COD.PAR.722

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. Dari                                                               

     RES. Pref. Vibo Valentia                                               

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Decreto di espulsione - Per mancata richiesta

       del  permesso di soggiorno nel termine di legge - Scaturente dalla sua

       mancata  conoscenza - Omessa comunicazione della comunicazione scritta

       dei  diritti e dei doveri del cittadino italiano da parte dell'autori-

       ta'  di frontiera - Effetti - Ignoranza incolpevole dell'esistenza del

       detto  termine o forza maggiore impeditiva del suo decorso - Esclusio-

       ne  -  Concorso  con  altre circostanze di fatto - Valutazione rimessa

       all'apprezzamento incensurabile del giudice di merito.               

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 4                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

    L'omessa  consegna  a cittadino straniero, al momento del suo ingresso interritorio  italiano, della nota illustrativa dei suoi diritti e dei suoi do-veri  scritta,  ai sensi dell'art. 4 del T.U. sull'immigrazione approvato conD.Lgs  n. 286/1998, in lingua leggibile, e' circostanza di per se' non suffi-ciente,  ma  valutabile nel concorso con altre circostanze di fatto apprezza-bili  dal  giudice  di merito, al fine di stabilire se ricorra causa di forzamaggiore  o una condizione di ignoranza incolpevole dell'esistenza del termi-ne  perentorio  di otto giorni dalla data di ingresso in Italia, che l'art. 5del  citato  decreto legislativo prevede per la presentazione della richiestadi  soggiorno. (Nella specie la cassazione ha confermato il provvedimento delgiudice  di  merito che ha respinto l'opposizione proposta avverso il decretodi  espulsione disposto dal prefetto nei confronti di una cittadina stranieraextracomunitaria  che  non  aveva  chiesto  il permesso di soggiorno entro iltermine  sopraindicato,  ritenendo che lo stato d'ignoranza dell'esistenza ditale  obbligo,  benche'  ricollegabile  alla  mancata consegna della nota il-lustrativa,  poteva  essere superato dalla medesima usando ordinaria diligen-za).                                                                        

SEZ. 1       SENT.  15830  DEL 14/12/2001                         RV.  551150

     PRES. Rocchi A                   REL. Nappi A                COD.PAR.722

     PM. Apice U  (Conf.)                                                   

     RIC. ALAYEVSHA                                                          

     RES. PREF. MASSA CARRARA                                               

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Decreto di espulsione - Opposizione - Stato di

       tossicodipendenza  dello  straniero  privo del permesso di soggiorno -

       Equiparabilita'  allo stato di malattia od infortunio ex art. 35 comma

       3 D.Lgs. 286/1998 - Esclusione.                                      

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                             

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 35  COMMA 3                                  

    In  tema  di  provvedimenti di espulsione emessi dal Prefetto per mancatarichiesta  del  permesso di soggiorno, l'eventuale stato di tossicodipendenzadello  straniero  entrato (come nella specie) clandestinamente nel territorionazionale  ed ivi trattenutosi senza lavoro non puo' essere equiparato ad unamalattia  o  ad un infortunio, vicende per le quali l'art. 35 comma terzo delD.Lgs.  286/1998  assicura  anche al soggetto privo del permesso di soggiornoil diritto a cure ambulatoriali od ospedaliere urgenti o comunque essenziali.

VEDI     200007867 537439                                                   

SEZ. 1       SENT.  15825  DEL 14/12/2001                         RV.  551143

     PRES. Rocchi A                   REL. Spagna Musso B         COD.PAR.722

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. VEJESELI                                                           

     RES. MIN. INTERNO                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Espulsione amministrativa dello straniero ex

       D.Lgs.  286/1998  -  Impugnazione del decreto prefettizio - Rigetto da

       parte  del  tribunale  - Deposito del provvedimento - Termine di dieci

       giorni  dal deposito del ricorso ex art. 13 comma nono D.Lgs. citato -

       Natura  perentoria  - Esclusione - Natura ordinatoria - Configurabili-

       ta' - Conseguenze.                                                   

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 9               COST.              

    In tema di espulsione amministrativa dello straniero, il termine di diecigiorni  previsto  dall'art.  13  comma nono del D.Lgs. 286/98 per il depositodel  provvedimento giurisdizionale pronunciato sul ricorso avverso il decretoprefettizio  di espulsione ha natura meramente ordinatoria, e non perentoria,cosi'  che  la sua eventuale inosservanza non spiega effetto alcuno sulla va-lidita' della pronuncia tardivamente emessa.                                

SEZ. 1       SENT.  15414  DEL 05/12/2001                         RV.  550904

     PRES. Corda M                    REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Golia A  (Conf.)                                                   

     RIC. Pref. Rieti ed altro                                              

     RES. Halasova                                                           

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Espulsione dello straniero

       -  Opposizione  avverso  il  decreto  prefettizio - Automatico effetto

       sospensivo  dell'esecuzione  coattiva  - Esclusione - Potere cautelare

       del  giudice  -  Sussistenza  solo  in casi particolari ed eccezionali

       (Corte cost., sent. n. 161 del 2000).                                 

