U.S.M.I.

UNIONE SUPERIORE MAGGIORI D’ITALIA

Via Zanardelli, 32 - 00186 Roma

Tel. 06/68400555 - Fax 06/68801935

migrantes.usmi-n@pcn.net

Relazione di Attivitą e Interventi USMI

nel Settore “Tratta” Marzo - Luglio 2005

In questi ultimi mesi, oltre alle normali attivitą relative al settore “Tratta” gli interventi che hanno richiesto piĚ attenzione e coinvolgimento sono stati i quattro corsi di valutazione e approfondimento per religiose che lo scorso anno avevano partecipato ad uno dei corsi di formazione base per il contrasto al “Traffico di esseri Umani, specie donne e minori”. Tali corsi si sono svolti a Roma, Tirana, Lagos e Bucharest con la partecipazione di 79 religiose.

In questo periodo Ź stato pure preparato e pubblicato - in Italiano ed in Inglese - dall’OIM, in collaborazione con l’UISG e USMI, il manuale usato per tali corsi di formazione: “Conoscere e contrastare la tratta di persone – Atti della formazione per personale religioso femminile”. Il libro Ź stato consegnato a ciascuna delle partecipanti e potrą servire come manuale base per ulteriori corsi di formazione per coloro che operano in questo settore.

I quattro corsi si sono svolti nei seguenti luoghi e date:

Į    18–21 Aprile 2005: Roma – sede UISG – con 10 partecipanti. Molte delle partecipanti dello scorso anno provenivano da altri paesi perciė sono ripartite e non Ź stato loro possibile ritornare per il corso di valutazione.

Į    21–25 Maggio: Tirana - Albania con 24 partecipanti. Molte religiose non avevano partecipato alla prima fase dello scorso anno, ma hanno usufruito di questa seconda opportunitą;

Į    13– 7 Giugno: Lagos – Nigeria con 25 partecipanti, tutte Suore Nigeriane;

Į    3–7 Luglio: Bucharest – Romania con 20 partecipanti, tra cui diverse suore Italiane.

Questo ultimo corso Ź stato seguito da una giornata di dialogo e confronto - nella sede dell’UNICEF di Bucharest- con vari esponenti religiosi: Ortodossi, Cattolici, Protestanti, Musulmani, Ebrei ed altre organizzazioni interessate. Si Ź cercato di fare il punto della situazione in Romania, sensibilizzando i vari gruppi per una maggior presa di coscienza del fenomeno e trovare intese per un lavoro di rete con tutte le forze gią coinvolte. La Conferenza delle religiose in Romania era rappresentata da tre Suore che avevano preso parte al precedente corso di valutazione. Come responsabile del settore “Tratta” USMI, mi fu chiesto di presentare l’impegno delle religiose per fronteggiare la situazione del fenomeno in Italia e la necessitą di contatti con i paesi di origine. L’Esperienza, molto interessante e positiva, dovrebbe ripetersi anche negli altri paesi quali l’Albania e la Nigeria come parte integrante del progetto di formazione del personale religioso.

La partecipazione e la valutazione in tutti i quattro corsi in generale Ź stata positiva e costruttiva anche se non sono mancate difficoltą e paure nel condividere tentativi di progetti nei paesi di origine, dovute a mancanza di strutture adeguate e di disponibilitą di personale. Si sente la necessitą di avere una religiosa in ogni paese ufficialmente designata dalla Conferenza delle Religiose come coordinatrice e punto di riferimento e coesione sia con le realtą locali interne che come collegamento con l’esterno.

Le continue espulsioni di massa di questi ultimi mesi - secondo la legge Bossi-Fini - di giovani straniere presenti sul nostro territorio e prive di documenti, costituiscono una grossa sfida ed un’emergenza anche per le religiose che operano nei paesi di origine. Le comunitą religiose di questi paesi non sono ancora pronte a far fronte all’accoglienza e alla reintegrazione di queste giovani che ritornano a casa disperate, senza aiuti e progetti per un nuovo futuro. Ogni mese purtroppo, partono dall’Italia aerei charter carichi di sofferenza umana verso la Nigeria, la Romania, la Moldavia ed altre destinazioni. Per il momento, nessuna organizzazione si Ź fatta carico di accogliere e reintegrare tali vittime, molte delle quali finiscono ancora nelle mani dei trafficanti che le riportano nuovamente in Europa per continuare a produrre soldi e soddisfare la costante richiesta di sesso, a pagamento. C’Ź una grande esigenza per la Chiesa, le Caritas e soprattutto per le Congregazioni femminili e maschili di mettere in atto “la fantasia della caritą”, per essere fedeli al proprio mandato e ai propri carismi.

Le visite settimanali ad uno dei 12 Centri di Permanenza Temporale - esistenti sul territorio Italiano -, quello di Ponte Galeria, in Roma, composto da 11 religiose di 9 diverse congregazioni e 8 nazionalitą per l’assistenza religiosa e sostegno psicologico e umano a diversi gruppi linguistici presenti al Centro, costituiscono un valido osservatorio per monitorare il fenomeno di tante giovani rimpatriate e nuovamente risucchiate e schiavizzate, perchŹ prive di opportunitą e rifiutate ed emarginate dalle stesse famiglie e dalla loro societą.

