Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Home  |  Sala Stampa  |  Notizie  |  Incontri bilaterali al Viminale per rafforzare la cooperazione con i paesi balcanici

Notizie

2014 - Ministro Angelino Alfano

02.12.2014

Incontri bilaterali al Viminale per rafforzare la cooperazione con i paesi balcanici

A colloquio con Alfano i ministri dell'Interno della Repubblica d'Albania, Tahiri, dell'ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Jankulovska, e della Repubblica di Serbia, Stefanovic. Accordo con la Fyrom su scambio di informazioni e operazioni congiunte di polizia

 Viminale 1 dicembre 2014

«La firma dell’accordo rafforza ulteriormente la collaborazione bilaterale tra Italia e FYROM in materia di sicurezza, con l’obiettivo di garantire il raggiungimento degli standard europei nel contrasto ai fenomeni criminali transnazionali, alla corruzione, ai traffici illeciti di droga, di migranti, armi ed esplosivi».

Così il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha commentato l'accordo bilaterale in materia di cooperazione di polizia siglato ieri a Roma, al Viminale, con la Fyrom (Former Yugoslav Republic of Macedonia) nell'ambito dell'incontro bilaterale con il ministro dell'Interno dell'ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Gordana Jankulovska. L'intesa sancisce una serie di misure per lo sviluppo di attività operative e per lo scambio di informazioni tra ufficiali di collegamento ed esperti per operazioni di polizia congiunte.

L'incontro con la collega Jankulovska era uno dei tre bilaterali in programma ieri per il ministro Alfano con i suoi omologhi di altrettanti Paesi dell'area balcanica: la Fyrom, appunto, la Repubblica di Albania e la Repubblica di Serbia.

Con il ministro dell'Interno albanese Saimir Tahiri Alfano ha affrontato i temi della lotta al terrorismo internazionale, compreso il fenomeno dei foreign fighter, e di cooperazione contro il traffico di esseri umani, esprimendo, in generale, apprezzamento per gli sforzi compiuti dall'Albania nel portare avanti le riforme strutturali per migliorare le condizioni di legalità nel Paese, soprattutto per quanto riguarda il contrasto a corruzione, criminalità organizzata e narcotraffico. Il tutto nell'ambito del percorso di avvicinamento dell'Albania all'Unione europea.

Le due Repubbliche, hanno convenuto Alfano e Tahiri, intensificheranno la collaborazione tra Forze di polizia soprattutto sul fronte dello scambio di informazioni, e attiveranno una cooperazione tra le rispettive agenzie nazionali per la gestione dei beni sequestrati alle organizzazioni criminali.

Alfano ha incontrato poi, nel pomeriggio, il ministro dell’Interno della Repubblica di Serbia Nebojsa Stefanovic, con il quale ha parlato del percorso di integrazione europea della Serbia soprattutto in tema di sicurezza e legalità.

Positive, ha sottolineato il titolare del Viminale, le azioni avviate dalle autorità serbe per migliorare le condizioni di legalità nel Paese e la cooperazione bilaterale in materia di immigrazione irregolare, lotta al terrorismo, alla criminalità organizzata e al traffico di stupefacenti.





 | Gradimento Icona Invia | Invia Icona Stampa | Stampa Condividi su Google+ Condividi su Facebook Condividi su Twitter  | Condivisione RSS | RSS
Ministero dell'Interno