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    L'opposizione  al decreto prefettizio di espulsione ai sensi dell'art. 13del  D.Lgs. n. 286 del 1998 non ha automatico effetto sospensivo; ne consegueche,  decorso  il  termine  previsto  per  la decisione da parte del giudice,l'espulsione  e'  eseguita coattivamente dal questore, a meno che ricorrano icasi,  particolari  ed eccezionali, che legittimano il giudice ad adottare unprovvedimento  cautelare di sospensione (Corte cost., sent. n. 161 del 2000).

VEDI     200112795 549765                                                   

SEZ. 1       SENT.  15414  DEL 05/12/2001                         RV.  550903

     PRES. Corda M                    REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Golia A  (Conf.)                                                   

     RIC. Pref. Rieti ed altro                                              

     RES. Halasova                                                          

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Espulsione amministrativa dello straniero per

       mancato  rilascio o mancato rinnovo del permesso di soggiorno - Carat-

       tere  vincolato - Motivi di impugnazione attinenti al mancato rilascio

       o  al mancato rinnovo di detto permesso - Cognizione riservata al giu-

       dice amministrativo.                                                  

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

    Il decreto di espulsione dello straniero che non sia in possesso del per-messo  di  soggiorno  o  non ne abbia chiesto il rinnovo e' atto vincolato aisensi  dell'art. 13, secondo comma, del D.Lgs. n. 286 del 1998, mentre le va-lutazioni  relative  all'ordine  pubblico,  alla  integrazione sociale e allepossibilita'  di  lavoro dello straniero attengono al procedimento di conces-sione  o di rinnovo del permesso, il cui controllo e' demandato esclusivamen-te  al giudice amministrativo, dinanzi al quale sia stato impugnato il dinie-go;  ne consegue che l'opposizione al decreto di espulsione davanti al giudi-ce  ordinario  non puo' fondarsi su motivi attinenti al mancato rilascio o almancato rinnovo del permesso di soggiorno.                                   

VEDI     200008381 537824                                                   

VEDI     200013891 543302                                                   

SEZ. 1       SENT.  15413  DEL 05/12/2001                         RV.  550901

     PRES. Carbone V                  REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Abbritti P  (Diff.)                                                

     RIC. KHAN SHAHID ALI                                                   

     RES. MIN.INTERNO                                                        

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Decreto prefettizio di espulsione - Ricorso -

       Procedimento  - Audizione dell'interessato - Necessita' - Formalita' -

       Notificazione  all'interessato del ricorso e del decreto di fissazione

       dell'udienza  camerale  a  cura della cancelleria - Necessita' - Omis-

       sione - Conseguenze.                                                 

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                        COST.              

    Nel  procedimento conseguente al ricorso avverso il decreto di espulsionedello  straniero, il giudice deve in ogni caso sentire l'interessato, si' chesi  rende  necessario,  all'uopo, da un canto, la notifica, a cura della can-celleria,  del ricorso e del decreto di fissazione dell'udienza all'autorita'amministrativa  emittente il detto provvedimento, dall'altro, la comunicazio-ne  al difensore del ricorrente della data dell'audizione, potendo il ricorsoavverso  il  decreto di espulsione essere sottoscritto personalmente dall'in-teressato,  ma  dovendo  quest'ultimo  essere  necessariamente assistito, nelprocedimento  camerale,  da  un  difensore di fiducia o d'ufficio, ex art. 13D.Lgs.  286/1998 (nell'affermare il principio di diritto che precede, la S.C.ha  cosi'  cassato  la  decisione  del giudice di merito che aveva dichiaratol'inefficacia  e  l'estinzione del ricorso per mancata presentazione dell'in-teressato  senza  curare  che,  della  data  fissata,  fosse  dato  avviso  aquest'ultimo).                                                              

VEDI     200014902 541826                                                   

SEZ. 1       SENT.  15408  DEL 05/12/2001                         RV.  550898

     PRES. Corda M                    REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Golia A  (Conf.)                                                   

     RIC. Pref. Arezzo ed altro                                              

     RES. Turcu                                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Espulsione dello straniero

       per  mancata richiesta nei termini del permesso di soggiorno - Elemen-

       to  soggettivo - Colpa - Ignoranza inevitabile del precetto - Mera al-

       legazione  - Rilevanza - Esclusione - Prova dell'errore scusabile - O-

       nere a carico dell'interessato - Sussistenza.                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

COD.CIV. ART. 2697                                                           

COD.PEN ART. 5                                          *COST.              

L. DEL 24/11/1981 NUM. 689 ART. 3                       *COST.              

    In  tema di espulsione dello straniero, e' onere dell'interessato che de-duca  la mancanza di colpa nell'inosservanza del termine per la richiesta delpermesso  di  soggiorno  dare  la  prova della allegata ignoranza inevitabiledella  norma precettiva che impone allo straniero di richiedere detto permes-so  al  questore  entro  otto  giorni dal suo ingresso in Italia, non essendosufficiente la mera deduzione della non conoscenza della legge italiana.    