Il Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti e Itineranti ha organizzato il primo incontro internazionale per una Pastorale di liberazione per le donne che vivono l’esperienza dello sfruttamento sulla strada. Il convegno si Ź svolto il 20 – 21 Giugno nel Palazzo Apostolico di S. Calisto con la partecipazione di 60 persone provenienti da 24 paesi e rappresentanti 19 Conferenze Episcopali. Questo evento ha offerto l’opportunitą di far emergere il problema che Ź di portata mondiale e di stimolare tutte le forze religiose e laiche a prenderne atto per salvaguardare la dignitą e sacralitą di ogni persona. La Chiesa Ź ancora una grande forza ed ha tutte le opportunitą per denunciare e debellare questa piaga sociale che sta distruggendo la vita e la dignitą di tante donne e soprattutto di minori. Non sono mancati in questo convegno gli interventi che hanno focalizzato l’attenzione non solo sulle donne vittime di sfruttamento, bensď sui molti consumatori che con la loro costante richiesta, sostengono ed incoraggiano il traffico di tante giovani straniere, abusando della loro situazione di povertą. Gli stessi “clienti” sono vittime di un sistema in cui tutto si puė comperare, distruggendo cosď la stessa vita sociale, relazionale e soprattutto familiare.

Al termine della Conferenza i partecipanti hanno redatto un documento con appelli e proposte indirizzati alle Conferenze Episcopali, alle comunitą Cristiane, alle Congregazioni religiose femminili e maschili e alla societą in generale. Il testo ufficiale del Documento Finale Ź stato emanato e consegnato a tutte le agenzie di stampa, lunedď 11 luglio 2005 e lo si puė trovare nelle varie lingue su www.zenit.org

L’USMI con l’Ufficio Settore “Tratta” ha pure preso parte ai seguenti incontri ed Ź stata coinvolta nelle diverse attivitą che sono ora menzionate cronologicamente:

Į    Roma, 8 Marzo 2005: Festa della “Donna”, incontro al Quirinale con il Presidente della Repubblica Italiana, Signor Carlo Azeglio Ciampi. Scopo dell’incontro il conferimento di onorificenze ad un gruppo di 25 donne che si sono distinte per un particolare servizio alla nazione. Il Presidente ha voluto includere anche una rappresentanza nostra come riconoscimento del servizio che le religiose svolgono a favore della donna immigrata e sfruttata. Ringraziamo di cuore il nostro Presidente per questa attenzione. Alla funzione era pure presente Madre Vittoria Tomarelli come rappresentanza del Consiglio di presidenza USMI.

Į    Roma, 10 Marzo: due incontri con 30 religiose della Congregazione del Divin Salvatore, tra cui molte Provinciali, a Roma, per un seminario di formazione su problematiche inerenti al settore di Giustizia e Pace. I temi trattati sono stati: Trafficking in Human Beings: The Modern Slavery - Women and Children for sale e ancora “Trafficking in Human Beings Challenges Religious Congregations: The response of the Italian Women Religious”;

Į    Roma, 18 Marzo: incontro di informazione e formazione con un gruppo di 150 giovani provenienti dalle Scuole superiori dei Fratelli delle Scuole Cristiane;

Į    Roma, 30 Marzo – 1 Aprile: Partecipazione all’Assemblea annuale USMI;

Į    Pescara, 10 Aprile: Assemblea USMI Abruzzo e Molise con la presenza di 300 Suore. Tema dell’intervento: La “Tratta delle donne e delle minori” sfida la vita religiosa. Quali emergenze? Quali risposte?;

Į    Bellaria, 11–14 Aprile: Partecipazione al Convegno Europeo per Operatori Pastorali organizzato da “ Migrantes”. Molte le religiose presenti coinvolte nella pastorale con gli emigranti e gli immigrati. Il Settore “Tratta” dell’USMI era presente con una mostra fotografica voluta dagli organizzatori e con materiale formativo ed informativo;

Į    Nepi, 25 Aprile: giornata di condivisione sul problema della donna emarginata e sfruttata con un gruppo di Missionarie della Consolata nell’ambito di un corso di formazione in preparazione ai voti perpetui;

Į    Frascati, 4 Maggio: Corso di formazione per operatori della “Tratta” organizzato dalla Caritas locale. Tema dell’intervento: “La donna Africana tra passato e presente” – Aspetti socio-culturali e religiosi della donna Nigeria;

Į    Roma, 16–17 Maggio: due giornate di studio e programmazione 2005-2006 per il Coordinamento Caritas, settore “Tratta”;

Į    Tirana – Albania 21–25 Maggio: corso di formazione per religiose gią detto;

Į    Bari, 26–28 Maggio: Assemblea plenaria USMI e Congresso Eucaristico;

Į    Reggio Calabria, 30–31 Maggio: Convegno organizzato dalla Caritas in collaborazione con la Regione Calabria. Intervento: “Il Lavoro di Prevenzione e di Reintegrazione delle Vittime della “Tratta”;

Į    Benin City, Nigeria 7–13 Giugno: Visita a famiglie e ragazze rimpatriate; incontri con autoritą e comunitą religiose che operano nella zona per il contrasto della “tratta”, per campagne informative, per la ricerca e contatti con le famiglie e per l’accoglienza delle vittime;

Į    Lagos, Nigeria 14–18 Giugno: Corso di formazione per religiose gią menzionato;

Į    Roma, 20–21 Giugno: Convegno organizzato dal Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti e Itineranti sulla Pastorale per la liberazione delle donne sulle strade; gią menzionato e commentato;

Į    Bucharest, Romania 3–8 Luglio: Corso di formazione per religiose;

Į    Roma, 13 luglio: Tavola Rotonda all’Ateneo Pontificio “Regina Apostolorum” per un corso di formazione per 96 religiose di diverse nazionalitą. Il tema richiesto era: “Fronteggiare le sfide odierne con il proprio carisma”. I nuovi Samaritani del Terzo millennio: La tratta delle schiave, sfida la vita religiosa”.

 

A cura di Sr. Eugenia Bonetti

USMI Nazionale

Responsabile settore “Tratta”

Roma, 16 Luglio 2005