Vai al contenuto della pagina | Vai al menù di secondo livello
Home  |  Sala Stampa  |  Notizie  |  Alfano: «Creare campi profughi in partnership con i paesi africani»

Notizie

2014 - Ministro Angelino Alfano

28.11.2014

Alfano: «Creare campi profughi in partnership con i paesi africani»

L'iniziativa con la collaborazione di organizzazioni umanitarie internazionali come l'Alto commissariato Onu per i rifugiati e l'Organizzazione internazionale per la migrazione. Parte da Roma il Processo di Khartoum

Khartum

Si è conclusa a Roma la Conferenza Ministeriale di lancio del Processo di Khartoum. I rappresentanti di 40 Paesi - provenienti da Europa, Corno d’Africa e Africa mediterranea - si sono confrontati, oggi, nella Capitale sui temi migratori ed in particolare sulla lotta al traffico di esseri umani. L'iniziativa è nata dalla volontà di Italia e Commissione europea di approntare uno strumento di dialogo regionale con l’Africa orientale ed in particolare con i Paesi del Corno d’Africa.

«Abbiamo messo in moto un processo di straordinaria importanza per i diritti umani e il contrasto ai trafficanti di uomini e speriamo che il cammino possa concludersi al più presto», ha sottolineato il ministro Alfano nella conferenza stampa conclusiva a cui hanno partecipato l'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini ed il ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, Paolo Gentiloni.

La dichiarazione finale approvata oggi «all'unanimità» dai Paesi europei ed africani, ha aggiunto Alfano, mira a «un contrasto molto duro al crimine organizzato e alla tratta di esseri umani» e prevede «la possibilità di creare campi profughi in partnership con i paesi africani che saranno disponibili ad accoglierli». Il tutto avverrà con la collaborazione di organizzazioni umanitarie internazionali, quali l'Alto commissariato Onu per i rifugiati e l'Organizzazione internazionale per la migrazione (Oim). La presenza di questi campi, ha concluso il responsabile del Viminale, consentirà ai profughi, in fuga da guerre e violenze, di presentare richiesta di asilo «direttamente in Africa».





 | Gradimento Icona Invia | Invia Icona Stampa | Stampa Condividi su Google+ Condividi su Facebook Condividi su Twitter  | Condivisione RSS | RSS
Ministero dell'Interno