SEZ. 1       SENT.  15203  DEL 29/11/2001                         RV.  550751

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                  

     RIC. Glsadys                                                           

     RES. Min. Interno                                                       

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA   -  STRANIERI  -  Art.  14  T.U.  immigrazione  -  Esecuzione

       dell'espulsione  - Trattenimento presso il centro di permanenza tempo-

       ranea  e assistenza disposto dal questore - Termine massimo di effica-

       cia,  una  volta  convalidato dal giudice - Potere di reiterazione del

       provvedimento  di trattenimento - Esclusione - Fondamento - Conseguen-

       ze  della scadenza del termine - Accompagnamento o respingimento imme-

       diati - Limiti.                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

COSTITUZIONE ART. 13                                                         

    In  tema  di esecuzione dell'espulsione nei confronti dello straniero, iltrattenimento  disposto  dal questore ai sensi dell'art. 14 del D.Lgs. n. 286del  1998  -  comportando,  una  volta convalidato dal giudice, la permanenzadello  straniero nel centro di assistenza per un periodo complessivo di ventigiorni,  prorogabile di ulteriori dieci giorni qualora sia imminente l'elimi-nazione  dell'impedimento all'espulsione o al respingimento - e' provvedimen-to  incidente  sulla  liberta' personale, non suscettibile di reiterazione daparte  dell'autorita'  amministrazione  una  volta scaduto il termine massimoprevisto  dal  legislatore;  ne consegue che, decorso detto termine, l'accom-pagnamento  od  il respingimento dello straniero (verso lo Stato appartenenzaovvero,  quando  non  sia  possibile,  verso lo Stato di provenienza) debbonotrovare  immediata  esecuzione, salva in ogni caso la tutela di eventuali di-ritti fondamentali confligenti.                                             

SEZ. U       SENT.  15141  DEL 28/11/2001                         RV.  550716

     PRES. Carnevale C                REL. Salme' G               COD.PAR.242

     PM. Maccarone V  (Conf.)                                               

     RIC. Min. Interno                                                       

     RES. Citozi                                                            

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  -  IN  GENERE  - Espulsione ammi-

       nistrativa  dello  straniero - Decreto prefettizio di espulsione - Op-

       posizione  -  Procedimento  - Legittimazione processuale esclusiva del

       Prefetto a contraddire - Anche nel giudizio di cassazione.            

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                        

L. DEL 24/11/1981 NUM. 689 ART. 23                      *COST.              

R. D. DEL 30/10/1933 NUM. 1611 ART. 11                  *COST.              

    E'  inammissibile,  perche'  proposto  da organo statuale non legittimato"ex"  art.  13-bis  D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286 (T.U. immigrazione), intro-dotto  dall'art.  4  D.Lgs. 13 aprile 1999, n. 113, il ricorso per cassazionedel  Ministero  dell'interno  avverso  la  pronuncia giurisdizionale resa nelprocedimento  di opposizione al decreto di espulsione a carico dello stranie-ro,  adottato  dal  Prefetto, in quanto a quest'ultimo e' conferita - in ade-sione  al  modello  procedimentale  di cui all'art. 23 della legge n. 689 del1981  - l'esclusiva legittimazione personale a contraddire l'opposizione del-lo  straniero; legittimazione che si riferisce anche al giudizio di cassazio-ne.                                                                          

CONF     200009084 538962                                                   

CONF     200105537 545917                                                   

VEDI SU  200000118 541417                                                    

SEZ. 1       SENT.  14157  DEL 14/11/2001                         RV.  550251

     PRES. Rocchi A                   REL. Celentano A            COD.PAR.722

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                                

     RIC. Zhou                                                              

     RES. Pref. Prov. Frosinone ed altro                                    

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Decreto di espulsione - Impugnazione - Rito ca-

       merale  -  Principio  del  contraddittorio ai fini della utilizzazione

       dei  documenti prodotti - Applicabilita' - Condizioni per l'osservanza

       -  Possibilita'  concessa  alla  parte  di approntare, in relazione ad

       essi, le sue difese - Sufficienza - Fattispecie.                     

093003  GIURISDIZIONE VOLONTARIA - PROCEDIMENTO - IN GENERE - Rito camerale -

       Nel  procedimento di impugnazione del decreto prefettizio di espulsio-

       ne  dello straniero - Principio del contraddittorio ai fini della uti-

       lizzazione  dei  documenti  prodotti - Applicabilita' - Condizioni per

       l'osservanza  - Possibilita' concessa alla parte di approntare, in re-

       lazione ad essi, le sue difese - Sufficienza - Fattispecie.          

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

COSTITUZIONE ART. 111                                                       

COD.PROC.CIV. ART. 101                                   COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Nel  procedimento  camerale  "ex"  art.  737 cod. proc. civ. - con cui sisvolge,  stante  l'espresso  richiamo alla norma del codice di rito contenutonell'art.  13  del  D.Lgs.  25  luglio 1998, n. 286, l'opposizione al decretoprefettizio  di espulsione dello straniero -, affinche' il principio del con-traddittorio  possa  dirsi  rispettato  e' necessario, ma nel contempo suffi-ciente,  che gli scritti e i documenti prodotti da una delle parti, ed acqui-siti  al  fascicolo d'ufficio, siano posti a disposizione della controparte eche,  in relazione al contenuto di essi, a quest'ultima venga offerta la pos-sibilita'  di  approntare  le  sue difese. (Nella specie il prefetto, sebbenenon  costituitosi  in  giudizio, aveva inviato una memoria con allegati docu-menti,  sui  quali il ricorrente aveva avuto la possibilita' di interloquire;nell'enunciare  il principio di cui in massima, la S.C. ha escluso che l'uti-lizzazione  di tali documenti da parte del giudice ai fini della decisione dimerito integrasse la lamentata violazione del contraddittorio).             

VEDI     199600986 495764                                                   

VEDI     199803110 513934                                                   

VEDI     199805887 516426                                                   

SEZ. 1       SENT.  14152  DEL 14/11/2001                         RV.  550249

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Russo LA  (Diff.)                                                  

     RIC. Pref. Lecco ed altro                                              

     RES. Grec                                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Permesso di soggiorno - Termine previsto dal

       T.U.  immigrazione  per la relativa richiesta - Carattere perentorio -

       Derogabilita'  per  causa  di  forza maggiore - Prova - Onere a carico

       dell'interessato  - Genericita' dell'impedimento addotto - Inidoneita'

       - Fattispecie.                                                       

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

COD.CIV. ART. 2697                                                          

    Ai sensi dell'art. 5 del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, il termine di ot-to  giorni  dall'ingresso nel territorio dello Stato, entro il quale lo stra-niero  deve  chiedere il permesso di soggiorno al questore della provincia incui  si  trovi,  ha carattere perentorio e la sua inosservanza e' sanzionata,dal  successivo  art.  13,  secondo comma, lett. b), dello stesso D.Lgs., conl'espulsione  amministrativa, a meno che il ritardo nella richiesta sia dipe-so  da  forza  maggiore, la cui sussistenza deve essere comprovata dall'inte-ressato  in  base  a  circostanze specifiche. (Nell'affermare il principio dicui  in  massima, la S.C. ha escluso che integrasse il caso di forza maggiorel'impedimento  derivante dall'assistenza prestata, da epoca imprecisata ed inforza di un contratto di lavoro, ad una persona anziana  e sola).           

VEDI     200015174 542115                                                   

SEZ. 1       SENT.  14152  DEL 14/11/2001                         RV.  550248

     PRES. De Musis R                 REL. Cappuccio G            COD.PAR.242

     PM. Russo LA  (Conf.)                                                  

     RIC. Pref. Lecco ed altro                                               

     RES. Grec                                                              

100171  IMPUGNAZIONI  CIVILI  -  CASSAZIONE (RICORSO PER) - PROVVEDIMENTI DEI

       GIUDICI  ORDINARI  (IMPUGNABILITA')  - IN GENERE - Decreto prefettizio

       di  espulsione dello straniero - Opposizione - Procedimento - Legitti-

       mazione  "ex"  art.  13  - bis T.U. immigrazione - In primo grado e in

       cassazione  -  Del Ministero dell'Interno - Esclusione - Personale del

       Prefetto - Sussistenza.                                              

COD.PROC.CIV. ART. 360                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 13/4/1999 NUM. 113 ART. 4                                         

    In  materia  di  opposizione  al  decreto prefettizio di espulsione dellostraniero,  l'art.  13  -  bis  del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286 (introdottodall'art.  4  del  D.Lgs. 13 aprile 1999, n. 113), conferisce al prefetto, inadesione  al modello procedimentale di cui all'art. 23 della legge n. 689 del1981,  esclusiva  legittimazione  personale a contraddire l'opposizione dellostraniero,  legittimazione  che si riferisce anche al giudizio di cassazione;ne  consegue  che  e'  inammissibile  il ricorso per cassazione del Ministerodell'Interno  avverso la pronuncia giurisdizionale resa in esito a detto pro-cedimento di opposizione.                                                   

CONF     200009084 538962                                                    

CONF     200105537 545917                                                   

VEDI SU  200000118 541417                                                   

SEZ. 1       SENT.  13874  DEL 09/11/2001                         RV.  550123

     PRES. Losavio G                  REL. Spagna Musso B         COD.PAR.722

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Herrera                                                           

     RES. Pref. Pescara                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Espulsione dello straniero

       -  Comunicazione  all'interessato  dell'avvio  del  procedimento ammi-

       nistrativo - Necessita' - Esclusione - Fondamento.                   

L. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                        COST.              

L. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 7                                              

    La  necessita' di dare comunicazione all'interessato dell'inizio del pro-cedimento  amministrativo, ai sensi dell'art. 7 della legge 7 agosto 1990, n.241,  non  si estende alla procedura di espulsione dello straniero, stante laspecialita'  di quest'ultima, in relazione sia ai motivi di ordine di pubbli-co  e  di sicurezza dello Stato ad essa sottesi sia ai caratteri di celerita'e  speditezza  che  ne  connotano l'"iter"; tali ragioni, ostative alla dettacomunicazione,  sono  tanto  piu'  ricorrenti  allorche'  il  procedimento diespulsione  derivi  dalla  mancata  richiesta nel termine prescritto del per-messo  di  soggiorno  da parte dello straniero, configurandosi in tal caso ildecreto  di espulsione come un provvedimento obbligatorio e vincolato da par-te del prefetto.                                                            

SEZ. 1       SENT.  13871  DEL 09/11/2001                         RV.  550121

     PRES. Losavio G                  REL. Losavio G              COD.PAR.162

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Lucic                                                             

     RES. Pref. Frosinone                                                   

138078  PROVA  CIVILE - DOCUMENTALE (PROVA) - COPIE DEGLI ATTI - DI ATTI PUB-

       BLICI  - Provvedimento prefettizio di espulsione "ex" art. 13 T.U. im-

       migrazione  - Comunicazione all'interessato - In copia conforme all'o-

       riginale  -  Legittimita' - Conseguenze - Necessita', nella copia con-

       forme, della sottoscrizione autografa del prefetto - Esclusione.     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - Provvedimento prefettizio di espulsione - Comu-

       nicazione  all'interessato  - In copia conforme all'originale - Legit-

       timita'  -  Conseguenze - Necessita', nella copia conforme, della sot-

       toscrizione autografa del prefetto - Esclusione.                     

L. DEL 4/1/1968 NUM. 15 ART. 14                                             

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Il provvedimento prefettizio di espulsione dello straniero ben puo' esse-re  comunicato  all'interessato  in copia conforme formata dal pubblico uffi-ciale  autorizzato,  atteso  che  l'autenticazione a norma dell'art. 14 dellalegge  4 gennaio 1968, n. 15 offre la certezza, fino a querela di falso, del-la  esistenza  del  provvedimento  originale  conforme  e dell'autografa sot-toscrizione  dell'organo  competente.  (Nella  specie il ricorrente censuravache  la  copia  conforme del provvedimento di espulsione a lui comunicata nonrisultasse,  anch'essa, sottoscritta dal prefetto, ma da un funzionario dele-gato;  la  S.C.,  enunciando  il  principio di cui in massima, ha respinto lacensura).                                                                   

SEZ. 1       SENT.  13869  DEL 09/11/2001                         RV.  550119

     PRES. Rocchi A                   REL. Fioretti FM            COD.PAR.263

     PM. Ceniccola R  (Conf.)                                               

     RIC. Chabchoubi Sami Ben Jilani                                        

     RES. Pref. Lecco                                                        

132001  PROCEDIMENTI  SPECIALI  - IN GENERE - Procedimento d'impugnazione del

       provvedimento  di  espulsione  dello  straniero - Termine a difesa per

       integrazione istanze istruttorie - Ammissibilita' - Esclusione.      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 737                                   COST.              

    Nel  procedimento conseguente all'impugnazione del provvedimento d'espul-sione  dello  straniero  (disciplinato  dagli artt. 13 e 13 bis del D.Lgs. n.286  del 1998, con riferimento agli artt. 737 e segg. cod. proc. civ.) non e'prevista  la  concessione di un "termine a difesa" per consentire all'espulsodi integrare le istanze istruttorie.                                        

SEZ. 1       SENT.  13865  DEL 09/11/2001                         RV.  550118

     PRES. Losavio G                  REL. Spagna Musso B         COD.PAR.722

     PM. Schiro' S  (Conf.)                                                 

     RIC. Sene                                                              

     RES. Pref. Catania                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. immigrazione - Convalida del provvedimento

       del  questore  "ex" art. 14 T.U. - Audizione dell'interessato - Obbli-

       gatorieta',  anche in ipotesi di declaratoria di incompetenza da parte

       del  giudice  - Violazione - Nullita' insanabile - Rilevabilita' d'uf-

       ficio - Sussistenza.                                                 

COSTITUZIONE ART. 24                                                         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

COD.PROC.CIV. ART. 156                                                      

COD.PROC.CIV. ART. 157                                                       

    In  tema  di espulsione dello straniero, la convalida, ai sensi dell'art.14  del  D.Lgs.  25  luglio  1998,  n.  286,  del provvedimento del questore,richiede,  ancorche'  il  procedimento sia caratterizzato da motivi di spedi-tezza  e celerita', la previa audizione dell'interessato, costituendo questa,non  una  mera facolta', ma un obbligo del giudice che attiene al rispetto diun  valore  costituzionale,  l'inviolabilita' del diritto alla difesa in ognitipo  di giudizio, a nulla rilevando che, in esito al detto procedimento giu-risdizionale,  il giudice abbia emesso una pronuncia di incompetenza. La vio-lazione  di  tale  obbligo comporta una nullita' insanabile, rilevabile anched'ufficio.                                                                   

SEZ. 1       SENT.  13864  DEL 09/11/2001                         RV.  550237

     PRES. Rocchi A                   REL. Fioretti FM            COD.PAR.722

     PM. Apice U  (Conf.)                                                   

     RIC. Selami                                                            

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. immigrazione - Visto di ingresso rilascia-

       to  sulla  base  di  documenti  falsi - Conseguenze - Espulsione ammi-

       nistrativa.                                                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 4                                         

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Lo straniero che entri in Italia con un visto di ingresso rilasciato sul-la  base  di  documentazione  falsa devesi considerare entrato nel territoriodello  Stato sottraendosi ai controlli di frontiera, e quindi puo' essere le-gittimamente  espulso  dal  Prefetto, atteso che il termine "sottrarsi" - im-piegato  nell'art. 13, secondo comma, lett. a), del D.Lgs. 25 luglio 1998, n.286  -  significa,  non soltanto sfuggire, ma anche vanificare l'efficacia dicontrolli  aventi  la finalita' di impedire in ogni caso ingressi irregolari.

SEZ. 1       SENT.  13817  DEL 08/11/2001                         RV.  550083

     PRES. Cappuccio G                REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Guri                                                               

     RES. Min. Interno                                                      

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  - STRANIERI - T.U. sull'immigrazione - Espulsione amministra-

       tiva  dello  straniero - Decreto - Comunicazione all'interessato - Ob-

       bligo  di traduzione nella lingua del paese di origine dello straniero

       o  in altra lingua dallo stesso conosciuta e, solo in caso di impossi-

       bilita',  in lingua francese, inglese o spagnola - Inosservanza - Con-

       seguenze  - Illegittimita' del decreto di espulsione - Sanatoria della

       nullita'  per  proposizione  di  tempestivo  ricorso giurisdizionale -

       Esclusione.                                                           

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    In tema di espulsione amministrativa dello straniero, la "ratio" dell'ar-t.  13,  comma  settimo,  del D.Lgs. n. 286 del 1998, il quale dispone che ilrelativo  decreto,  come  ogni  altro  concernente l'ingresso, il soggiorno el'espulsione,  vanno  comunicati all'interessato unitamente alle modalita' diimpugnazione  e ad una traduzione in una lingua a lui conosciuta, ovvero, ovenon  sia possibile, in lingua francese, inglese o spagnola, e' quella di con-sentire  allo  straniero la comprensione della misura e l'apprestamento delladifesa.  Ne  consegue che la traduzione si configura come condizione di vali-dita'  del provvedimento, e che la emissione del provvedimento stesso in lin-gua  italiana  accompagnato  dalla traduzione in lingua inglese presuppone, apena  di nullita' del decreto, l'acquisizione della prova della conoscenza daparte  dello straniero di tali lingue, ovvero la giustificazione della impos-sibilita'  della  traduzione  in una lingua a lui conosciuta, senza che possaconfigurarsi  la  sanatoria della nullita' in caso si proposizione del ricor-so  avverso il provvedimento di cui si tratta. (Nella specie, la S.C. ha cas-sato  la  decisione  del giudice di merito che aveva rigettato la opposizioneal  decreto di espulsione di un albanese, emesso in lingua italiana ed accom-pagnato  da  una  sintesi del contenuto dello stesso in lingua inglese, senzache  esistesse  agli atti la prova della conoscenza da parte dell'interessatodella lingua italiana ne' di quella inglese).                               

VEDI     200009078 538956                                                   

VEDI     200013888 543297                                                    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  12803  DEL 19/10/2001                         RV.  549773

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Cruz                                                              

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - T.U. immigrazione - Fase procedimentale prece-

       dente  l'espulsione  dello straniero - Presenza di un interprete - Ne-

       cessita' - Esclusione.                                                

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

    Nel  procedimento  amministrativo  che precede l'emissione del decreto diespulsione  dello straniero da parte del prefetto non e' prevista la necessi-ta' della presenza di un interprete.                                        

SEZ. 1       SENT.  12803  DEL 19/10/2001                         RV.  549772

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Cruz                                                              

     RES. Min. Interno ed altro                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - T.U. immigrazione - Espulsione amministrativa

       dello  straniero - Comunicazione all'interessato dell'avvio del proce-

       dimento amministrativo - Necessita' - Esclusione - Fondamento.        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13                    COST.              

L. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 7                                             

    Nel  procedimento  prefettizio di espulsione dello straniero trattenutosiin  Italia senza aver chiesto il permesso di soggiorno e' ravvisabile la pre-senza  delle  particolari esigenze di celerita' contemplate, in via generale,dall'art.  7  della  legge  7 agosto 1990, n. 241 come ragione di impedimentoalla comunicazione all'interessato dell'avvio del procedimento medesimo.    

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  12795  DEL 19/10/2001                         RV.  549765

     PRES. Grieco A                   REL. Cappuccio G            COD.PAR.722

     PM. Cafiero D  (Conf.)                                                 

     RIC. Ademaj                                                            

     RES. Pref. Catania                                                     

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Procedimento d'espulsione ex D.Lgs n. 286 del

       1998 - Avviso di avvio - Necessita' - Esclusione.                    

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13 BIS                COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 14                    COST.              

D. LG. DEL 7/8/1990 NUM. 241 ART. 3                      COST.              

    Nel  procedimento  d'espulsione, disciplinato dal D.Lgs. n. 286 del 1998,sono  insite  le  esigenze  di celerita', dimostrate sia dai tempi brevissimiprevisti  per  la  fase  giudiziaria (art. 13 bis), sia dall'esclusione dellasospensione  cautelare  dell'espulsione  (Corte  cost.  n. 161 del 2000), siadall'esecuzione  normalmente immediata dell'espulsione (art. 14). Ne consegueche il procedimento amministrativo avviato in mancanza di avviso non viola ladisposizione  dell'art.  7  del D.Lgs. n. 241 del 1990, la quale prevede taleavviso  "ove  non  sussistano ragioni d'impedimento, derivanti da particolariesigenze di celerita' del procedimento".                                    

SEZ. 1       SENT.  12585  DEL 16/10/2001                         RV.  549644

     PRES. Grieco A                   REL. Panebianco UR          COD.PAR.722

     PM. Martone A  (Conf.)                                                 

     RIC. Duman                                                             

     RES. Min. Interno ed altro                                              

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  -  Regolamento CE n. 574/1999 del 12 marzo 1999

       del  Consiglio sull'attraversamento delle frontiere esterne degli Sta-

       ti  membri  - Portata - Collegamento con il visto rilasciato, in forza

       di  specifici  accordi,  da  uno Stato appartenente all'Unione europea

       (artt. 4 e 5 D.Lgs. n. 286 del 1998) - Esclusione.                   

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 4                                               

L. DEL 6/3/1998 NUM. 40 ART. 5                                              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 4                                        

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 5                                         

REG. CONSIGLIO CEE DEL 12/3/1999 NUM. 574                                   

    Il  visto  che da' titolo al rilascio del permesso di soggiorno in favoredello  straniero e' quello rilasciato, sulla base di specifici accordi, da u-no  Stato  membro  appartenente all'Unione europea ai sensi degli artt. 4 e 5della  legge  6  marzo 1998, n. 40 (ora trasfusi negli artt. 4 e 5 del D.Lgs.25  luglio 1998, n. 286); ne consegue che non abilita al rilascio del permes-so  di soggiorno il visto rilasciato da uno Stato membro, in favore di citta-dini  di paesi terzi, per un soggiorno non superiore a tre mesi o per il sem-plice  transito  ai  sensi  del  regolamento CE n. 574/1999 del 12 marzo 1999del  Consiglio,  e  che consente esclusivamente l'attraversamento delle fron-tiere esterne degli Stati membri.                                           

                                                    VEDI:RIFMC              

SEZ. 1       SENT.  12581  DEL 16/10/2001                         RV.  549640

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.722

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Min. Interno ed altra                                             

     RES. Nabbah                                                             

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Art. 13 T.U. immigrazione - Decreto di espul-

       sione  - Obbligo di traduzione nella lingua del paese di origine dello

       straniero  o  in altra lingua da lui conosciuta e, solo in caso di im-

       possibilita',  in lingua francese, inglese o spagnola - Inosservanza -

       Conseguenze  -  Illegittimita'  del  decreto di espulsione - Sanatoria

       della  nullita' per proposizione di tempestivo ricorso giurisdizionale

       - Esclusione - Fattispecie.                                          

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

COSTITUZIONE ART. 24                                                        

COD.PROC.CIV. ART. 156  COMMA 3                                             

    L'art.  13,  settimo  comma, del testo unico sull'immigrazione (approvatocon  D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286) prevede, al fine di consentire allo stra-niero  la  comprensione della misura e l'apprestamento del diritto di difesa,l'obbligo  per  l'autorita'  amministrativa  di comunicare all'interessato ildecreto  di  espulsione unitamente ad una traduzione in una lingua da lui co-nosciuta  e,  solo  ove cio' non sia possibile, in lingua francese, inglese ospagnola; ne deriva che e' affetto da nullita' il provvedimento di espulsioneprivo  di traduzione nella lingua conosciuta dallo straniero ancorche' accom-pagnato  dalla  traduzione in lingua francese, inglese o spagnola ma senza lapreventiva  giustificazione dell'impossibilita' di rendere compiutamente notoil  provvedimento al suo destinatario nella lingua da lui conosciuta. Ne' ta-le  nullita'  e'  sanata dalla proposizione da parte dell'interessato di tem-pestivo  ricorso  avverso  il decreto di espulsione. (Nella specie il decretoprefettizio  era  stato tradotto in lingua inglese, e non nella lingua araba,l'unica nota allo straniero).                                                

VEDI     200009078 538956                                                   

SEZ. 1       SENT.  12350  DEL 09/10/2001                         RV.  549565

     PRES. Cappuccio G                REL. Vitrone U              COD.PAR.242

     PM. Pivetti M  (Conf.)                                                 

     RIC. Min. Interno ed altra                                             

     RES. Racu                                                              

100143  IMPUGNAZIONI CIVILI - CASSAZIONE (RICORSO PER) - MOTIVI DEL RICORSO -

       QUESTIONI  NUOVE  - Espulsione dello straniero - Conoscenza della lin-

       gua  italiana  ai  fini  dell'insussistenza dell'obbligo di traduzione

       del  relativo  decreto - Rilevabilita' d'ufficio - Esclusione - Natura

       di  eccezione in senso proprio - Sussistenza - Conseguenze - Deducibi-

       lita' per la prima volta in cassazione - Esclusione.                 

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI  - Espulsione dello straniero - Conoscenza della

       lingua  italiana ai fini dell'insussistenza dell'obbligo di traduzione

       del  relativo  decreto - Rilevabilita' d'ufficio - Esclusione - Natura

       di  eccezione in senso proprio - Sussistenza - Conseguenze - Deducibi-

       lita' per la prima volta in cassazione - Esclusione.                 

COD.PROC.CIV. ART. 360                                                      

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 13  COMMA 7           COST.              

    La conoscenza da parte dello straniero raggiunto da decreto di espulsionedella  lingua italiana - rilevante ai fini di ritenere non operante l'obbligoper  l'autorita'  amministrativa  di accompagnare tale decreto con una tradu-zione  in una lingua conosciuta dallo straniero (o, ove cio' non sia possibi-le,  in  francese, inglese o spagnolo) - non integra una questione rilevabiled'ufficio,  ma  ha natura di eccezione in senso proprio; e' pertanto inammis-sibile  la  deduzione  di tale circostanza per la prima volta nel giudizio dicassazione, trattandosi di questione nuova.                                 

SEZ. 1       SENT.  11624  DEL 17/09/2001                         RV.  549252

     PRES. Carnevale C                REL. Proto V                COD.PAR.722

     PM. Apice U  (Conf.)                                                   

     RIC. Zhupa Hajdine ed altro                                            

     RES. Procuratore generale Corte appello Ancona ed altro                

116029  ORDINE  E  SICUREZZA PUBBLICA - POLIZIA DI SICUREZZA - LIMITAZIONI DI

       POLIZIA  -  STRANIERI - Minore straniero nel territorio italiano - Au-

       torizzazione  del Tribunale per i minorenni all'ingresso o alla perma-

       nenza  del familiare "ex" art. 31 D.Lgs. n. 286 del 1998 - Correlazio-

       ne  alla  sussistenza di situazioni eccezionali - Necessita' - Diritto

       del  minore  ad  essere  educato  nell'ambito della propria famiglia -

       Salvezza.                                                            

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 19                   *COST.              

D. LG. DEL 25/7/1998 NUM. 286 ART. 31                                       

    In  materia  di condizione giuridica del minore straniero che trovasi nelterritorio  italiano, l'autorizzazione all'ingresso o alla permanenza del fa-miliare  per  un  periodo di tempo determinato, potendo essere rilasciata dalTribunale  per  i  minorenni - ai sensi dell'art. 31, comma terzo, del D.Lgs.n.  286  del 1998 - solo per gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisi-co  e tenuto conto dell'eta' e delle condizioni di salute del minore, e' cor-relata  esclusivamente  alla  sussistenza di situazioni eccezionali, le qualinon  possono  assumere carattere di normalita' e stabilita'. Ne' siffatta in-terpretazione  contrasta con il diritto del minore ad essere educato nell'am-bito  della  propria  famiglia, atteso che - ai sensi dell'art. 19, comma se-condo,  lett. a) del citato D.Lgs. - il minore ha diritto di seguire il geni-tore espulso nel luogo di destinazione.                                     

VEDI     200009327 541076                                                   

SEZ. L       SENT.  09407  DEL 11/07/2001                         RV.  548090

     PRES. Trezza V                   REL. Toffoli S              COD.PAR.154

     PM. Napoletano G  (Conf.)                                              

     RIC. Tomas Srl                                                         

     RES. Koziol                                                            

103380  LAVORO  - LAVORO SUBORDINATO - SOSPENSIONE DEL RAPPORTO - IN GENERE -

       Lavoratori  stranieri (extracomunitari) - Scadenza del permesso di la-

       voro  o  di  soggiorno - Divieto per il datore di lavoro di "occupare"

       il  lavoratore - Conseguenze - Impossibilita' della prestazione di la-

       voro  - Sospensione di ogni effetto giuridico ed economico del rappor-

       to  -  Configurabilita'  -  Risoluzione  di  diritto - Insussistenza -

       Disciplina  in ordine al giustificato motivo di licenziamento - Appli-

       cabilita'.                                                           

L. DEL 30/12/1986 NUM. 943              &nbs